Il congedo di paternità
Foto di Elisa Parrino Rensovich
Il congedo di paternità
Blog

Il congedo di paternità

Una scelta coraggiosa che, mi auguro, diventi sempre più comune

Jacopo ha occhi grandi, guance decisamente non regolamentari, un sorriso che conquista e due genitori coraggiosi che hanno saputo fare scelte contro corrente seguendo solo il cuore. 

Voi sapete bene quanto io creda nella necessità che la cura dei figli sia onere e onore tanto della madre quanto del padre ed è per questo che, qualche tempo fa, mi colpì come un piacevolissimo schiaffo quella frase che Marco, il papà di Jacopo, mi rivolse nei corridoi della radio per cui lavora e dove ogni tanto mi capita di andare.

"Ti saluto Andre", mi disse, "fra qualche giorno vado in paternità". Mentre parlava, lo ricordo ancora oggi, aveva un bel sorriso; di quelli che portano assieme la felicità, la speranza di vivere al meglio qualcosa di grande e, al contempo, quel pizzico di paura e sana incoscienza che servono per godersi le scelte importanti.

Uscendo dall'ufficio di Marco, anche io avevo sulle labbra un sorriso; ripensavo a quando i miei figli erano piccoli e a quanto avrei voluto fare anche io quella scelta. 

Non appena Marco tornerà, pensai, voglio che mi racconti tutto e oggi che Marco è tornato a lavoro, una tarda mattinata prenatalizia ci siamo seduti ad un tavolo, e lui mi ha raccontato.

Quando scoprono che Jacopo è in arrivo, Marco e sua moglie Caterina sono giovani, entrambi lavorano e condividono la convinzione che se i figli si fanno in due, sempre in due vanno cresciuti.

A differenza di Marco, peraltro, Caterina lavora in una piccola azienda e visto che avere due stipendi in casa fa comodo, durante le vacanze di Natale prendono la decisione; quando saranno in tre, Marco e Caterina si alterneranno nella gestione del piccolo Jacopo e anche Marco chiederà un congedo di paternità così da permettere a sua moglie di non assentarsi troppo a lungo dall'ufficio.

Da Natale a quando la notizia viene ufficializzata passa pochissimo tempo, e la prima cosa bella che da qui in poi caratterizza la loro storia è la reazione entusiasta dei capi di Marco.

Già, dei capi, perché paradossalmente gli unici ad essere scettici sono invece i colleghi maschi, soprattutto quelli che i figli già li hanno e che provano a minare le convizioni di Marco a colpi di "ma chi te lo fa fare?", "ma ne sei davvero certo?" e via così. 

Non riescono però a scalfirlo e dopo mesi passati a lasciare le consegne a chi lo sostituirà mentre lui sarà 24 ore al giorno con il suo bimbo, arriva il giorno X e con quello...il panico.

Marco è molto onesto mentre al tavolo del bar cui siamo seduti mi guarda e mi spiega che, paradossalmente, l'unico passaggio di consegne che non avevano curato era proprio quello fra Caterina lui e ora, di punto in bianco, toccava a lui.

Anche Caterina, forse, si rende conto allora che quello di cui avevano parlato era diventato realtà e come capitò anche a mia moglie, che perse il latte il primo giorno in cui il nostro Marco andò al nido, reagisce somaticamente al cambiamento, con una grande febbre che la costringe a casa per un bel po'. 

Mentre Jacopo continua a vivere sereno, questa volta è Marco che sereno non è affatto e quasi si offende del fatto che la moglie abbia reagito così; lo percepisce come un segno di sfiducia nei suoi confronti e di non apprezzamento del ruolo che aveva scelto di assumere.

Come la febbre, però, anche la maretta in casa di Caterina, Marco e Jacopo passa. La mamma torna a lavoro e il papà comincia a fare...il papà a tempo pieno.

Già, perché proprio come avevo intuito quella mattina nei corridoi della radio, Marco ha proprio intenzione di fare il papà, né il mammo, nè il tato, semplicemente e bellissimamente il papà.

Le giornate che aveva immaginato per lui e Jacopo diventano molto diverse quando si torna alla realtà dei fatti e alla quotidianità di un bimbo di pochi mesi; meno gite in giro per il mondo, forse, e molti più pomeriggi del previsto al parchetto sotto casa; ma giorno dopo giorno Jacopo e Marco innaffiano una pianta che sorriso dopo sorriso, coccola dopo coccola diventa la spina dorsale del loro rapporto.

E di quello fra Marco e Caterina; "in quelle settimane e in quei mesi", mi racconta ancora, "io ho capito molto di mia moglie, di quanto fosse infinitamente faticoso stare a casa con un bimbo piccolo, di quanto fosse bello per me e per Jacopo sentirla tornare e gioire della quotidianità della nostra famiglia."

Marco, nelle sue giornate con Jacopo, incontra fra le persone molto stupore, tantissima approvazione e senza dubbio anche qualche occhiata storta di cui, forte della sua corazza di papà a tempo pieno, nemmeno si cura e oggi sorride.

Lo rifaresti? gli chiedo quando stiamo per andare via. Lui nemmeno prende fiato per rispodermi: Sì, mille volte.

Hai davvero ragione Marco, se tornassi indietro lo farei anche io perché l'acqua scorre tutti i giorni nel fiume e sembra sempre la stessa, ma in realtà quella che è andata via non torna più.


Ti potrebbe piacere anche

I più letti