News

Clinica Santa Rita, le intercettazioni che hanno condannato Brega Massone

Ecco cosa diceva il chirurgo condannato all'ergastolo per omicidio con crudeltà: "Il tendine è sbagliato? Opera lo stesso"

 

La-clinica-Santa-Rita-di-Milano_emb4.jpg

Polmoni aperti. Tendini scambiati. Mammelle asportate. Ogni pezzo, un prezzo. Un guadagno. Sembrano provenire da una macelleria le conversazioni intercettate nell'ambito dell'inchiesta sui Drg gonfiati alla clinica Santa Rita di Milano . "Io ho sempre pensato al bene dei miei pazienti": il primario di chirurgia toracica Pier Paolo Brega Massone, condannato ieri all'ergastolo per aver ucciso 4 pazienti, operati anche se erano malati terminali, con lo scopo di incassare i rimborsi del servizio sanitario nazionale, si difendeva così nel corso degli interrogatori del Gip Michaela Curami dalle numerose accuse dei Pm Grazia Pradella e Tiziana Siciliano.

Ad incastrarlo le cartelle mediche ma anche le intercettazioni telefoniche legate all'inchiesta. Al centro del "sistema" di truffa ai danni del sistema sanitario nazionale sembra esserci proprio Brega Massone. Parlando di ''redditività" con un tale Aldo dice: ''No... sai qual è il problema?.. il problema... secondo me che dovresti cercare di investire su qualcuno che ha principalmente una patologia oncologica", "qualcosa sulla mammella eccetera...o...avere qualcuno...tipo di senologia che vi mandi i tumori...'' perché più redditizi. Parlando invece delle operazioni di un professore universitario, il primario dice: "Si ciucciava tutto lui, si faceva venire quei quattro sfigati, con la storia che era dell'università, gratis, che lo portavano in macchina avanti e indietro e si beccava lui alla fine il Drg e faceva 6/7 massimo.. .gli ho visto fare sette pazienti ma neanche tutti polmoni....sette, non so se tu prendi 800 euro per... per polmone, 7 per 8 fa 5.600 euro lordi...."

Sempre dalle carte dell'accusa emerge un altro episodio di malasanità all'interno della Santa Rita: la conversazione, datata 6 febbraio 2008 e riportata dall'Ansa, avviene tra la dottoressa Arabella Galasso, ortopedico indagato, e una collega:

"Galasso: ciao gioia senti abbiamo un casino...

collega:"... Allora, ma non gliel'avete poi messo il tendine?"

Galasso: "Sì, no no quello di ieri non era nostro..."

collega: "...ah non era suo?"

Galasso:"...Oggi l'abbiamo ritirato..."

collega: "...Non er...ah non era il medico quello che si era rotto!"

Galasso: "...No...si il medico che si è rotto l'abbiamo operato oggi, so che ieri ti hanno restituito un tendine......ma non era roba nostra..."

collega: "Ah......e di chi era...?"

Galasso: "...Non era della mia equipe, non so dirti chi l'ha ordinato e l'ha rimandato indietro. Senti abbiamo un problema sul tendine di oggi... perché voi mi avete mandato questo emitendine rotuleo con tutto il certificato di idoneità e il codice del donatore, la data di nascita, di morte, gruppo sanguigno peccato che la busta che m'avete mandato è un tendine tibiale anteriore...nato in una data diversa da questo qua, cioè non c'è corrisponde... noi abbiam dovuto usare il tibiale purtroppo perché ormai il paziente era aperto..."

collega: "... vabbe'..."

Galasso: "... quindi l'a. . l'abbiamo usato..."

collega: "Cosi è andato bene il tibiale?"

Galasso: "...Si non era fantastico rispetto al...a..al rotuleo che ci aspettavamo anche perché qui abbiamo tutta la descrizione del tendine..."

collega: "... ma porco giuda..."

Galasso: "Ma non era quello descritto qui..."

collega: "Ma guarda te..."

Galasso: "Quindi adesso io ti telefonavo proprio per la corrispondenza della documentazione che ho in mano, perché ho la busta con d...con un gruppo A negativo ricevente R.D. C'è scritto, tendine tibiale anteriore..."

Ti potrebbe piacere anche

I più letti