Dal Mondo

Nessuno lo dice ma l'Isis controlla l'Afghanistan

La Rubrica - Appuntamento in Piazza

Per le Nazioni Unite l'Afghanistan ormai è nelle mani dell'ISIS-K

L'inviato delle Nazioni Unite in Afghanistan Deborah Lyons ha dichiarato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che la risposta dei Talebani all'espansione dello Stato islamico-provincia di Khorasan (ISKP) <<sembra fare molto affidamento su detenzioni extragiudiziali e uccisioni di sospetti combattenti dell'ISKP>>. La funzionaria ha anche detto che ormai i miliziani dell'ISIS-K sono ormai presenti in quasi tutte le 34 province dell'Afghanistan e che <<questa è un'area che merita maggiore attenzione da parte della comunità internazionale>>. Parole che almeno per il momento, si perdono nel vuoto visto che nessuno intende tornare (a giusta ragione) in Afghanistan dove i Talebani ogni giorno, vengono attaccati dai rivali dello Stato islamico.

La svolta gender del liceo di Torino

L'ultima follia del politicamente corretto ci arriva da Torino dove il liceo classico Cavour ha svoltato in ossequio al"gender fluid. Iniziativa che permetterà di utilizzare gli asterischi al posto di alcune lettere finali di alcune parole identificative del genere. Così per le comunicazioni interne verrà utilizzato "student*" invece che studenti o studentesse e "ragazz*" al posto di ragazze o ragazzi. ". La decisione del liceo torinese è stata resa possibile anche da un programma del ministero dell'Istruzione che si chiama "Noi siamo pari". Ufficialmente - ha dichiarato – il dottor Vincenzo Salcone, dirigente scolastico dell'istituto <<faranno sempre ancora testo solo i documenti anagrafici. Ma varrà anche la volontà degli studenti, e al posto delle lettere identificative di un genere, si potrà utilizzare un asterisco". Per Salcone, con questa modalità, la scuola intende fornire "la possibilità di vivere in un ambiente di studio sereno, attento alla tutela della privacy e della dignità dell'individuo, idoneo a favorire i rapporti interpersonali affinché siano improntati alla correttezza ed al reciproco rispetto delle libertà e dell'inviolabilità della persona>>. Chi pensava che i problemi della scuola italiana fossero i banchi a rotelle, le strutture fatiscenti e le molte riforme fallite è servito.

Per la televisione di Stato tedesca il terrorista di Hamas che ha colpito domenica scorsa è una vittima…

Fadi Abu Shahidam, il 42 enne terrorista che ha compiuto l'attentato domenica 20 novembre 2021 nella Città Vecchia di Gerusalemme che era membro di Hamas e Senior dell'organizzazione nel campo profughi di Shuafat che si era travestito da ebreo ortodosso, e che ha iniziato a sparare ferendo 5 persone di cui una, un israeliano, a morte prima di essere ucciso, secondo la televisione di Stato tedesca ZDF era una vittima tanto che ha intitolato "Israele: ucciso un palestinese" senza fare cenno al fatto che l'uomo è stato ucciso dalla polizia dopo aver commesso un attentato. La direzione dell'emittente di Stato travolta dalla polemiche, non ha spiegato la singolare circostanza anche se non è certo un mistero a quale partito faccia riferimento la tv di Stato tedesca con tutto cio' che ne consegue.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti