Economia

Fotovoltaico: la guida a costi, modi e tempi di installazione

Investire in energia pulita a casa propria conviene sempre, ma oggi ancora di più grazie agli sgravi fiscali

Impianto_Fotovoltaico

Barbara Massaro

-

Rendere la propria casa autonoma da un punto di vista energetico sfruttando l'energia (pulita) del sole. E' quello che fa colui che decide di investire nel fotovoltaico facendo montare l'impianto a pannelli solari a casa propria.

Perché sempre più persone scelgono il fotovoltaico

E' una spesa che sempre più italiano decidono di sostenere sia per rispetto per l'ambiente, sia perché è (va ammesso) è in qualche modo la moda del momento, sia  perché risparmiare sulla bolletta elettrica piace a tutti e sia, infine, per merito degli sgravi fiscali che la legge di bilancio ha autorizzato e che fanno sì che chiunque installi un impianto fotovoltaico sul tetto di casa entro il 31 dicembre 2019 possa vedersi restiture dallo Stato il 50% della spesa sostenuta sotto forma di sgravi fiscali Irpef per i prossimi 10 anni. E si parla di una buona quantità di denaro. 

Quanto costa un impianto fotovoltaico

Il costo di un impianto fotovoltaico dipende dalla sua potenza che è direttamente correlata con le necessità energetiche della famiglia che va a chiedere l'installazione dei pannelli solari.A uso domestico (le detrazioni Irpef valgono solo per le persone fisiche) si più passare da un impianto da 3 kw a uno di 9 kw con costi medi che vanno circa dai 7.000 ai 18.000 euro (più iva).

Calcolando sconti e detrazioni fiscali colui che avrà installato un impianto fotovoltaico alla fine avrà pagato un impianto da 3 kw circa 3.850 euro e uno da 9 kw non più di 9.900 euro.

Come ottenere un impianto fotovoltaico

A fronte di una spesa iniziale comunque notevole bisogna poi aggiungere l'iter burocratico per ottenere autorizzazioni e licenze per poi permettere che il proprio impianto venga allacciato alla rete nazionale.

In media il costo di installazione di un impianto fotovoltaico con potenza nominale fino a 3 kWp è di € 500 al kWp; mentre il costo di disbrigo delle pratiche burocratiche è di 350 euro al kWp su impianti di piccola taglia.

Per allacciarsi alla rete elettrica nazionale bisogna avere l'autorizzazione all'immissione e al prelievo di elettricità da un solo punto di connessione alla rete.

Inoltre la connessione deve rispettare le direttive europee su costi, modalità e procedure del collegamento alla rete definiti dall'Aeeg (l'Autorità per l'energia elettrica e il Gas) in base al valore della potenza in immissione richiesta dall'utente per la sua abitazione, senza considerare la potenza di picco dell'impianto fotovoltaico. A seconda della potenza dell'immissione la cifra oscilla tra i 100 e i 2.500 euro. 

Prima è necessario richiedere il preventivo (con tempistiche d'attesa che variano tra i 20 e i 60 giorni lavorativi) ottenuto il quale si dovrà attendere fino a 90 giorni perché venga realizzata l'effettiva connessione.

La somma dovuta al gestore è pagabile in un'unica soluzione o se si desidera rateizzare la somma è possibile saldare il costo per l'intervento: 30% prima dei lavori, 70 % a fine lavoro.

Ovviamente la domanda di connessione bisogna inoltrarla contestualmente all'invio dei documenti che certifichino l'avvenuta autorizzazione alla costruzione dell'impianto.

Quanto si risparmia col fotovoltaico

Il risparmio sulla bollette energetica è proporzionale alla potenza dell'impianto e all'uso che se ne fa, ma è stato dimostrato che la scelta dell'autoconsumo permette di rientrare nella spesa di installazione entro la metà della vita dell'impianto stesso.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ristrutturazioni, ecco le nuove agevolazioni per il risparmio energetico

La legge di stabilità ha allargato il novero dei lavori ammessi al beneficio fiscale, includendo anche biomasse e schermature solari

Detrazioni fiscali, ecco le 5 novità per edilizia e risparmio energetico

Confermati con qualche modifica i bonus che premiano gli interventi di riqualificazione del patrimonio abitativo

Il risparmio energetico per combattere la crisi

Acoset, Industrie Bitossi e Alto Calore Servizi: tre esempi virtuosi di realtà italiane che combattono il caro-energia attraverso il rinnovamento tecnologico. Il resoconto dall’Energy Saving Award Omron

Elettricità, record di consumi (e produzione) dopo anni di crisi

Per soddisfare la grande domanda di energia sono stati utilizzati anche siti destinati alla chiusura. De Masi (Cisl): "Smantellare sarebbe un boomerang"

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965