Adolescenti alla Casa Bianca: la difficile vita dei figli del presidente Usa
Mark Wilson / Getty Imagines
Adolescenti alla Casa Bianca: la difficile vita dei figli del presidente Usa
News

Adolescenti alla Casa Bianca: la difficile vita dei figli del presidente Usa

Accusate di essere malvestite e annoiate, le due figlie di Obama sono finite sotto i riflettori

Alla fine, la blogger repubblicana ha dovuto chiedere  perdono. Troppo clamore per le sue parole, troppe polemiche per l'attacco alle due ragazze Obama. In nome del politically correct, Elisabeth Lauten ha cancellato il post e si è scusata. Ma per un paio di giorni le sue critiche a Malia e Sasha (16 e 13 anni) hanno fatto discutere l'America.

La descrizione fatta dalla Lauten della partecipazione delle due fanciulle alla cerimonia che si è tenuta alla Casa Bianca della grazia del tacchino in occasione del Thanksgiving Day ha sfiorato la ferocia, o l'iperealismo, a seconda dei punti di vista.

Le ragazze sono apparse annoiate e malvestite, ha scritto la blogger. Gonne corte e stivaletti alla caviglia, un abbigliamento molto alla moda tra i giovani; sguardo rivolto all'insù per sottolineare più volte l'assoluto distacco, la noia per una cerimonia alla quale le due si sarebbero volentieri sottratte: il ritratto di due tipiche adolescenti americane.

Tutto troppo casual per la Lauten. Che ha deciso così di stroncare l'atteggiamento poco consono per il luogo e l'occasione di Malia e Sasha.

Il post della repubblicana è diventato subito virale. Il pubblico si è diviso tra colpevolisti e innocentisti. I democratici l'hanno buttata in politica. La Lauten si è comportata così solo perché è un avversario, hanno detto. Come si fa a mettere in croce le due ragazze solo perché sono delle adolescenti?

Alla fine, la rete ha votato. E ha votato contro la Lauten. Che ha dovuto fare marcia indietro. Malia e Sasha sono state 'salvate'. Sono abiutuate a stare sotto i riflettori, ma non troppo. Sono entrate alla Casa Bianca quando erano due bambine e proprio in virtù delle loro tenera età sono state molto protette, soprattuto da Mamma Michelle.

Ora che sono diventate grandi, dovranno fare i salti mortali per non essere messe sotto il fuoco di fila dei media. La curiosità nei loro confronti sarà particolare. E'accaduto a molti figli delle coppie presidenziali Usa.

Qualcuno ha dato scandalo. Altri sono stati esempio di virtù. Comunque sia nessuno ha mai fatto sconti ai ragazzi della Casa Bianca. Ricorderete Jenna Bush, la gemella ribelle. Minorenne, venne beccata un paio di volte mentre tentava di acquistare una bottiglia di un superalcolico. Il tipico peccato dell'adolescente fece scalpore.

Chelsea Clinton era una quindicenne quando scoppiò l'affare Lewinsky. Si trovò in una vicenda molto grande sia dal punto di vista privato sia da quello politico. A lei, all'epoca, interessava più il primo che il secondo.

Riuscì a passare indenne una tempesta che poteva danneggiare e molto, lei, la sua famiglia e la presidenza degli Stati Uniti. Forse è anche per questo che adesso Chelsea è un personaggio pubblico con una sua autorevolezza presso il pubblico americano.

Non adolescente, ma sicuramente irriquieta è stata Patti Davis, la figlia di Ronald e Nancy Reagan. Era già adulta quando il padre andò alla Casa Bianca. Pubblicò un libro autobiografico feroce nei confronti della madre, poi divenne un'attrice e posò un paio di volte per Playboy.

Hunter Biden, il figlio dell'attuale vicepresidente, è stato invece cacciato dalla Marina Militare perché trovato positivo alla cocaina. Per il padre, Joe  Biden è stato un duro colpo.

Essere figli alla Casa Bianca non sempre è facile. Devi essere normale e diverso allo stesso tempo. Le pressioni sono molto forti su di te. Diciamo che per Sasha e Malia siamo al battesimo del fuoco. Per loro, questo Thanksgiving è stato il passaggio dall'infanzia all'adolescenza. Almeno nel loro rapporto con i media e l'opinione pubblica.





Obama e famiglia

WHITE HOUSE
Obama con le figlie
Ti potrebbe piacere anche

I più letti