Foto

Ferdinando Scianna in mostra a Venezia

Sino al 2 febbraio 2020, alla Casa dei Tre Oci di Venezia, una grande antologica che racconta oltre cinquant’anni di carriera di uno dei maestri della fotografia contemporanea.

Curata da Denis Curti, Paola Bergna e Alberto Bianda, la mostra in programma alla Casa dei Tre Oci di Venezia ripercorre oltre 50 anni di carriera di Ferdinando Scianna - il primo fotografo italiano a far parte (dal 1982) dell'agenzia fotografica "Magnum" - attraverso 180 opere in bianco e nero, suddivise in tre grandi temi: Viaggio, Racconto, Memoria.

Per l’occasione, esposte anche una serie d’immagini di moda che Scianna ha realizzato a Venezia come testimonianza del suo forte legame con la città lagunare.

La mostra "secondo Scianna"

Dotato di grande autoironia, Scianna ha scelto un testo di Giorgio Manganelli per sintetizzare questa sua mostra: “Una antologia è una legittima strage, una carneficina vista con favore dalle autorità civili e religiose. Una pulita operazione di sbranare i libri che vanno per il mondo sotto il nome dell’autore per ricavarne uno stufato, un timballo, uno spezzatino…”.

E la mostra veneziana ci propone un ricco "pot purri" di oltre 50 anni di narrazioni, in cui non mancano di certo emozoni e suggestioni: da Bagheria alle Ande boliviane, dalle feste religiose - esordio della sua carriera - all’esperienza nel mondo della moda, iniziata con Dolce & Gabbana e con la sua modella icona Marpessa.

Poi i reportage, i paesaggi, le sue ossessioni tematiche come gli specchi, gli animali, le cose e infine i ritratti dei suoi amici, maestri del mondo dell’arte e della cultura come Leonardo Sciascia, Henri Cartier-Bresson, Jorge Louis Borges, solo per citarne alcuni.

Dove e Quando, info tecniche

Sede
Casa dei Tre Oci | Fondamenta delle Zitelle, 43, Giudecca, Venezia

Vaporetto
Fermata Zitelle
Da piazzale Roma e dalla Ferrovia linea 4.1 - 2
Da San Zaccaria linea 2 - 4.2

Date
Dal 31.08.2019 al 02.02.2020

Orari
Tutti i giorni, dalle 10.00 alle 19.00; chiuso martedì

Ti potrebbe piacere anche