Anche le telecamere spiavano i vip all'Assunta Madre
Facebook - Vitali
Anche le telecamere spiavano i vip all'Assunta Madre
News

Anche le telecamere spiavano i vip all'Assunta Madre

Il settimanale Panorama, nel numero in edicola dal 24 aprile, svela alcuni retroscena della spy story in corso in un noto ristorante romano

Non c’erano solo le microspie nel ristorante romano Assunta madre dove è stato intercettato il colloquio tra il fratello del senatore Marcello dell’Utri e l’imprenditore Vincenzo Mancuso sul presunto piano di fuga all’estero del cofondatore di Forza Italia. Oltre alle cimici, c’erano anche le telecamere. È quanto rivela Panorama, in edicola da domani, aggiungendo particolari al caso intercettazioni nato proprio dopo che è stata resa pubblica la conversazione su Dell’Utri.

Il settimanale, entrando più nel dettaglio della notizia già anticipata nel numero scorso, spiega che agli atti esisterebbe un colloquio tra un imprenditore romano molto noto il quale, a tavola con più commensali, avrebbe detto di aver fatto pressioni su alcuni magistrati di Roma per scongiurare una serie di arresti. Un ruolo di interdizione, a suo dire, condiviso anche con un alto funzionario del ministero dell’Interno e un professionista famigliare di una carica istituzionale. Questo colloquio, come altri registrati in otto mesi di intercettazioni all’Assunta madre, è ovviamente coperto dal segreto in attesa che la squadra mobile di Roma invii la propria relazione conclusiva alla procura di Roma. Le microspie, come noto, erano state attivate per fare luce su una vicenda di riciclaggio in cui sarebbe coinvolto il titolare dell’Assunta Madre, Gianni Micalusi.

Panorama scrive che un componente del Csm avrebbe saputo già qualche mese fa dell’esistenza delle cimici nel ristorante e avrebbe effettuato una sorta di passaparola a Palazzo dei marescialli.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti