Musica

Jazz e un pizzico di rap: Indigo la End e pH-1 con «Love» raccontano le sfumature dell'amore in tre lingue

Inglese. Giapponese. Coreano. Un mix di culture e suoni diversi ha dato vita a "Love", una canzone del gruppo giapponese Indigo la End featuring pH-1, il noto rapper coreano-americano rappresentato dall'etichetta di Jay Park, H1GHR MUSIC. Il brano, pubblicato il 1° ottobre, è la perfetta combinazione tra le sonorità indie-rock degli Indigo la End e il jazz vecchio stile che si può ascoltare di notte bevendo whisky nei piccoli club di Tokyo. Ma al suo interno «Love» nasconde anche un potente rap di pH-1, tutto in inglese, che dà vita a una sonorità unica nel suo genere.

Panorama.it ha coinvolto in una doppia intervista Enon Kawatani, frontman di Indigo la End e pH-1.


Congratulazioni per questa collaborazione. Potete raccontarci come è nata?

E.K: «Quando abbiamo suonato per la prima volta in uno show all'estero, siamo rimasti commossi dal fatto che ci siano effettivamente dei fan là fuori e questo ci ha fatto desiderare che la nostra musica fosse più ascoltata anche a livello internazionale. Quindi per farlo, con il consiglio della Warner Music, abbiamo fatto un'offerta a pH-1 e lui ha gentilmente detto di sì».
pH-1: «Enon e la sua etichetta mi hanno contattato per collaborare al loro prossimo progetto. Quando ho sentito la loro musica, ho subito voluto partecipare. Ho dato attivamente le mie idee a Enon su quale tipo di sound sarebbe stato più interessante per entrambi».

La traccia «Love» ha un suono unico. Mescola le vibrazioni jazz con una potente sessione rap. Qual è stata la difficoltà principale nel creare questa canzone?


E.K: «Non ho mai scritto una canzone con una sezione rap in mente quindi mi ci è voluto molto tempo prima che l'arrangiamento della sezione ritmica prendesse forma. È stato difficile fare un arrangiamento per includere l'elemento fusion giapponese nella canzone che pH-1 adorava, ma anche per far risaltare il suo rap. Per quanto riguarda gli altri membri della band, credo che la parte più difficile sia stata il ritmo irregolare dell'outro. Chitarra e sezione ritmica suonano con un ritmo diverso, quindi ci è voluto del tempo per capire davvero cosa stesse succedendo nel quadro generale della canzone».
pH-1: «Un ostacolo evidente era la distanza. A causa del COVID-19, non siamo stati in grado di incontrarci di persona, quindi tutte le nostre discussioni/sessioni di brainstorming sono state svolte su Zoom. Mi sono comunque divertito molto a realizzare la canzone con Enon».

«Love» è una canzone trilingue. Giapponese, coreano e inglese si fondono come liquori in una bevanda perfetta. Cos'è l'amore in questa canzone?


E.K.: «Penso che essere flessibili nel comprendere gli altri sia anch'essa una forma di "amore". Si può trovare l'amore solo comprendendo. Ma è difficile. Questo è il messaggio della canzone».
pH-1: «L'amore sta superando tutte le barriere, siano esse lingue, culture o educazione diverse. L'amore non vede colori, razze, età, generi, ecc.»

Chitarra, la batteria e poche parole che colpiscono: "entrambi abbiamo dimenticato come amare/Amare non dovrebbe essere difficile". Potete raccontarci qualcosa di più sul testo della canzone?

E.K.: «Chiedere comprensione prima di cercare di capire l'altro può creare attriti. Semplicemente invertendo quell'ordine, puoi trovare l'amore. Ma perché è così difficile per noi? Questo è il messaggio del testo di questa canzone».
pH-1: «Quando eravamo più giovani, non era difficile amarsi. Non ci importava della propria etnia, lingua, età o situazione finanziaria. È solo dopo che siamo cresciuti che abbiamo iniziato a preoccuparci di più di tutte queste cose. È quasi come se avessimo perso parte della nostra innocenza quando si tratta di amarci l'un l'altro come un essere umano uguale. Volevo ricordare a tutti, incluso me stesso, che dovremmo smettere di "calcolare" tutti questi fattori e semplicemente amare con i nostri cuori.»

Quando ho ascoltato per la prima volta questa canzone, è stato come camminare di nuovo per Tokyo di notte. È in grado di risvegliare molti ricordi in chi la ascolta. E poi, all'improvviso, mi sono ritrovato da qualche altra parte del mondo, avvolta nella voce di pH-1. Cosa cercavi di comunicare a chi ascolta questa canzone?

pH-1: «Il tema principale di questa canzone era dire che l'amore può essere spesso frainteso a causa delle diverse lingue, background culturali, ecc. Volevo dire alle persone che "l'amore" non dovrebbe essere così difficile e dovremmo sempre provare per capirci l'un l'altro».

Indigo la End, questa è la vostra prima collaborazione all'estero. Enon Kawatani, hai detto che hai dovuto lavorare molto su questa canzone per renderla perfetta. Puoi condividere con noi alcuni dettagli del processo creativo?

E.K.: «Per collaborare con pH-1, ho prima scritto una traccia in loop in modo che fosse facile rapparci sopra. Ma durante l'incontro con pH-1 nel processo di scrittura delle canzoni, è venuta fuori la parola "fusion" e ho deciso di riscrivere l'intera canzone. Il mio obiettivo era quello di creare una canzone su cui potesse rappare e con cui divertirsi. Volevo scrivere la nostra versione di fusion e ho continuato a riscrivere la progressione del codice ancora e ancora. Ci siamo presi anche del tempo per registrare ciascuno strumento. Pensavo che la canzone sarebbe stata completata dopo che il rap di pH-1 è stato aggiunto, ma il suo rap era così groovy che non potevo impedirmi di riscrivere la melodia della mia parte vocale per dargli più slancio. La canzone era finalmente completa dopo tante riscritture e modifiche».

pH-1, hai detto che avresti sempre voluto lavorare con una band giapponese. Come sei arrivato a lavorare con Indigo la End, e cosa significa per te, musicalmente parlando?

pH-1: «È stato un grande piacere lavorare con Indigo la End. Enon e la sua band hanno riportato alla mente ricordi di quando ascoltavo Casiopea e T-Square. Gli Indigo la End hanno un suono e un'energia unici che ho davvero amato, e credo che questo sia il motivo per cui la nostra collaborazione è stata un successo. I nostri diversi stili musicali hanno portato sinergia e creato qualcosa di bello».

Il video musicale presenta sia gli Indigo la End che pH-1 bloccati in scatole di vetro trasparente con motivi diversi che li incorniciano. Come è nata questa idea?

E.K.: «L'idea è venuta dal regista e dallo staff ma credo che fosse un modo perfetto per esprimere la difficoltà dell'amore con un muro/vetro in mezzo a noi».
pH-1: «In realtà è stata un'idea del regista MV. Mi ha detto che rappresenta le persone intrappolate all'interno della casa senza connessione da uomo a uomo a causa del COVID. Non siamo in grado di comunicare di persona ma solo attraverso i nostri dispositivi mobili. È lì che nascono le incomprensioni e ci dimentichiamo di amarci».

Se poteste scegliere una sola parola per definire questa collaborazione, quale sarebbe?

E.K.: «Elegant combat sport».
pH-1: «LOVE».

Ti potrebbe piacere anche

I più letti