Da Parigi a Bruxelles: quanti parenti ha la jihad
GETTY IMAGES
Da Parigi a Bruxelles: quanti parenti ha la jihad
News

Da Parigi a Bruxelles: quanti parenti ha la jihad

Due fratelli tra gli attentatori di Bruxelles? Non è la prima volta. Anche moglie mariti, e cugini. Come Panorama aveva spiegato lo scorso dicembre

Anche il 22 marzo, a Bruxelles, due dei terroristi erano fratelli. Parenti della Jihad. Esattamente come tanti altri prima di loro (e come Panorama aveva raccontato nel numero in edicola dal 10 dicembre scorso):

Syed Rizwan Farook e Tashfeeen Malik: marito e moglie, rispettivamente 28 e 27 anni, americani di origini pakistane: sono gli autori della strage nel centro disabili  di San Bernardino, in California (14 morti e 21 feriti) del 2 dicembre 2015. Sono stati uccisi dalla polizia mentre cercavano di fuggire su un Suv nero. A casa avevano un arsenale.

Abdelhamid Abaaoud e Hasna Ait Boulhacem: cugini marocchino-belgi, rispettivamente di 28 e 26 anni: Abaaoud è considerato la mente degli attentati parigini del 13 novembre 2015. Intrappolati il 18 novembre in un appartamento di Saint-Denis, lui è stato ucciso e lei si è fatta saltare in aria.

Brahim e Salah Abdeslaam, i due fratelli della strage di Parigi ANSA FOTO

Brahim e Salah Abdeslam: fratelli francesi d’origine algerina e residenti in Belgio, rispettivamente di 31 e 26 anni: sono due degli attentatori del 13 novembre 2015
a Parigi (130 morti). Il primo si è ucciso facendo esplodere la sua cintura esplosiva presso un caffè in rue de Voltaire. Il secondo è rimasto latitante per quattro mesi, fino al 18 marzo scorso.

Said e Cherif Kouachi: fratelli franco-algerini, rispettivamente di 32 e 34 anni: addestrati in Siria, hanno compiuto la strage del 7 gennaio 2015 nella redazione
di Charlie Hebdo a Parigi (12 morti). Sono stati intrappolati dalla polizia francese il 9 gennaio a Damartin-en-Goele e sono stati entrambi uccisi.

Amedy Coulibaly e Hayat Boumeddiene: marito e moglie, rispettivamente 32 e 26 anni, hanno preso parte agli attentati parigini del 7 gennaio 2015: Coulibaly ha ucciso un’agente per strada e quattro clienti di un supermercato ebraico. Il 2 gennaio Boumeddiene, partecipe del piano, era già fuggita in Siria.

Tamerlan e Dzhokhar Tsarnaev: fratelli ceceni rispettivamente di 27 e 20 anni, sono gli autori dell’attentato alla maratona di Boston del 15 aprile 2013 (3 morti e 264 feriti). Il primo è stato catturato e condannato a morte; il secondo è stato ucciso in una sparatoria con la polizia, in cui è morto un agente. Sono sospettati anche di altri attentati, rimasti senza autore nel 2011.
 

I coniugi Maliki, gli attentatori della strage di San Bernardino GETTY VIA FBI

Ti potrebbe piacere anche

I più letti