Getty Images
Sport

Nba, mercato: ecco le squadre che vogliono Gallinari

Atlanta, Boston, Detroit ma anche New York e Los Angeles le possibili destinazioni del Gallo, parso a Londra alla fine della sua avventura con Denver

Non servivano i 18 punti messi a segno nella vittoria in surplace, 140-112, di Denver contro Indiana per ribadire che Danilo Gallinari è e sarà un pezzo pregiato del mercato Nba fino alla trade deadline del prossimo 22 febbraio.

Sì, perché leggendo tra le righe della prestazione del Gallo agli Nba Global Games di Londra sembra sempre più evidente come la frattura tra l’azzurro e Mike Malone, emersa ufficialmente dopo la presa di posizione del coach – l’accusa era stata di mancanza di leadership - nei confronti della vecchia guardia dei Nuggets , ‘capitanata’ proprio da Gallinari, stia relegando a un ruolo troppo marginale quella che, di fatto, dovrebbe essere la stella della squadra.

Nella trasferta all’O2 Arena Gallinari è partito con tre triple nei primi 4 minuti di gioco, chiudendo il primo quarto a 11 punti e segnando subito il break decisivo di una vittoria fondamentale per Denver dopo quattro sconfitte consecutive. Da lì in poi però il Gallo, rimasto comunque in campo per 33 'doverosi’ minuti, considerato il talento e lo stipendio da Superstar, è stato messo nell’angolo soprattutto offensivamente, chiudendo con 18 punti e sei tiri presi nei restanti tre quarti e mezzo di gioco.

Quali squadre vogliono Gallinari?

La buona notizia, per Danilo e per i tifosi azzurri, è che ci sono diverse squadre Nba, anche se non tutte di prima fascia, che sarebbero interessate a mettere le loro mani sul numero 8 dei Nuggets; le quali tra l’altro da parecchio tempo stanno facendo ‘chatting’ intorno al giocatore per non rischiare di perderlo nel 2018, quando diventerà free agent, e scambiarlo già durante questo inverno per qualche scelta di rilievo al draft o inserendolo in qualche trade per arrivare a un all star.

Atlanta Hawks

La pista più concreta resta quella degli Atlanta Hawks che già dalla scorsa estate avevano cercato il Gallo e che dopo aver perso Korver hanno bisogno di rinforzi sul perimetro.

La contropartita dei Nuggets sarebbe quella dell’intero pacchetto veterani che comprenderebbe, appunto, Gallinari più Kenneth Faried, Wilson Chandler e, da qualche settimana, anche Jusuf Nurkic, 2 metri e 11 bosniaco relegato in panchina dopo l’esplosione di Nikola Jokic.

Boston Celtics

La seconda opzione per il Gallo sarebbe quella di Boston, con cui i primi ‘rumors’ risalgono addirittura a febbraio di 12 mesi fa e che da altrettanti mesi sta cercando in tutti i modi di colmare le sue lacune in termini di pericolosità sull’arco dei tre punti.

Anche in questo caso Denver potrebbe offrire il pacchetto con Gallo, Faried e Nurkic in cambio di giocatori – Avery Bradley, Jae Crowder e Marcus Smart possono essere disponibili per una giusta contropartita, così come Amir Johnson, Tyler Zeller e Jonas Jerebko, in scadenza di contratto – o di scelte al draft.

Detroit Pistons

Negli ultimi tempi si è fatta largo anche la pista Detroit, che avrebbe più di un motivo per cercare il numero 8. In primis trovare un’alternativa al pick&roll Reggie Jackson-Andre Drummond, ma anche dare un giocatore cerebrale a un coach ‘esigente’ come Stan Van Gundy oltre che, come per Boston, trovare una maggiore pericolosità sul perimetro.

In questo caso la contropartita di Denver potrebbe essere Gallinari e Gary Harris in cambio di Tobias Harris e Darrun Hilliard. Certo, lato Gallo, un passaggio a Detroit non sarebbe di certo utile a soddisfare le sue ambizioni di titolo ma più forse per strappare ai Pistons il massimo salariale e un ruolo da superstar.

New York Knicks

Più suggestivo, ma non necessariamente conveniente in termini ‘ambientali’, sarebbe il ritorno di Gallinari ai Knicks insieme a Wilson Chandler, ceduti da New York proprio a Denver nel febbraio 2011 in cambio di Carmelo Anthony.

La mossa servirebbe ai Nuggets per arrivare a Paul Milsap, che rimane il loro primo obiettivo, o a DeMarcus Cousins mentre i Knicks, che hanno comunque il problema di trovare contropartite valide, ritroverebbero i punti del Gallo, mandato via proprio all’inizio del suo processo di maturazione, e l’energia di Wilson Chandler che ha caratteristiche considerate ‘ideali’ per giocare accanto a Derrick Rose.

Los Angeles Clippers

Complicata ma interessante, soprattutto nell’ottica di giocare in una squadra da titolo, è la trade che porterebbe Gallinari a Los Angeles, sponda Clippers, in un maxi-scambio per portare Blake Griffin a Boston.

In pratica i Clips cederebbero Griffin e Pierce a Denver in cambio di Gallinari, Barton e Crowder. I Nuggets a loro volta girerebbero immediatamente i due giocatori ai Celtics in cambio di Crowder, Amir Johnson, Jerebko e la prima scelta di Brooklyn del 2017.

A quel punto Boston si ritroverebbe con il suo agognato all star mentre i Clippers potrebbero giocare con il Gallo, in un ruolo da protagonista, la cosiddetta ‘small ball’, ovvero con un ala piccola a fianco di DeAndre jordan.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti