Le 10 start-up più interessanti della Silicon Valley
iStock
Le 10 start-up più interessanti della Silicon Valley
Economia

Le 10 start-up più interessanti della Silicon Valley

Ecco quali sono le idee che stanno facendo a gara per disegnare il futuro

L'elenco

Sono state identificate partendo dall’edizione 2015 di “Silicon Valley 100” le start-up più cool presentate da Business Week. Il magazine americano, infatti, ha individuato le cento persone che, nell’ultimo anno, hanno fatto grandi progressi nella realizzazione della loro idea e raccolto i maggiori finanziamenti. Ecco, dunque, un assaggio di dieci start-up molto innovative, mentre l’elenco completo delle 38 presentate è disponibile al seguente link.


1 – Sprig

Dietro le quinte della start-up che ha come ambizione di offrire alle persone “il modo più facile per mangiare sano nel mondo”, c’è anche Nate Keller, ex head chef di Google che si occupa di gestire lo staff della cucina da cui escono tre tipi di piatti al giorno consegnati in 15 minuti. Con il finanziamento da 45 milioni di dollari ricevuto ad aprile, dopo San Francisco, Sprig intende aprire anche a Chicago.

2 – Munchery

L’idea della start-up che, a oggi, ha raccolto 117 milioni di dollari, è di fornire i servizi dei grandi chef a un prezzo molto più abbordabile. Fra gli investitori, ci sono anche Jared Leto e Edward Norton.

3 - MuleSoft

La start-up fondata da Ross Mason risolve i problemi di integrazione fra le applicazioni nel cloud. E’ stata valutata 1,5 miliardi di dollari e c’è chi pensa che potrebbe arrivare all’Ipo.

4 - The League

L’obiettivo del sito che ricorda Tinder, ma con la variabile di scegliere i propri membri fra i single più ambiziosi e di maggior successo, è di creare nuove coppie di potere. Dopo San Francisco e New York, ipotizza l’apertura a Londra.

5 – Campus Job

E’ un sito che si occupa di trovare lavori pagati e stage agli studenti universitari. Il 90% dei posti offerti sono retribuiti e la start-up registra 10mila nuovi iscritti ogni settimana.

6 – Lumoid

Permette di provare i nuovi gadget elettronici prima di comprarli. In pratica, si possono affittare per un decimo del prezzo.

7 – Cruise

Invece di costruire un’auto che si guida da sola, la start-up fondata da Kyle Vogt premette di trasformare ogni auto in un’auto che si guida da sola. Il suo sistema costa 10mila dollari e può essere installato in poche ore.

8 – Docker

Il software open-source sviluppato dal chief technology officer Solomon Hykes fornisce agli sviluppatori gli strumenti per costruire e sviluppare app attraverso piattaforme multiple.

9 – Shyp

Come un pony espress che opera all'inizio del processo, Shyp semplifica le operazioni. Per una tariffa flat di cinque dollari più spese postali, un incaricato della start-up ritira il pacco a domicilio e si occupa della spedizione. 

10 – Domo

Complessivamente, ha raccolto finanziamenti per 450 milioni di dollari e adesso è valutata due miliardi di dollari. La start-up fondata cinque anni fa ha messo a punto una piattaforma che permette di visualizzare i dati in modo semplice e immediato, facilitando le cose ai manager che devono prendere decisioni.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti