Club Dogo contro Elio, accuse e insulti su Twitter

Elio accusa il gruppo per i contenuti delle canzoni e il cantante rap milanese replica su Twitter. I fan in rivolta si schierano e la polemica continua...

Guè Pequeno e Elio

Matteo Politanò

-

"Ma un verso come 'sto lontano dallo stress, fumo un po' e dopo gioco a P.E.S.' è un messaggio che fa schifo al cass... Ed è mille volte più volgare di quello che diciamo noi nella canzone "Cara ti amo”

Ecco la frase di Elio che ha scatenato un beef musicale che solo fino a qualche anno fa sarebbe sembrato impossibile. Elio contro i Club Dogo e in particolare contro Guè Pequeno che dopo le parole del cantante ha replicato su Twitter con un messaggio che non lascia spazio a fraintendimenti o interpretazioni: 

gue.jpg

Poche parole che sono bastate a scatenare un vero e proprio putiferio. Il rapper dei Clubo Dogo è stato assaltato dai fan di Elio e le storie tese che non vedevano l'ora di poter esternare tutto il loro disgusto su testi e tematiche trattate nelle canzoni del gruppo rap. Stereotipi e inni all'utilizzo di droghe che stonano con una realtà che dal 1980 ha tutto un altro approccio con la musica. I fan di Guè Pequeno non sono però stati con le mani in mano e hanno sottolineato come l'invidia per il successo di un genere odiato come il rap abbia portato Elio a parlare per luoghi comuni. "Parla dei testi di Guè ed ha appena collaborato con Fedez facendo un inno dedicato ad Alfonso Signorini, questi si che sono grandi contenuti". Il botta e risposta tra supporter continua senza sosta con le due fazioni che si scatenano non appena Elio condivide sulla pagina di Fb le parole del "collega". In pochi minuti si superano le mille condivisioni con oltre 1,500 commenti infuriati. "Ma questo non sa suonare neanche il triangolo ancora lo ascoltate?", "ti auguro la fine del vitello dai piedi di balsa, idiota", "Pequeno, puoi parlare quanto vuoi ma ricordati che la vera presa per il c*** te l' ha fatta lui, e gli è bastato un Pinguino".

elio.jpg

Se la polemica vivrà di nuovi capitoli o resterà una parentesi non è dato saperlo, quel che è certo è che poche frasi sono bastate per far scatenare la rete su un tema che sta a cuore a molti: i contenuti dei testi di maggior successo negli ultimi anni. Chi denigra il genere hip hop e la musica rap incolpa i Club Dogo di offrire al suo giovanissimo pubblico uno stereotipo diseducativo che esalta positivamente droga e superficialità intellettuale, luoghi comuni che rallentano l'evoluzionismo. I fan di Gué Pequeno e del gruppo milanese sono invece dalla parte di Guè che senza filtri e censure, come è sempre stato, ha toccato in poche parole il punto principale della questione: il fastidio di tanti esponenti della musica nel vedere il genere rap così in alto nelle classifiche e nel gradimento. Invidia? Difficile credere che Elio possa invidiare i Club Dogo... O no?

© Riproduzione Riservata

Commenti