borse biden usa
(Ansa)
borse biden usa
Economia

Ai Mercati piace Biden, ma sono pronti a cambiare idea

Dow Jones e Nasdaq hanno chiuso con forti guadagni in questi giorni di contrattazioni post voto ma il democratico dovrà superare ben altri esami data la debolezza al congresso

L'ipotesi del Presidente "zoppo" piace ai mercati. Mentre la prospettiva che il democratico Joe Biden arrivi alla Casa Bianca si fa sempre piu' concreta nonostante Donald Trump minacci ricorsi e ipotizzi brogli elettorali, i principali listini mondiali vivono giorni di rally ed euforia.

I numeri

Basti pensare che il 4 novembre il Nasdaq 100 ha chiuso la seduta a +4,41%, la miglior performance dal 6 aprile a oggi. Non solo: nella seduta del 5 novembre è andato in scena l'ennesimo rally di Wall Street con tutti i principali indici USA in rialzo di circa il 2% e i tecnologici ancora una volta a fare da traino alla corsa al rialzo.

Il bilancio settimanale è arrivato a +7% per lo S&P 500 e addirittura +9% per il Nasdaq che è di nuovo prossimo ai massimi storici. Non da meno le Borse Ue con +8,7% in 4 sedute per l'Euro Stoxx 50 e oltre +10% per il Ftse Mib.

E dire che normalmente gli indici borsistici sono piuttosto scettici nei confronti delle incertezza politico economiche e, a fronte di una situazione di instabilita', normalmente preferiscono rimanere alla finestra e aspettare.

Il presidente "zoppo" che piace ai mercati

I maggiori stategist internazionali interpretano l'attuale clima dei mercati come un segno di entusiasmo nei confronti dell'avanzata di Joe Biden che, pero', sarebbe un Presidente "zoppo" come si diceva prima.

Il Congresso, infatti, con i numeri attuali, sarebbe spaccato in due con il Senato a maggioranza repubblicana e la Camera in mano ai democratici. E questo si' che piace ai mercati e il perche' e' presto detto.

Il senato controllato dai repubblicani, infatti, andrebbe a bloccare qualsiasi mossa da parte di un'amministrazione Biden volta ad aumentare le tasse sulle imprese. Al contrario verrebbero messi in atto quei pacchetti dem di stimoli fiscali a vantaggio dell'economia domestica che aiuterebbero l'economia senza colpire i big.

I rapporti con la Cina

Inoltre Biden prospetta una presidenza stabile con una politica estera meno aggressiva soprattutto nei confronti della Cina volta a spostare l'attenzione dai dazi al contenimento della crescita tecnologica cinese e anche questa ipotesi piace alle Borse, specie a quelle europee.

Lo scenario, infatti, cosi' spiegano gli analisti, vedrebbe Europa e Cina alleate con la prospettiva di togliere dal palco centrale degli equilibri globali l'America.

Questo avverrebbe, spiegano, anche grazie agli stimoli fiscali promessi da Biden che indebolirebbero il dollaro determinando un apprezzamento delle principali materie prime e quando le materie prime si apprezzano a trarne vantaggio sono le economie emergenti, in primis la Cina che potrebbe riprendere terreno iniettando nuova linfa all'Europa soprattutto in quei mercati (come quello del lusso, si pensi alle auto o alla moda) che comprano materie prime cinesi per poi trasformarle in prodotti europei.

Attenzione ai facili entusiasmi

Volano e sognano le Borse, anche se piu' di una voce del settore stategist e trading, osserva che come sempre bisogna diffidare degli entusiasmi dei listini che come salgono rapididamente tanto scendono.

"questi tipi di movimento (+8/10% in 4 sedute) - spiegano gli esperti di finanzaonline - tendono a causare violente capitulation dei corti, lasciando il mercato vulnerabile a flussi di prese di beneficio o catalyst negativi. Per questi motivi ci si aspetta n consolidamento nelle prossime sedute".

Il clima d'incertezza potrebbe rimanere fino all'8 dicembre, data limite per risolvere ogni tipo di controversia elettorale.
A bocce ferme, poi, quando i giochi saranno terminati, restera' da vedere se e come il prossimo Presidente, qualora fosse Biden, oltre a prendere in mano la situazione politico economica degli States, sapra' affrontare la seconda ondata di Covid, altro elemento che potrebbe far vibrare i mercati da una parte o dall'altra.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti