Chi ha voluto Sergio Mattarella Presidente della Repubblica
ANSA
Chi ha voluto Sergio Mattarella Presidente della Repubblica
News

Chi ha voluto Sergio Mattarella Presidente della Repubblica

Il Capo dello Stato ha avuto due sostenitori: Giorgio Napolitano e Matteo Renzi. Che ora potrebbe guardare con interesse a elezioni anticipate

L’esultanza e l’esaltazione forse plasticamente più vistose per l’elezione di Sergio Mattarella presidente della Repubblica sono quelle di Rosy Bindi ("commossa"dalla scelta di Matteo), Pier Luigi Bersani e Nichi Vendola. Il che è tutto dire: una triade tutta orientata a sinistra. E così, per quanto storicamente il cuore della maggioranza degli italiani non batta a sinistra, l’Italia ha l’ennesimo capo dello Stato di sinistra. Anzi, tanto di sinistra da ricompattare la maggioranza renziana e la minoranza interna del Pd. Un presidente che dovrà ora dimostrare di rappresentare non una parte, ma tutti i cittadini. (C’è chi sostiene che il collante di un consenso così corale per Mattarella sia l’essersi dimesso da ministro, in un’epoca glaciale della Prima Repubblica, contro la Legge Mammì che sanciva e autorizzava la nascita della televisione privata in Italia: uno schiaffo a Berlusconi).

Due i kingmaker di Mattarella, artefici della svolta alla quarta votazione, quella che prescrive la maggioranza assoluta e non più due terzi: Giorgio Napolitano, che si è speso pubblicamente per spingere i grandi elettori alla massima convergenza sul nome del giudice costituzionale ed ex pluri-ministro dc, e naturalmente il premier, Matteo Renzi. Che ha soddisfatto gli ultimi desideri di Napolitano, ricompattato il Pd sfiancato da mesi di fronda interna, creato scompiglio nel centro-destra diviso tra il governativo Alfano costretto alla fine a votare Mattarella, Forza Italia che ha optato per la scheda bianca, a sua volta pungolata dai fittiani da sempre ostili al Patto del Nazareno, e gli irriducibili Fratelli d’Italia e Lega di Salvini.

Mattarella, il capolavoro di Matteo Renzi


E adesso? Che cosa succede?
Ci sono riforme ancora in mezzo al guado (legge elettorale e riforma del Senato) anche se le insidie maggiori sono ormai alle spalle, grazie alla collaborazione di Forza Italia in Senato. Passeranno ugualmente, perché alla Camera i numeri ci sono senza gli azzurri. Ma qualcosa si è rotto.

L’incanto del Patto tra Berlusconi e Renzi. Si fanno così più vicine le elezioni anticipate, e non perché l’opposizione abbia la forza per imporle, ma perché lo stesso Renzi potrebbe voler affrontare le urne prima che il consenso scenda troppo, strappando l’investitura popolare che non ha e ripartendo con una prospettiva di cinque anni di governo e di legislatura. Sceglierà lui il momento, sapendo anche di avere al proprio fianco il neo-presidente, Mattarella, che non gli fa ombra e che proprio lui ha voluto e imposto.

Pesa, contro Renzi, una grande incognita: come potrà l’elettorato di centro-destra sostenere in futuro un uomo che consegna il Quirinale a una figura di parte, ancorché grigia? Grigio, probabilmente, Mattarella lo resterà per poco. Al Quirinale si son viste ben altre metamorfosi. Quell’assenza di empatia del neo-Presidente, sulla quale Renzi avrebbe espresso dubbi con Napolitano, potrà diventare una cifra della sua immagine di inquilino del Colle: la sobrietà piace.

Renzi invece dovrà scegliere tra essere leader di un Pd che comprende Bersani, Civati, Migliore e si allea con Sel e qualche grillino, o candidato leader di un “partito della nazione” capace di pescare in campo moderato. Dopo l’elezione di Mattarella, questa seconda opzione perde consistenza. E nel paese come in Parlamento, si faranno meno sconti al premier, se non porterà avanti le riforme e non realizzerà le tante, troppe promesse che ha fatto.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti