Dal Mondo

4,6 tonnellate di cocaina sequestrate in Francia

La Rubrica - Appuntamento in Piazza

Francia maxi sequestro di cocaina

Europol ha reso noto che lo scorso 30 novembre, una nave brasiliana che trasportava oltre 4,6 tonnellate di cocaina è stata intercettata dalla Marina francese a seguito di attività di intelligence in corso tra Europol, MAOC-N e le autorità di Brasile, Francia, Regno Unito e Stati Uniti. Diretta verso l'Europa, la nave, lunga 21 metri, è stata intercettata in acque internazionali al largo della Sierra Leone. Si ritiene che la sua spedizione illegale abbia un valore superiore a 150 milioni di euro. È ancora in corso un'indagine per identificare i gruppi criminali coinvolti su entrambe le sponde dell'Oceano Atlantico.

Svizzera Tariq Ramadan alla sbarra

La giustizia svizzera si è dimostrata molto più rapida di quella francese. Tariq Ramadan non andrà in assise ma davanti ad un tribunale penale, il 15 e 16 maggio 2023. L'ex predicatore musulmano rischia ancora fino a dieci anni di carcere. In tutto sei donne, cinque in Francia e una in Svizzera, lo accusano di stupro e coercizione sessuale. Qualche giorno fa, Tariq Ramadan ha attaccato violentemente sui social network i suoi accusatori – cinque in Francia e uno in Svizzera – accusandoli di essere « barcollanti che tradiscono la causa delle donne e si alleano con ideologi della peggior specie». Quanto a tutti coloro che osano criticarlo, sono solo « intellettuali così sionisti che le vite dei palestinesi non valgono per loro più di quelle dei topi che devono essere liquidati».

Strasburgo attentato sventato

Sette giovani radicalizzati stavano preparando un'azione violenta in Francia: arrestati dalla DGSI, la Direzione generale della sicurezza interna (DGSI) ha arrestato, a Strasburgo, nel Bas-Rhin, sette giovani radicalizzati sospettati di preparare un'azione violenta in Francia. Si tratta di cinque individui già noti della DGSI e altri due recentemente entrati nel territorio nazionale, secondo una fonte vicina ai nostri colleghi. Sono di nazionalità russe e tagike, e sono radicalizzati.

Indonesia rilasciata la mente degli attentati di Bali del 2002

Un militante islamico condannato per aver realizzato gli esplosivi utilizzati negli attentati di Bali del 2002 che hanno ucciso oltre 200 persone è stato rilasciato in libertà vigilata dopo aver scontato circa la metà della sua condanna originale di 20 anni di carcere nonostante le proteste dell'Australia, che ha perso decine di cittadini negli attacchi indonesiani. Hisyam bin Alizein, noto anche con il suo alias Umar Patek, era un membro di spicco della rete collegata ad al-Qaeda Jemaah Islamiyah, accusata anche delle esplosioni in due discoteche a Kuta Beach. Patek è stato anche riconosciuto colpevole dal tribunale distrettuale di West Jakarta di aver aiutato a costruire un'autobomba che è stata fatta esplodere da un'altra persona fuori dal Sari Club di Kuta la notte del 12 ottobre 2002. Pochi istanti prima, una bomba più piccola in uno zaino era stata fatta esplodere da un attentatore suicida nella vicina discoteca Paddy's Pub. Gli attacchi hanno ucciso 202 persone, per lo più turisti stranieri, tra cui 88 australiani.

I più letti