Musica

La voce magica di YOUNHA è tornata con «End Theory»

Quando si parla di YOUNHA, non si può tralasciare il fatto che questa trentatreenne oggi sia una delle vocalist più leggendarie dell'industria K-pop. Il suo potere è unico: cantando riesce a portare tutte le emozioni e i suoi colori nella voce e a spargerli, come polvere di stelle. sugli ascoltatori. Stardust è anche il nome della title track del suo sesto album, END THEORY. YOUNHA non manca mai di conquistare i suoi ascoltatori. La sua voce si mescola perfettamente con i suoi testi che parlano d'amore e di temi come la salute mentale, le lotte e l'autosvalutazione.

Mentre ci stiamo avvicinando al primo anniversario di Winter Flower, la canzone a cui ha lavorato con RM dei BTS, Panorama.it ha avuto la possibilità di intervistarla in esclusiva


Bentornata YOUNHA. Come è stato tornare dopo quattro anni?

Mi sembra di aver riversato tutto nel mio lavoro nell'ultimo anno, ma stranamente non è stancante. Penso che sia a causa della sete di non poter comunicare musicalmente per molto tempo a causa della pandemia. Grazie per il tuo benvenuto.

Parliamo del tuo nuovo lavoro: END THEORY. Perché hai scelto questo titolo?

Dopo aver studiato e pensato molto mentre lavoravo a questo album, volevo esprimere come mi sentivo riguardo al tema della "fine". Se c'è un inizio, c'è sempre una fine, e poiché sei consapevole della fine, devi sentire l'importanza del processo. Penso che dare un'interpretazione specifica sia un ostacolo per l'ascoltatore perché penso che ogni ascoltatore la sentirà in modo diverso a seconda della sua situazione, ma ho pensato che fosse la canzone che mostrava l'espressione più onesta della preziosità di cui ho parlato, così l'ho scelta come titolo.

Parliamo della tua musica. Ho avuto il tuo album a ripetizione dal primo giorno. Puoi dirci di più sul suo processo di creazione?

Un anno è stato un tempo molto più lungo di quello che mi aspettavo di passare in studio. C'erano così tante cose che volevo dire, ma dopo averle implicate e messe nell'album, è diventato più complicato da spiegare in modo semplice. Come sempre, la musica non si fa da soli, quindi questa volta, è stata completata con l'aiuto di diversi musicisti e ingegneri. Per non volatilizzare tutti questi processi interni ed esterni, un totale di 8 documentari sono stati pubblicati sul mio canale YouTube. Sono disponibili anche i sottotitoli in inglese, quindi se volete andare più a fondo, unitevi a noi.

Cito la tua canzone, How u doing: "a volte è un po' dura/Ma io la sopporto/Non piango più". Non nascondi mai l'oscurità dietro il tuo essere idol. Come stai ora? Se potessi parlare alla giovane YOUNHA quale consiglio le daresti?

Sto molto bene in questi giorni. E' davvero un bene non nascondere l'oscurità, ma più la esprimi, più diventa intensa e maggiore è il rischio di diventarne dipendenti. Forse è la particolarità della gioventù. Se potessi incontrare il giovane me, direi: "Ci sono giorni in cui non riesci a dormire e ci sono giorni in cui dormi bene". E voglio dire che è perfettamente normale".

Stardust è una canzone così potente e mostra tutta la tua impressionante gamma vocale. Savior chiude il cerchio del tuo album mostrando tutto il tuo talento. Quale delle nuove tracce dell'album senti più vicina a te e perché?

La canzone che mi tocca di più in questo momento è Oort Cloud. Penso che ci siano diversi tempi nella vita, e penso che questo sia il momento di iniziare una nuova sfida e un nuovo viaggio. La Nube di Oort è l'ultima sezione molto grande e ampia alla fine del sistema solare. Si dice che Voyager arriverà qui presto dopo aver completato tutte le missioni nel sistema solare. Se dicessi presto, ci vorrebbero altri 2-300 anni (ride), ma non è finita. Ho iniziato a lavorare quando ero un adolescente, quindi mi sono sentito obbligato a smettere prima di altri. Ma quando guardo e confronto Voyager, mi sento carino con me stesso a pensare così. Non si può essere sempre allegri e positivi. A volte devi prendere energia da altre persone. In questo senso, questa canzone è una canzone che mi ricarica.

Hai debuttato nel 2004, hai fatto parte di questo mondo e dell'Hallyu wave per molto tempo. Come è cambiata l'industria negli ultimi anni?
Penso che stia cambiando in modo positivo. È un bene che la musica coreana chiamata K-pop sia diventata famosa, ma ciò che è ancora meglio è l'orgoglio delle persone che la gestiscono. Man mano che la fiducia in se stessi migliora, si ha la possibilità di creare qualcosa di meglio.

La tua scrittura è sempre estremamente sincera. È come leggere le vite di tutti nei tuoi testi. Come riesci a trasmettere i tuoi sentimenti nella musica?

Trovo la storia che voglio davvero raccontare attraverso le conversazioni con me stesso, e penso a che tipo di spazio virtuale mettere il personaggio che racconta la storia. E cantare con i personaggi in quello spazio è il mio modo di farlo. Penso che un buon testo è solo quando qualcosa che è sia vero che finzione è mescolato con moderazione.

Hai collaborato con molti artisti durante la tua carriera. Uno di loro è RM dei BTS. Come è stato lavorare su una canzone come Winter Flower? E siete ancora in contatto?

Non poteva esserci un amico che potesse esprimere Winter Flower meglio di lui. In questi giorni, siamo entrambi impegnati, ma c'è un'espressione come questa in coreano. 'Nessuna notizia è una buona notizia'.

C'è qualche idol di nuova generazione con cui ti piacerebbe collaborare?

Sono rimasto sorpreso nell'ascoltare l'album solista di D.O. degli EXO. Sapevo che era bravo, ma quando ho sentito la canzone che ha cantato in spagnolo, mi sono innamorata. Se un giorno ci sarà la possibilità, mi piacerebbe lavorare insieme.

Ho un'ultima domanda. Qual è la End Theory di YOUNHA?

Forse è un ricordo con le persone a cui sono grata, e che hanno lavorato insieme a me per 11 mesi. Spero che END THEORY rimanga come un ricordo simile a quelli che hanno lavorato con me in questo periodo.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti