sara simeoni
(Ansa)
sara simeoni
Televisione

Sara Simeoni è la rivelazione televisiva dell'estate

Il successo del talk olimpico di Rai2, Il Circolo degli Anelli, ha regalato una seconda ondata di popolarità alla campionessa di salto in alto e medaglia d'oro a Mosca nel 1980. E c'è si immagina per lei un futuro in tv, magari a Sanremo 2022

Il 4 agosto 1978 Sara Simeoni compì un'impresa storica: a Brescia superò la barriera dei 2 metri riuscendo a saltare a 2,01 (era la prima volta in assoluto per una donna), un record mondiale rimasto imbattuto fino agli Europei di Atene 1982. «Volai oltre due metri, ora vivo da dimenticata: non posso dire che l'atletica si sia ricordata di noi, che ci abbia messo nella condizione di spartire le nostre esperienze coi più giovani», disse nel 2019 in un'intervista all'indimenticato Gianni Mura. Due anni dopo, Sara Simeoni è senza dubbio la rivelazione televisiva dell'estate, complice la sua partecipazione a Il circolo degli anelli, il talk sportivo di Rai2 ideato per commentare le olimpiadi di Tokyo 2020 e raccontarle in chiave inedita, con uno sguardo laterale e un occhio alle famiglie degli atleti. Doveva essere protagonista di un'intervista di mezz'ora invece è diventata ospite fisso e si è trasformata in icona amatissima anche dai giovani.

Sara Simeoni è la rivelazione televisiva dell'estate

Dal salto in alto, al salto nel vuoto televisivo. «"Quanto devo stare, un'oretta? Perché io la sera vado a dormire presto", mi ha detto quando l'ho invitata. Invece abbiamo capito subito il suo potenziale ed è diventata un'ospite fissa», ha raccontato Alessandra De Stefano, la giornalista e vice direttore di Rai Sport nonché conduttrice de Il circolo degli anelli (un successo inaspettato: partito dal 4% ha toccato il 15% di share), rivelando la genesi della partecipazione di Sara Simeoni. Invece la sua intelligenza, la sua preparazione e la sua ironia hanno conquistato tutti, gli addetti ai lavori ma soprattutto il pubblico. «Per me è stato un salto nel vuoto, non sapevo come sarebbe andata. È una vita che sono lontana dallo sport vissuto quotidianamente e non ho esperienza come cronista sportiva», ha ammesso la Simeoni tracciando con il quotidiano veronese L'Arena un bilancio finale della sua partecipazione. Da campionessa olimpica e insegnante di scienze motorie in pensione, ha brillato dal primo momento e non ha più smesso fino alla fine della trasmissione. «L'ho presa con il sorriso. Anche perché, pur essendo lo sport una cosa molto seria, credo ci sia davvero tanto bisogno di divertirsi dopo quest'ultimo anno e mezzo molto duro e drammatico».


La star de Il circolo degli anelli, dai look alle capriole con Yuri Cechi

Chi era abituata a un'immagine composta e quasi seriosa della primatista mondiale medaglia d'oro per il salto in alto a Mosca nel 1980 (14 volte campionessa italiana e detentrice del record italiano di salto in alto per 36 anni), si è ricreduto vedendola ogni sera sempre più a suo agio ne Il circolo degli anelli, un salotto tv dove c'era spazio per le storie dei campioni olimpici e delle loro famiglie, per le interviste con i personaggi di Tokyo 2020 ma anche per tanto sano «cazzeggio tv», a tratti quasi dal sapore arboriano. E la Simeoni non solo non si è sottratta all'atmosfera di divertimento, ma ne è stata tra i protagonisti grazie anche all'alchimia scattata con la conduttrice e con l'altro opinionista fisso, Yuri Chechi, il quale ha mostrato un'ottima padronanza dei tempi televisivi e indole da mattatore. Il momento cult? Quando la Simeoni non ha resistito alla tentazione e nonostante i tacchi ha azzardato una capriola sul materasso. «Mi avete fatto venire voglia», ha ammesso tra le risate dopo aver rotto un microfono. Ma oltre alle prove di abilità e ai look improbabili (quello della serata finale, con la capigliatura da geisha omaggio al Giappone è un meme virale sui social), la campionessa ha vinto grazie alla spontaneità assoluta e all'empatia, emozionandosi fino alle lacrime davanti alle storie degli atleti italiani e delle loro famiglie.


Il futuro della Simeoni in tv (magari a Sanremo 2022)

Insomma, è nata una star televisiva. Ed è nata perché è scattata l'alchimia con il pubblico, che ha riconosciuto in lei una dose altissima di autenticità (cosa che può capitare solo quando il personaggio non prende il sopravvento sulla persona), un tesoretto che per molti critici e commentatori le potrebbe aprire la strada ad un futuro in tv. Su Twitter c'è persino chi l'ha candidata a Sanremo 2022, magari al fianco di Amadeus come co-conduttrice per una serata, altri invece la vedrebbero bene come concorrente a Ballando con le stelle, che inizia il prossimo ottobre, o ancora «affetto stabile» di Oggi è un altro giorno, il talk di Rai1 di Serena Bortone. Lei per ora fa sapere di voler pensare solo a riprendersi la sua normalità, fatta di piccole cose, come le sue amate passeggiate tra i monti. La tv, almeno per ora, può aspettare.


Ti potrebbe piacere anche

I più letti