Libri

Libri novità: i gialli italiani da leggere

Massimo Torre, Roberto Tiraboschi e Ilaria Tuti sono fra gli autori dei libri crime italiani più recenti da non perdere

fiori-sopra-l-inferno-tuti-longanesi-apertura

Andrea Bressa

-

La letteratura poliziesca ha da sempre innumerevoli seguaci e per questo motivo non è mai in crisi. Le proposte editoriali legate al genere sono davvero molte e non è semplice selezionare un elenco esaustivo delle più interessanti. Noi però ci proviamo lo stesso.

Accanto alla lista dei gialli internazionali da leggere, infatti, ecco anche un contenitore di consigli di lettura – che aggiorniamo periodicamente – dedicato al crime nostrano, con titoli e autori provenienti dall'Italia, scelti fra quelli che ci appaiono davvero imperdibili.

La-dora-dei-miei-sogni-torre-perrone

Copertina di 'La Dora dei miei sogni', di Massimo Torre – Credits: Perrone

La Dora dei miei sogni, di Massimo Torre

Il protagonista di questo libro è Mauro Sardonico, agente assicurativo la cui vita viene sconvolta da una scia di delitti che hanno come vittime i suoi clienti. Qualcuno vuole incastrarlo e Sardonico tenta di scoprire la verità, scavando nel proprio passato e nel proprio inconscio, nel quale vi è presente l’onirica figura di Dora, l’unica sicurezza e l’unica fonte di amore, nonostante la sua natura eterea.

Massimo Torre ha confezionato un romanzo che mescola realtà e sogno, in cui il vero cardine non è tanto il meccanismo del giallo, quanto piuttosto la ricerca di se stessi al di là del reale, per ritrovarsi e riconoscersi e riuscire poi a superare le proprie paure.

La Dora dei miei sogni
di Massimo Torre
(Perrone)
283 pagine

l-angelo-del-mare-fangoso-tiraboschi-eo

Copertina del romanzo di Roberto Tiraboschi – Credits: Edizioni e/o

L’angelo del mare fangoso. Venetia 1119 d.C., di Roberto Tiraboschi

Roberto Tiraboschi chiude con questo libro la sua trilogia noir, iniziata con La pietra per gli occhi e La bottega dello speziale, ambientata in un’affascinante Venezia medievale. In questo capitolo siamo nell’anno 1119, la città lagunare è soffocata da una delle siccità più gravi della sua storia e tre donne sono coinvolte in una vicenda delittuosa.
Le protagoniste sono Kallis, schiava che si deve difendere da un’accusa di omicidio, Abella, la prima donna medico di Venezia dalle passioni malsane, e Magdalena, moglie di uno dei più ricchi mercanti cittadini, impegnata a farsi strada nella nobiltà veneziana nonostante un passato infelice.

L’angelo del mare fangoso. Venetia 1119 d.C.
di Roberto Tiraboschi
(Edizioni e/o)
310 pagine

fiori-sopra-l-inferno-tuti-longanesi

Copertina del libro 'Fiori sopra l'inferno', di Ilaria Tuti – Credits: Longanesi

Fiori sopra l’inferno, di Ilaria Tuti

C’è chi lo considera il primo caso editoriale italiano del 2018 (è uscito a gennaio) grazie a un notevole successo riscosso alla scorsa Fiera del Libro di Francoforte e a molti apprezzamenti già ottenuti in poche settimane da critica e pubblico. La scrittrice friulana Ilaria Tuti propone un nuovo personaggio nel panorama del giallo letterario: si chiama Teresa Battaglia, commissario dalla lunga esperienza, specializzata in profiling. In questo romanzo la poliziotta è impegnata a dare la caccia a un killer che sta colpendo Travenì, una piccola comunità immaginaria sulle Dolomiti friulane.

Fiori sopra l’inferno
di Ilaria Tuti
(Longanesi)
366 pagine

Nome-d-arte-Doris-Brilli-Andrea-Vitali-garzanti

Copertina del libro 'Nome d'arte Doris Brilli', di Andrea Vitali – Credits: Garzanti

Nome d'arte Doris Brilli. I casi del maresciallo Ernesto Maccadò, di Andrea Vitali

Andrea Vitali riprende in questo libro uno dei suoi più apprezzati personaggi, il maresciallo calabrese Ernesto Maccadò (La signorina Tecla Manzi, Olive comprese, La mamma del sole, Galeotto fu il collier, Quattro sberle benedette, Le belle Cece, A cantare fu il cane), ambientando la vicenda agli inizi della sua carriera come comandante a Bellano, sul lago di Como, nel 1930. Il suo primo incarico è quello di capire chi sia la cantante e ballerina Desolina Berilli, in arte Doris Brilli, rimandata dai carabinieri di Milano a Bellano, dopo una rissa nella notte di Porta Ticinese. Ovviamente l'indagine sulla Brilli si rivela meno semplice del previsto, con implicazioni anche pericolose.

Nome d'arte Doris Brilli. I casi del maresciallo Ernesto Maccadò
di Andrea Vitali
(Garzanti)
259 pagine

Il-caso-Kellan-vanni-baldini-castoldi

Copertina del libro 'Il caso Kellan', di Franco Vanni – Credits: Baldini & Castoldi

Il caso Kellan, di Franco Vanni

A Milano viene ucciso Kellan Armstrong, figlio diciannovenne del console americano. Oltre alla polizia, si interessa del caso anche Steno Molteni, giovane giornalista che si occupa di cronaca nera per La Notte e che sbarca il lunario lavorando come barista all'Albergo Villa Garibaldi (dove tra l'altro alloggia). La pista su cui corrono le indagini è quella dell'ambiente omosessuale, colpito dai cosiddetti 'Spazzini', ossia una banda di omofobi violenti e aggressivi. Intorno alla morte di Kellan, però, i misteri e i silenzi sembrano molto più profondi e difficili da risolvere.

Il caso Kellan
di Franco Vanni
(Baldini & Castoldi)
323 pagine

nostalgia-del-sangue-dario-correnti-giunti

Copertina di 'Nostalgia del sangue', di Dario Correnti – Credits: Giunti

Nostalgia del sangue, di Dario Correnti

Un noir ambientato nell'apparente tranquilla provincia bergamasca. Un omicida sta seminando vittime imitando il modus operandi di Vincenzo Verzeni, chiamato anche “il vampiro di Bottanuco”, il primo serial killer italiano che uccise due donne e ne aggredì altre sei fra il 1867 e il 1872. Non solo gli inquirenti si occupano del caso, ma anche una bizzarra coppia investigativa: Marco Besana, giornalista di nera a un passo dalla pensione, e la giovane stagista di redazione Ilaria Piatti. Due personaggi agli antipodi per età e carattere. Dario Correnti è lo pseudonimo usato da due anonimi autori.

Nostalgia del sangue
di Dario Correnti
(Giunti)
544 pagine

l-uomo-del-labirinto-carrisi-longanesi

Copertina del libro di Donato Carrisi, 'L'uomo del labirinto' – Credits: Longanesi

L'uomo del labirinto, di Donato Carrisi

L'autore bestseller pugliese propone un nuovo thriller psicologico che promette di replicare i successi de Il suggeritore o La ragazza della nebbia. In questo libro il protagonista è Bruno Genko, talentuoso investigatore privato a cui rimane poco da vivere. Il suo cuore cederà presto, ma dal passato ecco ricomparire Samantha, una ragazza rapita all'età di 13 anni e rimasta prigioniera per 15: un caso che Genko non era riuscito a risolvere e che ora, a un passo dalla fine, tenterà di chiudere, cercando di catturare il colpevole.

L'uomo del labirinto
di Donato Carrisi
(Longanesi)
400 pagine

souvenir-de-giovanni-einaudi

Copertina di 'Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone', di Maurizio De Giovanni – Credits: Einaudi

Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone, di Maurizio De Giovanni

L'ormai arcinota squadra di poliziotti creata da Maurizio De Giovanni si trova per la prima volta in azione fuori Napoli. Gli agenti devono far luce sull'aggressione ai danni di un uomo americano, in villeggiatura a Sorrento, entrato in coma prima che potesse dire qualcosa agli investigatori. Chi è e perché è stato picchiato quasi a morte? I bastardi di Pizzofalcone trovano una pista che li conduce a interrogarsi su alcuni fatti accaduti molti anni prima a Sorrento.

Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone
di Maurizio De Giovanni
(Einaudi)
328 pagine

follia-maggiore-robecchi-sellerio

Copertina di 'Follia maggiore', di Alessandro Robecchi – Credits: Sellerio

Follia maggiore, di Alessandro Robecchi

La trama ruota attorno alle vicende di Umberto Serrani, ricco ed elegante anziano che, ormai in pensione, rimugina su rimpianti e rimorsi. Uno di questi riemerge con forza: Giulia, un vecchio amore di venticinque anni prima e mai consumato, è stata uccisa. Serrani decide di far luce sull'omicidio, per rendere giustizia a Giulia e per riscattare almeno in parte le proprie mancanze del passato. Le indagini sono affidate a Carlo Monterossi e Oscar Falcone, investigatori privati (improvvisati) e ai sovrintendenti di polizia Ghezzi e Carella: una squadra di personaggi molto amati dagli appassionati dello scrittore milanese.

Follia maggiore
di Alessandro Robecchi
(Sellerio)
390 pagine

l-estate-degli-inganni-perrone-rizzoli

Copertina del libro 'L'estate degli inganni', di Roberto Perrone – Credits: Rizzoli

L'estate degli inganni, di Roberto Perrone

L'ex colonnello dei carabinieri Annibale Canessa, è stato uno dei protagonisti nella lotta al terrorismo degli anni di piombo. La sua carriera è ormai conclusa e può dedicarsi finalmente alla sua bella Carla. Ma una rivelazione proveniente dal Mossad riapre il caso di un attentato a una stazione italiana avvenuto all'inizio degli anni Ottanta. Canessa decide di tornare in campo e indagare, ritrovandosi circondato da misteri irrisolti, trame occulte, inganni e depistaggi che coinvolgono Stati, servizi segreti e pericolosi giochi di potere.

L'estate degli inganni
di Roberto Perrone
(Rizzoli)
359 pagine

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Libri novità: i gialli internazionali da leggere

Anne Holt e un nuovo capitolo di Vik e Stubo, la spia russa di Jason Matthews e gli agenti segreti di Mick Herron: alcune delle più interessanti proposte dall’estero

Libri novità: i titoli più belli dedicati alla musica

I Ramones in versione graphic novel, la vita di Mario Castelnuovo-Tedesco e il pianista di Yarmouk: ecco i nostri consigli di lettura

5 gialli per ricordare Leonardo Sciascia

Il 20 novembre 1989 scompariva il grande scrittore e intellettuale siciliano. Lo ricordiamo con una lista dei suoi polizieschi più belli

Commenti