Dal Mondo

In Francia l'apparizione di Allah, in Africa la strage di cristiani

A Metz il sindaco dà il via libera alla costruzione della nuova moschea dopo un'immagine in cielo... Mentre in Nigeria è caccia ai cristiani

Le apparizioni del Sindaco di Metz (Francia)

François Grosdidier (LR ),ex deputato e senatore, oggi sindaco di Metz (capoluogo del dipartimento della Mosella) e presidente di Metz Métropole, ha deciso di accelerare la costruzione di una mega moschea a Metz. La decisione è arrivata dopo che come lui stesso ha raccontato "mi è apparso Allah sopra il cielo di Metz e ho deciso di autorizzare la costruzione. Si tratta di un progetto gigantesto visto che il luogo di culto si estenderà su 5.649 mq e su un terreno di 11.843 mq, sarà dotato di un museo per l'immigrazione ma anche di un istituto per il mondo arabo, con un minareto alto 34 metri che potrà ospitare in una sola preghiera 1.500 musulmani. Di fatto farà concorrenza alla più grande moschea d'Europa, che è in costruzione a Strasburgo. Forse anche a causa della "trance religiosa" il Sindaco di Metz si è dimenticato di dire che la sua firma sul permesso di costruzione risale ad alcuni mesi fa. Ma è possibile che era distratto da qualche problema giudizario come accaduto lo scorso 19 aprile 2021 dove è stato multato di 6.000 euro per "appropriazione indebita di fondi pubblici". Prima ancora era successo nel 2013 quando da deputato fece finaziare l'associazione Valeur Écologie, di cui era a capo. Come deputato fece arrivare 100.000 euro a questa associazione nel 2009 e 60.000 euro nel 2011. Nel febbraio 2019, François Grosdidier è stato accusato di "rappresentanza illecita di interessi" e "appropriazione indebita di fondi pubblici…". In ogni caso François Grosdidier tira dritto perché ora e anche uomo di fede ma soprattutto resta un uomo colto. Sul fatto.

Londra e le aggressioni che è meglio (per alcuni) non raccontare

PLEASE PRAY FOR OUR DEAR SISTER HATUN TASH! PEACEFUL RELIGION?? www.youtube.com


Domenica scorsa al famoso Speakers' Corner di Hyde Park a Londra, un luogo tradizionale per discorsi e dibattiti pubblici fin dalla metà del 1800, Hatun Tash, una convertita dall'Islam al Cristianesimo che spesso si impegna in dibattiti pubblici, è stata pugnalata sopra l'occhio destro e sulla sua mano da un musulmano che è riuscito a fuggire. L'uomo non voleva che lei parlasse così come non voleva che la donna indossasse una maglietta di Charlie Hebdo e per questo l'ha aggredita. Hatun Tash si trovava lì perché nell'ultimo secolo e mezzo l'angolo degli oratori si è guadagnato la reputazione di luogo in cui chiunque può dire qualsiasi cosa e la libertà di parola è rispettata e protetta. Tuttavia quei giorni sono un ormai lontano ricordo perché a causa dell'immigrazione di massa, in gran parte di musulmani dal Nord Africa, l'angolo degli oratori è dominato da predicatori musulmani che cercano di convertire le persone all'Islam e quando non parlano, intimidiscono fisicamente coloro che li sfidano. Si stima che i relatori e i partecipanti siano circa l'80% musulmani, il 10% cristiani, con il restante 10% distribuito su una varietà di altre confessioni e attivisti politici. E le autorità che fanno ? Nulla o quasi perché l'ordine di scuderia è quello di non di non offendere i membri della crescente e irrequieta comunità musulmana del paese e si spiega solo cosi' la lentezza nell'agire contro coloro che commettono aggressioni e intimidiscono gli oratori all'angolo degli oratori "Speakers' Corner". Ma questa è solo la punta dell'iceberg: pensiamo le bande di stupratori composte quasi interamente da musulmani che hanno distrutto la vita di migliaia di ragazze non musulmane britanniche, qui le autorità in numerosi casi non hanno fatto nulla per fermare gli autori, per paura che agire contro di loro li avrebbe fatti finire davanti a ad un giudice con accuse di "razzismo" e "islamofobia". Nessun dubbio su come finirà in Inghilterra e per averne prova fatevi un giro nelle principali città inglesi.

In Nigeria è strage di cristiani

Nonostante la morte dello storico leader dell'organizzazione terroristica "Boko Haram" Abubakar Shekau ucciso nel corso di uno scontro interno al gruppo nel maggio del 2021, non si fermano le operazioni di pulizia etnico-religiosa che prendono di mira i cristiani. Secondo alcune inchieste giornalistiche una reaizzata dal Foglio, nei primi 200 giorni del 2021, le violenze islamiche contro le persone, le chiese, i villaggi e le fattorie sono letteralmente esplose come mostrano alcuni drammatici dati: 3.462 fedeli uccisi, appena 68 in meno rispetto al totale di cristiani uccisi in tutto il 2020 (3.530), dieci sacerdoti uccisi, 300 chiese distrutte e date alle fiamme dal mese di gennaio ad oggi. Perché a nessuno interessa questa strage? E perché nessuno si inginocchia per loro? Perche sono cristiani o c'è dell'altro?

Ti potrebbe piacere anche

I più letti