Roberto Catania
Tecnologia

Le 6 migliori fotocamere viste al CES 2016

Reflex, compatte, action cam: ecco quali sono le novità più interessanti apparse a Las Vegas

Ok, non sarà Photokina, ma resta comunque uno degli appuntamenti più attesi dagli appassionati di fotografia. Il CES di Las Vegas, la più grande manifestazione mondiale dedicata all’elettronica di consumo, anche quest’anno è stata prodiga di novità.

Nikon, Canon, Panasonic, Sony e molti altri hanno infatti approfittato della kermesse americana per presentare le primizie di stagione, in alcuni casi semplici aggiornamenti, in altri veri e proprie new entry.

In questa rassegna vi sveliamo i 6 modelli più interessanti che abbiamo individuato nei giorni della fiera [Scorri Avanti per continuare].







Nikon D5

Nikon D5 Nikon

Non è solo l’erede della fortunata D4, ma anche la più poderosa reflex full-frame mai partorita da Nikon. La sensibilità ai confini della realtà (fino a 3.280.000 ISO in modalità Hi 5) e il nuovo autofocus a 153 punti (99 a croce) fanno di questa macchina un boccone prelibato soprattutto per gli amanti della fotografia sportiva. Unica pecca, l’assenza di un sistema di connettività integrato: per mettere la D5 nelle condizioni di “dialogare” con PC, smartphone e tablet occorre utilizzare il modulo wireless venduto separatamente

Nikon D500

La si potrebbe considerare come la migliore risposta di Nikon alla Canon Eos 7D Mark II o, se preferite, la miglior reflex in formato Aps-C della casa giallo-nera. Il concetto comunque non cambia: la Nikon D500 ammicca all’utenza che non deve chiedere mai (il sistema autofocus da 153 punti, per dire, è lo stesso dell’ammiraglia D5) ma senza pretendere cifre da capogiro. Da sottolineare la presenza di un nuovo sistema di connettività integrata (SnapBridge) che consente di trasferire in continuo foto e video su smartphone e altri dispositivi mobili

Nikon KeyMission 360

Nikon KeyMission 360 Nikon

A dieci anni esatti dall’uscita del modello che ha segnato la nascita del filone delle action cam - La GoPro Digital Hero - Nikon giapponese rompe gli indugi annunciando KeyMission 360, un nome che è tutto un programma: stiamo parlando, infatti, di una fotocamera capace di registrare video 4k con visuale sferica. Un piccolo prodigio che nasce dalla combinazione fra un sensore di immagine e un obiettivo posizionati sui due lati opposti della fotocamera. 

Sony HDR-AS50

Restando in tema di fotocamere “estreme”, vale la pena segnalare l’uscita della nuova HDR-AS50, una piccola ma agguerritissima action cam costruita intorno a un sensore da 11,1 megapixel retroilluminato e stabilizzato (SteadyShot). Per gli amanti delle riprese in soggettiva la possibilità di variare il bit rate in base all’effetto desiderato, passando dai 50 Mbps in XAVC S al rallenty a 120p/100p. Il modulo fotografico lavora in tandem con un visore remoto che può essere allacciato al polso.

Panasonic Lumix DMC-TZ100

Per Panasonic piccolo è bello. Soprattutto se, come in questo caso, c’è spazio a sufficienza per ospitare un sensore da 1 pollice, un obiettivo Leica f/2,8-5,9 e uno stabilizzatore ottico a cinque assi. Il risultato è una compatta lillipuziana di qualità (c’è pure un mirino elettronico integrato), capace di lavorare su un’escursione massima di 10X. Come su altri modelli del produttore giapponese la funzione 4K Photo che permette di distillare foto da 8 megapixel da filmati in 4K.

Panasonic Lumix TZ80

Nel catalogo del produttore nipponico fa la sua comparsa anche questa minuscola compatta con teleobiettivo a scomparsa (30X) che si rivolge a quanto vogliono un'alternativa di qualità, ancorché tascabile, allo smartphone. All’interno un sistema AF sofisticato che permette fra le altre cose di scegliere la messa a fuoco migliore successivamente allo scatto, sfruttando la combinazione di una serie di foto in sequenza. Nella lista delle opzioni video si può scegliere fra I’Ultra HD fino a 25 fotogrammi al secondo (Mp4) o il Full HD a 50/60 fotogrammi al secondo (AVCHD).

Ti potrebbe piacere anche

I più letti