condomini
Imagoeconomica
condomini
Economia

Assicurazioni sulla casa: quanto costano e a cosa servono

Sono sempre più diffuse le polizze sugli immobili che possono coprire i danni alla struttura o i beni contenuti nell’abitazione

In Italia cominciano a diffondersi con sempre più capillarità le assicurazioni sulla casa. L’esigenza di tutelare con una polizza la propria abitazione sta infatti diventando per gli italiani sempre più impellente, e a contribuire a questo fenomeno c’è certamente anche la paura dei danni che periodicamente nel nostro Paese vengono causati dai terremoti. A rilevare questo fenomeno è un’indagine compiuta da Facile.it, portale online di comparazione di prodotti assicurativi, su un campione di oltre 85mila utenti unici: ebbene, tra i dati più eclatanti emersi dallo studio, risulta che la ricerca di assicurazioni a tutela degli immobili è aumentata, in un anno, del 18% e che nel solo mese di agosto del 2016, in seguito al sisma che colpì Amatrice e altre zone del Centro Italia, le richieste di polizze hanno registrato un boom del 52%. Vediamo allora nel dettaglio quali sono i beni e i danni che tali assicurazioni coprono e quanto può costare una polizza annuale.

Polizze sui beni e polizze sulle strutture

Innanzitutto, quando si decide di sottoscrivere un’assicurazione che tuteli la nostra abitazione bisogna fare molta attenzione, perché le polizze sono di due tipi: uno è relativo ai beni contenuti nella casa, l’altro ai danni alla struttura. A seconda dunque delle proprie esigenze bisognerà valutare l’opzione più utile.

Terremoti e disastri naturali

L’altro elemento fondamentale di cui tenere conto è verificare che l’assicurazione stipulata contempli danni da disastri naturali e in particolare da terremoti. Non tutte le polizze infatti includono i danni, ad esempio da alluvione o proprio da sisma, e, anche se lo fanno, spesso prevedono clausole specifiche: come quella che esclude dalla copertura gli edifici costruiti entro i 25 metri dai campanili delle chiese o quella che tutela lo stabile precedentemente danneggiato da un sisma solo e soltanto se è stato completamente ristrutturato.

Dove abita chi si assicura

A dimostrare il maggiore interesse verso la tutela assicurativa della propria casa sono gli italiani con un’età compresa fra i 35 ed i 44 anni (39% del totale) e i residenti in Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Lazio ed Emilia Romagna, non a caso tutte Regioni che nella loro storia più o meno recente hanno dovuto fare i conti con i danni causati da eventi naturali.

Prezzo di una polizza

Guardando ai costi, Facile.it ha fatto una simulazione legata ad un immobile di 100 metri quadrati sito a Milano; per garantirlo con una polizza assicurativa i prezzi variano dai 240 ai 320 euro annui a seconda che la casa in questione sia un appartamento, una villetta singola o una villetta a schiera. Requisito fondamentale per vedersi garantite queste tariffe è che l’immobile sia anche abitazione principale; nel caso in cui si tratti invece di una seconda casa o comunque di un’immobile ad uso saltuario il costo aumenta anche del 25%.

Non solo proprietari, anche affittuari

Le assicurazioni per la casa non sono necessariamente legate alla proprietà visto che a stipularla possono essere anche gli affittuari nella formula detta a “uso locativo”. Scegliendo questa tutela gli inquilini possono proteggere sia i loro beni contenuti nella casa, sia se stessi dai contraccolpi economici che potrebbero derivare dalla richiesta di un risarcimento per un danno all’appartamento causato da loro stessi.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti