ANSA/ANGELO CARCONI
News

Berlusconi e l'ircocervo Salvini-Di Maio

Così il leader di Forza Italia ha definito l'unione dei due leader in un governo di coalizione

"Io rimango fedele ai patti: ho detto in campagna elettorale che la forza politica del centrodestra che avrebbe ottenuto più voti avrebbe avuto il diritto di indicare il premier. Salvini ha il diritto e il dovere di provare a formare un governo, per attuare i programmi che abbiamo proposto agli italiani. I cittadini attendono risposte sul lavoro, sulle tasse, sulle soglie di povertà, sull'emergenza criminalità. La classe dirigente deve dimostrare di aver capito la lezione".

Così il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervistato dal Corriere della Sera.

Si fida di Salvini?, gli viene chiesto. "Non ho mai avuto motivo di non fidarmi - risponde -. Mi ha sempre lealmente detto quello che intendeva fare. Quando non l'ho condiviso ne abbiamo discusso e abbiamo trovato insieme la soluzione migliore". Quindi aggiunge: "Se la coalizione si rompesse, oltre a essere tradito il mandato degli elettori, nessuno di noi avrebbe più titolo per rivendicare la guida del governo".

Secondo l'ex premier, una figura terza per Palazzo Chigi dovrebbe essere solo un'extrema ratio. "Sinceramente preferisco un governo guidato da chi ha vinto le elezioni. E con questo intendo il centrodestra, se unito. I Cinque Stelle hanno ottenuto un buon risultato, ma sono arrivati secondi".

E Salvini e Di Maio al governo assieme, da soli? "Sarebbe un ircocervo, l'animale mitologico spesso citato dai filosofi antichi come esempio di assurdità, perché in esso convivono caratteri opposti e inconciliabili. E poi perché Salvini dovrebbe fare il socio di minoranza di un governo Cinque Stelle?".

Ti potrebbe piacere anche