Mai etichettare le persone! La lezione di Ginsberg
Mai etichettare le persone! La lezione di Ginsberg
Blog

Mai etichettare le persone! La lezione di Ginsberg

Anni fa, quando ancora ero ancora uno studente universitario, venne a Milano Allen Ginsberg, guru della beat generation americana. Fernanda Pivano mi chiese di andarlo a prendere, per accompagnarlo nel luogo dove avrebbe tenuto la sua lettura di versi

Anni fa, quando ancora ero ancora uno studente universitario, venne a Milano Allen Ginsberg, guru della beat generation americana.

Fernanda Pivano mi chiese di andarlo a prendere, per accompagnarlo nel luogo dove avrebbe tenuto la sua lettura di versi.

Appena lo vidi, gli chiesi: ‘Are you Allen Ginsberg, the famous poet?’. E lui mi rispose, con il candore e la semplicità stralunata del genio umile: ‘I am one of them’ ovvero ‘Sono uno di loro’ .

In macchina mi chiarì che era il poeta, il prof universitario, il musicista, l’attivista contro le guerre, il rivoluzionario, l’imprenditore con una libreria ed una casa editrice, lo showman, l’amante, e molte altre persone, tutte riconducibili a se stesso. Fu una bella lezione per me! Mai etichettare qualcuno con una definizione cosi parziale, come quella del lavoro che svolge!

Ognuno di noi è un essere complesso che gli altri, per scarsità di tempo, tendono a definire ricorrendo al suo lavoro, ad un aggettivo, o – peggio – ad una piccola calunnia, magari facendola passare inizialmente per un complimento, che lascia il segno in chi l’ha accettata ed in chi l’ha subita.

Un esempio: ‘E’ un creativo’, che negli USA è il miglior complimento che si possa fare ad una persona, in Italia si interpreta come: ‘E’ un cialtrone, è poco affidabile, è uno che propone sempre nuovi modi di fare le cose, quindi rompe le scatole perché non esegue quello che gli si ordina, ed è poco incline a rispettare le regole!’.

Attenzione, perché le etichette che diamo agli altri sono il nemico dell’innovazione e del cambiamento: cristallizzano le persone in giudizi monolitici, in cui esse stesse si autorelegano, limitando le proprie possibilità di crescita! Se un’azienda vive di etichette, blocca la crescita umana e professionale dei propri colleghi, ed – alla fine – rimarrà essa stessa chiusa in un’etichetta: quel brand che, senza innovazione, nel tempo diverrà obsoleto!

Ti potrebbe piacere anche

I più letti