Mike Mozart, Flickr
Tecnologia

Lumia, Surface, Xbox: le novità di Microsoft

Alle 16 l’azienda presenterà nuovi smartphone, tablet e aggiornamenti per il settore gaming. Ma la sorpresa potrebbero essere gli HoloLens

Mancano poche ore alla conferenza in diretta da New York di Microsoft, che si può seguire qui. Le voci su ciò che verrà svelato si sono susseguite velocemente nelle ultime settimane e quasi tutte riguardano i nuovi smartphone Lumia 950 e Lumia 950 XL, pubblicati per sbaglio sul sito web di Microsoft e cancellati dopo qualche minuto. Ma i due potrebbero non essere gli unici telefonini pronti a solcare il palco newyorkese e soprattutto non sarebbero i soli dispositivi hardware presentati oggi dall’azienda.

Soprese si attendono anche dal punto di vista software, con Windows 10 pronto a rilanciarsi anche in versione ridotta così da unificare le esperienze del mondo desktop a quello mobile. E se fosse giunto il momento per il sistema operativo su Xbox One? Satya Nadella non ha nascosto in passato la volontà di “windowsfizzare” l’universo hi-tech e non è detto che non ci riesca. Che altro aspettate: cliccate sulla freccia a destra per scoprire le novità che ci attendono.

Lumia

microsoft lumia 930 Kārlis Dambrāns, Flickr

Come detto ci sono all’orizzonte due Lumia certi: il 950 e il 950 XL. Ma non è tutto. Qualche giorno fa sul sito russo ufficiale di Microsoft è apparso un nuovo dispositivo esteticamente diverso dai primi citati. Secondo molti si tratterrebbe del Lumia 850, smartphone di fascia medio-basso “powered by” Windows 10. Proprio come la gamma 950. 

Surface 4 Pro

microsoft surface 3 pro Ambassador Base, Flickr

La risposta all’iPad Pro di Apple è pronta. La mossa fatta da Cupertino non impensierisce minimamente Redmond che già da diversi anni ha monopolizzato il mercato dei tablet professionali con il suo Surface. Certo i dati di mercato non sono mai stati così incoraggianti ma dalla sua la soluzione di Microsoft ha un ecosistema completo e molto vicino ad un notebook, pur avendo forme, dimensioni e peso di un tablet. Apple ha lo stile, Microsoft tutto il resto.

Microsoft Band

microsoft band Microsoft

La seconda versione del braccialetto indicato soprattutto per il fitness potrebbe essere in realtà una prima assoluta per due motivi. Prima di tutto da noi si è visto ben poco, poi le vendite del primo arrivato non sono state per nulla esaltanti, complice anche l’assenza di chiare strategie di marketing. Il mondo dei wearable è però maturo ed è il caso che Microsoft faccia i conti anche con questo nuovo settore. Lanciare un braccialetto che sia solo un braccialetto sarebbe però assai riduttivo; ecco allora l’integrazione della connessione con la Xbox per comandare i personaggi di alcuni giochi solo con il braccio.

Windows (Phone) 10

windows phone 10 softpedia

Discorso a parte merita il sistema operativo. È alquanto probabile che sui nuovi Lumia ci sarà il tanto atteso aggiornamento alla versione 10, che abbiamo imparato a conoscere ed apprezzare sul computer già da qualche mese. Se gli aggiornamenti visivi saranno ridotti all’osso, ciò che cambia è la possibilità di interagire con il telefono così come si farebbe sullo schermo più grande, con ovvie limitazioni di spazio. Questo vuol dire lasciare una mail non completata su computer e finirla in mobilità, oppure un documento Word e una presentazione Powerpoint da ultimare (cosa già possibile con Office 2016), piuttosto che riprendere le conversazioni di Skype quando si entra in ufficio e si mette da parte il cellulare. Nulla di rivoluzionario per carità ma il percorso “One Microsoft” cominciato con Nadella potrebbe trovare il suo passo finale proprio oggi, con Windows 10.

Xbox One

xbox one fifa 16 Marco Verch, Flickr

Con Windows 10 c’è la possibilità di fare streaming della propria Xbox One quando si è connessi alla stessa rete Wi-Fi così da giocare con il computer mentre in TV passa altro. Questo potrebbe essere solo lo step intermedio all’avvento su console di Windows 10, o almeno di un surrogato del sistema operativo completo. Potrebbe sembrare un’eresia ma non lo è: al Gamescom di agosto, l’azienda ha confermato l’arrivo di Windows 10 sulla sua console che concentrerà il fulcro principale delle attività su Cortana, per un’interazione vocale rinnovata e pienamente compatibile con il mondo del gaming. Apple ha fatto lo stesso con la nuova TV e Siri. Il terreno dello scontro è evidentemente diverso ma serve a tener vivo l’interesse sulla questione assistenti vocali-fuori-dallo-smartphone.

HoloLens

microsoft hololens Microsoft Sweden, Flickr

Il rischio è che gli occhialini di realtà virtuale aumentata facciano la fine dei Google Glass; ovvero una brutta fine. L’oblio della dimenticanza è dietro l’angolo e dunque Microsoft deve dare uno scossone ai suoi innovativi visori. Quale modo migliore per farlo se non annunciando una chiara disponibilità? Che poi questa riguardi per ora solo il settore professionale poco importa, vogliamo mettere le mani sugli HoloLens e vogliamo farlo entro l’anno. Dopo potrebbe essere troppo tardi.

Ti potrebbe piacere anche
Video Divertenti

Una manicure canina

I più letti