Oro: otto suggerimenti per investire
Carl Court/AFP/Getty Images
Oro: otto suggerimenti per investire
Economia

Oro: otto suggerimenti per investire

Belle da vedere, utili da avere in portafoglio. Ecco cosa consigliano gli esperti a chi intende comprare monete d’oro

Nell’ultimo anno, la domanda di lingotti e di monete d’oro è cresciuta globalmente del 6%, fa sapere una recente inchiesta del World Gold Council , l’associazione che raccoglie le principali aziende minerarie aurifere. E questo, a dispetto del fatto che il valore dell’oro abbia perso circa il 20% nel terzo trimestre dell’anno, attestandosi sui 1.326 dollari all’oncia. In base ai dati dell’associazione, inoltre, il consumo si sposta verso Est: l’Asia (Cina e India in testa) e i Paesi medio orientali sono ormai responsabili dell’acquisto di oltre duemila tonnellate d’oro, cinque volte il giro d’affari dei mercati occidentali. Segno che, nonostante il rallentamento della sua corsa, le monete d’oro (e i lingotti per chi se li può permettere) rimangono un’interessante forma di investimento e diversificazione del patrimonio. Per chi considera un acquisto in questo settore, ecco otto suggerimenti degli esperti.

La prima cosa da considerare è la purezza dell’oro. Meglio non scendere sotto i 22K, ma anche spingersi a 24K è una scelta da valutare. Se, da un lato, la presenza di altri metalli nella lega riduce la purezza dell’oro, dall’altro abbassa il rischio che le monete possano essere danneggiate nella manipolazione. E’ vero che oggigiorno le monete trascorrono gran parte del loro tempo nelle cassette di sicurezza, ma non è detto che questo sarà il loro destino in futuro. Secondo suggerimento: le monete d’oro devono appartenere a circuiti comuni. Monete non conosciute rischiano di uscire dagli scambi e ritrovarsi senza mercato. Per esempio, monete con scritte in caratteri arabi potrebbero non interessare ai compratori occidentali. E' importante, dunque, comprare monete caratterizzate da un’alta domanda, per evitare di correre il rischio di non poterle rivendere quando e se sarà necessario.

Terzo: come i marchi, le monete sono in qualche modo “garantite” anche dalla loro provenienza. Fra le monete più apprezzate, figurano la moneta australiana con il canguro, il rand sudafricano, l’aquila americana, la sterlina britannica e la moneta d’oro dell’orchestra filarmonica austriaca, considerata una fra le più belle del mondo. Recentemente, inoltre, ha iniziato a farsi notare anche la moneta turca. Quarto: anche se il loro valore è soprattutto intrinseco, le monete d’oro dovrebbero essere esteticamente gradevoli. Le monete cinesi con inciso il panda sono apprezzate anche da questa parte del mondo, sopratutto da quando la Cina ha cambiato ogni stagione la decorazione sulle sue monete, strizzando l’occhio alle monete da collezione.

Quinto: attenzione al peso delle monete che non sono comparabili direttamente fra di loro, in quanto nel calcolo entrano il peso e la purezza della lega. Sesto: le monete d’oro non sono un investimento a breve termine. Considerata la fluttuazione dei prezzi, gli esperti consigliano di tenerle in portafoglio per almeno tre anni. Settimo: evitare le monete rare. Il loro contenuto di oro non è garantito, senza contare il fatto che due monete possono sembrare uguali, ma solo un esperto è in grado di valutarne qualità e valore. Infine, gli esperti si raccomandano di depositare le monete in una cassetta di sicurezza di una terza parte, invece che lasciarle in custodia al rivenditore che potrebbe approfittare della fiducia del compratore. 

Ti potrebbe piacere anche

I più letti