Economia

Lego: tutti i numeri in 85 anni di storia

Il produttore di giocattoli danese famoso per i mattoncini nel 2016 ha raggiunto il suo record storico dei ricavi

Lego spegne 85 candeline e porta a casa nel 2016 il profitto più grande della sua storia, pari a oltre 5 miliardi di euro (circa 38 miliardi di corone danesi) in crescita del 6% rispetto ai ricavi registrati nell’anno precedente. L’utile netto per la fabbrica di mattoncini danese è di 1,2 miliardi di euro nel 2016 (9,4 miliardi di corone). "Siamo soddisfatti delle nostre prestazioni nel 2016. Abbiamo registrato un ottimo primo semestre, mentre la crescita delle vendite al consumo nel secondo semestre si è attestata a livelli più sostenibili rispetto agli anni precedenti. Siamo stati incoraggiati dalle nostre prestazioni nei mercati più maturi in Europa e continuiamo a prevedere un forte potenziale in Cina, che rappresenta un'interessante opportunità di crescita" ha affermato il ceo Bali Padda, al timone dal primo gennaio al posto di Jørgen Vig Knudstorp (qui il bilancio sul sito corporate Lego).
.

I risultati del 2016

I ricavi nel 2016 sono aumentati del 6% fino a raggiungere i 37,9 miliardi di corone danesi contro i 35,8 miliardi del 2015. La crescita del volume d’affari è stata trainata dalle prestazioni di alcune linee di prodotto, tra cui Lego City, Lego Ninjago, Lego Friends, Lego Technic e Lego Creator. L'utile operativo per il 2016 è stato pari a 12,4 miliardi di corone danesi rispetto ai 12,2 miliardi registrati nel 2015, segnando un aumento annuo dell'1,7%. L'utile netto per l'intero anno è stato pari a 9,4 miliardi rispetto ai 9,2 miliardi registrati nel 2015. L’attuale ceo è l’indiano (di passaporto britannico) Bali Padda, entrato nel gruppo danese da Timberland nel 2002. Nel gruppo Lego Padda è stato responsabile della logistica, della catena dei fornitori fino a ricoprire negli ultimi anni il ruolo di direttore operativo e delle risorse umane.


355 prodotti lanciati nel 2016

Lo scorso anno sono stati lanciati più di 335 nuovi prodotti, tra cui Lego Nexo Knights, una piattaforma innovativa che combina gioco digitale e fisico. Nel 2017, il gruppo danese introdurrà nuove piattaforme di questo tipo: Lego Life, già sbarcata in alcuni mercati a febbraio, incoraggia i bambini a condividere le loro esperienze di costruzione, mentre Lego Boost, che combina il coding e la costruzione tradizionale, sarà lanciata nel secondo semestre del 2017.

Mattoncini "green"

Lego continua a compiere progressi in vista del suo ambizioso progetto di utilizzare solo materiali sostenibili nei suoi prodotti entro il 2030. Il gruppo, si legge nella comunicato sui risultati del 2016, "ha iniziato la progettazione del suo centro sui materiali sostenibili dedicato al progetto e, nel 2016, ha sviluppato prototipi di prossima generazione di mattoncini ricavati da fonti sostenibili. Inoltre, è stato reciclato il 93% degli scarti totali e il 100% di tutti gli scarti provenienti dalla produzione di mattoncini".

Anche i manager giocano con i mattoncini

Lego non è solo un gioco per bambini e per adulti con il pallino del modellismo. I mattoncini a partire dagli anni 2000 sono utilizzati anche per risolvere i problemi delle aziende, mettendoli letteralmente in mano ai manager. Si tratta del metodo Lego serious play. A portarolo in Italia è stato Leonardo Previ, docente di storia economica della cultura alla Cattolica di Milano e presidente della società di consulenza Trivioquadrivio. Lo scorso a ottobre si è tenuta a Milano la prima festa di Lego Serious Play al mondo, mentre nelle prossime settimane si terrà un meeting per i manager ed executive creativo organizzata da Grand Hotel Portovenere e Futour.

La forza del marchio

Nel 2016 Lego è tornato ad essere il brand più forte del mondo secondo Brand Finance Global 500, la classifica annuale dei marchi delle multinazionali stilata dalla società di consulenza strategica di Londra. Buona parte di questo successo lo scorso anno è dovuto agli accordi di licenza e partnership con l'industria dei media che ne hanno guidato la crescita: Lego Star Wars, Lego Harry Potter e Lego Batman. "Un ulteriore impulso, dalle già significanti entrate licensing, sono previste per la realizzazione di ulteriori film. L'esposizione mediatica che ne conseguirà - spiegano gli esperti - contribuirà in modo significativo ad un altrettanto importante rafforzamento marchio Lego per gli anni a venire".

La nascita nel 1932

Fondata nel 1932 da Ole Kirk Kristiansen, l'azienda danese è uno dei maggiori produttori al mondo di giochi basati sul famoso mattoncino. Il gruppo, ancora a conduzione familiare, ha la sede centrale nella cittadina di Billund (Danimarca), mentre i principali uffici sono a Enfield (USA), Londra 8Regno Unito), Shanghai (Cina) e Singapore. Dal fondatore Ole, il gruppo è stato ereditato dal figlio Godtfred Kirk, che a sua volta l’ha passata al figlio Kjeld Kirk, attuale presidente del gruppo e ceo fino al 2004. Una curiosità sul cognome: Ole utilizzava sia la forma Kristiansen (con la k) sia Christiansen (con il ch), mentre il figlio Gotfred ha sempre preferito la versione con il "ch", tanto che nel 1980 ha cambiato cognome all’anagrafe in Christiansen. Il nipote Kjeld invece è tornato a utilizzare il congnome con la "k" iniziale. Sposato, tre figli, Kjeld Kirk e famiglia possiedono un patrimonio di 21 miliardi di dollari, secondo Forbes.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti