Enrico Pieranunzi presenta a Roma e Milano il suo album “My Songbook”
Ufficio stampa Casa del jazz
Enrico Pieranunzi presenta a Roma e Milano il suo album “My Songbook”
Musica

Enrico Pieranunzi presenta a Roma e Milano il suo album “My Songbook”

Per la prima volta i brani del pianista sono interpretati dalla sensuale voce di Simona Severini

I due artisti si sono consciuti nel 2012 in occasione di un tributo a Lucio Dalla

La fusione di due anime, quella classica e quella jazz, è il segreto dello stile personale e ricercato del pianista Enrico Pieranunzi, in cui convivono l’inventiva tipica della musica improvvisata accanto al rigore e al lirismo della musica classica. Di lui lo scrittore e giornalista americano Nat Hentoff ha scritto: “Pieranunzi è in grado di swingare con energia e freschezza e, nello stesso tempo, di non perdere mai la sua capacità poetica. La sua musica canta”.

Oggi le storie in musica di Pieranunzi, composte e arricchite nel corso degli anni, sono esaltate dalla sensuale voce di Simona Severini nell’album My songbook, pubblicato recentemente da Jando Music/Via Veneto Jazz, che sarà presentato stasera alla Casa del Jazz di Roma e domani(10 marzo) al Blue Note di Milano.

Una collaborazione, quella tra Pieranunzi e la Severini, iniziata nel 2012 in occasione del tributo discografico a Lucio Dalla, e giunta con My songbook al suo  coronamento. Il pianista romano si presenta qui nella inusuale veste di songwriter rivelando  un’ulteriore, emozionante sfaccettatura  del suo variegato universo musicale. Gli arrangiamenti, curati dallo stesso Pieranunzi, prevedono formazioni diverse,  dal  duo al sestetto,  e vengono eseguiti da alcuni tra i migliori musicisti  del jazz italiano come Luca Bulgarelli, Nicola Angelucci e i due guests, Rosario Giuliani e Francesco Lento.

Conosciamo più da vicino i due protagonisti dell’eccellente album, emozionante e notturno. [Cliccare su Avanti]

1) Enrico Pieranunzi

Nato a Roma nel 1949, Enrico Pieranunzi è da molti anni tra i protagonisti più noti e apprezzati della scena jazzistica internazionale.

Pianista, compositore, arrangiatore, ha registrato più di 70 Cd a suo nome, spaziando dal piano solo al trio, dal duo al quintetto e collaborando, in concerto o in studio d’incisione, con Chet Baker, Lee Konitz, Paul Motian, Charlie Haden, Chris Potter, Marc Johnson, Joey Baron. Ha composto diverse centinaia di brani, alcuni dei quali sono ormai veri e propri standard suonati e incisi da musicisti di tutto il mondo (“Night bird”, “Don’t forget the poet”, “Fellini’s waltz”).

 Tre volte miglior musicista italiano nel “Top Jazz” annualmente indetto dalla rivista “Musica Jazz” (1989, 2003, 2008) e miglior musicista europeo nel 1997 (Django d’Or), ha portato la sua musica sui palcoscenici di tutto il mondo esibendosi nei più importanti festival internazionali, da Montreal a Copenaghen, da Berlino e Madrid a Rio de Janeiro, e compiendo tournée in Argentina/Uruguay (2010) e in Asia (2013).

 Nell’ultimo decennio ha notevolmente intensificato la sua presenza negli Stati Uniti partecipando tra l’altro ai festival di San Francisco e Spoleto Usa (Charleston, North Carolina) e suonando regolarmente nei più prestigiosi club newyorchesi. Ha dato in particolare numerosi concerti nel mitico Village Vanguard, dove, nel luglio 2010, ha registrato con Marc Johnson e Paul Motian il suo “Live at the Village Vanguard”, primo cd mai realizzato da un musicista italiano nello storico club a forma di diamante della 7th Avenue South.

Proprio per il “Live at The Village Vanguard” gli è stato assegnato nel 2014 il prestigioso Echo Jazz Award (equivalente tedesco dello statunitense Grammy) come Best International Piano Player.

 

2) Simona Severini

Simona Severini è cantante e cantautrice dalla formazione poliedrica. La sua carriera di esecutrice si è sviluppata nell’ambito della musica jazz contemporanea attraverso le collaborazioni con alcuni grandi musicisti italiani tra i quali Giorgio Gaslini, Enrico Pieranunzi, Gabriele Mirabassi, Enrico Intra, Tiziana Ghiglioni, Antonio Zambrini, Alessandro Galati. Si è esibita nei principali festival e sale da concerto in Italia e in Francia (Umbria Jazz, Jazz Expo, Parco della Musica, Blue Note, Auditorium Di Milano, Festival Jazz Vocal di Parigi, Sunset di Parigi).Ha inoltre lavorato con cantautori come Pacifico e Ron.

Nel 2011 esordisce con “La belle vie”(My Favorite Records) una raccolta di brani dedicati e ispirati alla musica di Gabriel Fauré. La prima traccia della collaborazione con Enrico Pieranunzi è un’incisione di Futura di Lucio Dalla nel disco Dalla in Jazz (Sony2012).

Simona Severini fa attualmente parte degli artisti della Pressing Line, l’etichetta fondata da Lucio Dalla che storicamente ha prodotto alcuni dei più grandi cantautori italiani delle generazioni recenti.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti