Libri

Libri novità: i gialli italiani da leggere

Marco Aragno, Piernicola Silvis e Giovanni Ziccardi sono fra gli autori dei libri crime italiani più recenti da non perdere

la-cura-degli-alberi-del-vecchio-elliot-apertura

Andrea Bressa

-

La letteratura poliziesca ha da sempre innumerevoli seguaci e per questo motivo non è mai in crisi. Le proposte editoriali legate al genere sono davvero molte e non è semplice selezionare un elenco esaustivo delle più interessanti. Noi però ci proviamo lo stesso.

Accanto alla lista dei gialli internazionali da leggere, infatti, ecco anche un contenitore di consigli di lettura – che aggiorniamo periodicamente – dedicato al crime nostrano, con titoli e autori provenienti dall'Italia, scelti fra quelli che ci appaiono davvero imperdibili.

cancellare-la-citta-aragno-transeuropa

'Cancellare la città', di Marco Aragno – Credits: Transeuropa


Cancellare la città, di Marco Aragno

Si tratta del terzo libro della collana Wildworld di Transeuropa, iniziata con La notte dei ragni d'oleandro di Mario Bramè e Sotto il suo occhio di Giulia Seri. È una serie antologica di romanzi che utilizzano la cronaca contemporanea come materiale narrativo per analizzare, rileggere e ricostruire la realtà usando lo strumento della letteratura.
Il romanzo è ambientato in una Napoli oscura, illuminata da una serie di misteriosi incendi. In questa Terra dei Fuochi una ragazza viene violentata e uccisa: un giornale di estrema destra incolpa senza prove gli zingari e, per vendicarsi, un gruppo di residenti dà fuoco a un campo rom causando la morte di un bambino. La fake news è firmata Marco Aragno, un giornalista come tanti altri, costretto a seguire le regole del clickbaiting per poter guadagnare qualcosa. Aragno questa volta viene indagato: è sua la responsabilità per la morte del bambino rom. Inizia così una ricerca serrata, per capire la verità, lungo un sentiero fatto di intrecci maleodoranti fra malavita, politica e opinione pubblica.

Cancellare la città
di Marco Aragno
(Transeuropa)
222 pagine

la-lupa-silvis-SEM

'La Lupa', di Piernicola Silvis – Credits: Società Editrice Milanese


La Lupa, di Piernicola Silvis

Un libro pulp, ambientato nel Gargano, dove opera la quarta mafia. Protagonista è il commissario Renzo Bruni, che deve contrastare di nuovo Diego Pastore, serial killer di bambini soprannominato "Zio Teddy", entrambi conosciuti nel precedente romanzo di Silvis intitolato Formiacae (Feltrinelli). Questa volta il pericoloso criminale ha però il sostegno di un clan, la cui regina spietata si chiama Sonia Di Gennaro, detta “La Lupa”.
Silvis, che ha un passato da dirigente di polizia (l’ultimo incarico a Foggia, la sua città, come Questore dal 2013 al 2017), propone un crime preciso e profondo, in cui si può notare l’esperienza di chi conosce la materia unita all’abilità di un narratore efficace.

La Lupa
di Piernicola Silvis
(Società Editrice Milanese)
479 pagine

la-rete-ombra-ziccardi-marsilio

'La rete ombra', di Giovanni Ziccardi – Credits: Marsilio


La rete ombra, di Giovanni Ziccardi

Giovanni Ziccardi, giurista e docente di informatica giuridica all'Università di Milano e a quella di Bologna, ritorna con la seconda avventura di Alessandro Correnti, avvocato e hacker soprannominato Deus. In questa storia, ambientata nella metropoli lombarda, è impegnato a difendere in tribunale la sua cliente Lara, accusata di omicidio. Il giorno della sentenza si presenta in aula Nemesys, un ladro di identità cinese, che consegna una busta e un rotore a Correnti. Si tratta dei primi indizi che riguardano una pericolosa minaccia di portata internazionale. Deus e il suo collaboratore Massimo Foresta iniziano un serrato gioco di enigmi, costellato di spie, criminali e hacker.

La rete ombra
di Giovanni Ziccardi
(Marsilio)
424 pagine

negli-occhi-di-timea-poldelmengo-eo

Copertina del romanzo 'Negli occhi di Timea', di Luca Poldelmengo – Credits: Edizioni e/o


Negli occhi di Timea, di Luca Poldelmengo

Con questo romanzo Luca Poldelmengo chiude il dittico dedicato alle avventure della squadra speciale di polizia chiamata Red, iniziato con Nel posto sbagliato (Edizioni e/o, 2014), ambientata in una futuristica e oscura metropoli. I protagonisti sono ancora Vincent Tripaldi, ormai ex commissario, e il suo gemello Nicolas. Un tempo a capo della Red, unità che usa la violazione della privacy come arma anticrimine, ora i due sono in fuga per sfuggire all’arresto, ma hanno anche una grande sete di vendetta. Le loro attività passate, pilotate da superiori senza scrupoli (il premier Mattia Manera e il professor Luca Basile), li hanno costretti alla latitanza, braccati proprio dalla loro ex squadra. Mentre cercano un modo per vendicarsi e ottenere giustizia, viene commessa una sanguinosa strage. L’unica testimone è una bambina di nome Timea, orfana dalla storia misteriosa che a quanto pare ha visto qualcosa che potrebbe scatenare fatali conseguenze.

Negli occhi di Timea
di Luca Poldelmengo
(Edizioni e/o)
207 pagine

il-sesto-indizio-sechi-fanucci

– Credits: Fanucci


Il sesto indizio, di Giovanni Sechi

L’agenzia investigativa Orpheus, fondata dai fratelli Enrico e Salvatore Carta, si occupa di ritrovare persone scomparse e ormai considerate morte. In questo libro i due investigatori ricevono un incarico da tale Monica Ghersi: la donna chiede loro di scoprire dove si trova il cadavere di Dario Spadafora, pregiudicato che anni prima ha rapito e torturato Teresa, la figlia della Ghersi. Le ricerche dei Carta si muovono però in un territorio criminale molto pericoloso, che va fronteggiato ricorrendo anche alla violenza.

Il sesto indizio
di Giovanni Sechi
(Fanucci)
320 pagine

isola-degli-idealisti-scerbanenco-la-nave-di-teseo

Copertina de 'L'isola degli idealisti', di Giorgio Scerbanenco – Credits: La Nave di Teseo


L'isola degli idealisti, di Giorgio Scerbanenco

Inedito romanzo del padre del noir italiano, riscoperto a cinquant’anni di distanza dalla scomparsa di Giorgio Scerbanenco. Sulla piccola isola della Ginestra, in mezzo a un lago, vive la famiglia Reffi: l’anziano medico Antonio, sua figlia maggiore Carla, scrittrice, e il figlio Celestino, medico anche lui. Abitano la villa anche Jole e Vittorio, due cugini in difficoltà economiche, e due domestiche. La tranquillità dei Reffi viene stravolta dall’arrivo alla villa di Guido e Beatrice, ladri in fuga dalla polizia. La loro intrusione scatena inaspettate reazioni fra i membri della famiglia, facendo emergere personalità, atteggiamenti, approcci morali e segreti tenuti nascosti e non sempre così limpidi.

Per saperne di più: Giorgio Scerbanenco inedito: 'L'isola degli idealisti'

L'isola degli idealisti
di Giorgio Scerbanenco
(La Nave di Teseo)
218 pagine

la-cura-degli-alberi-del-vecchio-elliot

Copertina del libro 'La cura degli alberi', di Ludovico Del Vecchio – Credits: Elliot


La cura degli alberi, di Ludovico Del Vecchio

Jan De Vermeer, il poliziotto italo-belga conosciuto ne La compagnia delle piante, torna in azione in questo nuovo e piacevole romanzo di Ludovico Del Vecchio. Messe da parte le incursioni notturne di guerrilla gardening in giro per le aree urbane trascurate di Modena, il nostro protagonista conduce una vita più tranquilla, nell’attesa di diventare padre. La sua compagna Anna è incinta e il serial killer che li aveva presi di mira è al sicuro in galera. Ma un’altra improvvisa scia di morti rompe la pace: il vecchio nemico è scappato dalla prigione e Jan De Vermeer è nel mirino, ma anche l’unico che può risolvere il caso.

La cura degli alberi
di Ludovico Del Vecchio
(Elliot)
189 pagine

il-settimo-peccato-martigli-mondadori

Copertina del libro 'Il settimo peccato', di Carlo A. Martigli – Credits: Mondadori


Il settimo peccato, di Carlo A. Martigli

L'affascinante e scandalosa vita del celebre pittore olandese Hieronymus Bosch (1453 - 1516) si è trasformata in spunto narrativo per Carlo A. Martigli, che è riuscito a confezionare questo giallo storico elegante e curato nella ricostruzione, e con un ritmo impeccabile. Il protagonista è il quindicenne Giovanni Ciocchi (il futuro papa Giulio III, nel 1550) che assieme al suo maestro Martino da Barga, francescano inquisitore, è diretto a Venezia per partecipare al processo di Bosch, accusato di blasfemia dopo aver dipinto un Cristo dalle sembianze femminili. Il loro compito è difendere il pittore, ma nella Serenissima iniziano a verificarsi una serie di delitti, resi ancora più misteriosi e macabri a causa dei segni lasciati dall’assassino: piume d’uccello, monete nei bulbi oculari, salsicce e verdure accanto ai corpi. Apprendista e magister si trovano dunque impegnati a indagare.

Il settimo peccato
di Carlo A. Martigli
(Mondadori)
282 pagine

il-metodo-catalanotti-camilleri-sellerio

Copertina del libro 'Il metodo Catalanotti', di Andrea Camilleri – Credits: Sellerio


Il metodo Catalanotti, di Andrea Camilleri

Un giallo con il Montalbano di Andrea Camilleri è quasi sempre una solida garanzia, per gli amanti del genere. Il commissario indaga sulla morte di Carmelo Catalanotti, conosciuto per essere usuraio e anche regista teatrale eccentrico. Sua l’invenzione di un originale e invasivo metodo recitativo che chiede all’attore di entrare in un personaggio lavorando sui propri lati personali più nascosti. Si tratta in qualche modo di un approccio psicanalitico, che cerca di fare emergere però le parti più oscure del soggetto. Un ormai quasi anziano Montalbano dovrà entrare in questo meccanismo per comprendere l’enigma, e al contempo dovrà confrontarsi con una nuova giovane poliziotta di cui si ritrova innamorato.

Il metodo Catalanotti
di Andrea Camilleri
(Sellerio)
293 pagine

lo-stupore-della-notte-pulixi-rizzoli

Copertina del romanzo 'Lo stupore della notte', di Piergiorgio Pulixi – Credits: Rizzoli


Lo stupore della notte, di Piergiorgio Pulixi

Protagonista del nuovo thriller di Piergiorgio Pulixi è il commissario Rosa Lopez, dura e capace poliziotta a capo dell’unità speciale contro il terrorismo islamico, con alle spalle sette anni di esperienza contro le cosche della ‘Ndrangheta in Calabria. Con la sua squadra opera a Milano, la città più a rischio e più abitata da potenziali jihadisti secondo i servizi segreti. E in effetti la Lopez e i suoi hanno da affrontare un duro lavoro per provare a sventare un progetto letale, concepitosl da qualcuno che vuole bagnare di sangue la metropoli in nome dello Stato Islamico. Con questo romanzo Pulixi centra di nuovo il bersaglio, confermandosi come una delle penne crime più dotate e originali del momento nel panorama italiano.

Lo stupore della notte
di Piergiorgio Pulixi
(Rizzoli)
360 pagine

il-basilico-di-palazzo-galletti-torregrossa-mondadori

Copertina del libro 'Il basilico di palazzo Galletti', di Giuseppina Torregrossa – Credits: Mondadori


Il basilico di Palazzo Galletti, di Giuseppina Torregrossa

Nella torrida estate di Palermo il commissario Marò Pajno, di fresca nomina a capo del neonato gruppo “antifemminicidio”, è chiamata a indagare sul suo primo caso. Si tratta dell’omicidio di una ragazza, avvenuto il giorno di Ferragosto. Le preoccupazioni della poliziotta non riguardano però solo il lavoro investigativo: Marò sta affrontando un periodo difficile della sua vita, alle prese con un’insicurezza che tocca le scelte esistenziali, il suo ruolo di donna, la sua relazione difficile con il collega Sasà.

Il basilico di Palazzo Galletti
di Giuseppina Torregrossa
(Mondadori)
252 pagine

aglio-olio-e-assassino-imperatore-dea-planeta

Copertina di 'Aglio, olio e assassino', di Pino Imperatore – Credits: DeA Planeta Libri


Aglio, olio e assassino, di Pino Imperatore

Un giallo leggero e divertente, per stile, trama e personaggi. Nel quartiere di Mergellina, a Napoli, c’è una trattoria chiamata Parthenope, gestita dall’anziano Francesco Vitiello e dal figlio Peppe, due napoletani veraci, bravi ai fornelli e maestri nell’intrattenere i clienti con storie e aneddoti. Davanti al ristorante c’è il commissariato, dove lavora l’ispettore Gianni Scapece, un buongustaio che frequenta il locale dei Vitiello e che si trova a dover indagare sull’omicidio di un ragazzo. Per trovare la quadra Scapece deve scavare nella cultura popolare napoletana, fra leggende e simbologie, aiutato dalla perspicacia e dall'esperienza dei Vitiello e dalle capacità del suo superiore, il commissario Carlo Improta.

Aglio, olio e assassino
di Pino Imperatore
(DeA Planeta Libri)
368 pagine

cristiani-di-allah-carlotto-eo

Copertina del libro 'Cristiani di Allah', di Massimo Carlotto – Credits: Edizioni e/o


Cristiani di Allah, di Massimo Carlotto

Questo romanzo è stato pubblicato per la prima volta nel 2008. Ora, a 10 anni di distanza, Massimo Carlotto (ed Edizioni e/o) lo ripropone, data forse la sua forte vicinanza con l’attualità. Durante il Cinquecento furono moltissimi gli europei che, per le ragioni più svariate, attraversarono il Mediterraneo per raggiungere il Nordafrica e convertirsi all’Islam. Un esodo di genti che cercavano libertà e nuove opportunità, in un itinerario inverso rispetto ai nostri tempi, ma dalle simili dinamiche sociali. Anche Redouane e Othmane, i protagonisti, ex lanzichenecchi diventati corsari ad Algeri, decisi a vivere il loro amore proibito. I due, però, si trovano a fare i conti con un intreccio di intrighi, vendette, misteri alla corte del sultano.

Cristiani di Allah
di Massimo Carlotto
(Edizioni e/o)
202 pagine

teresa-papavero-e-la-maledizione-di-stragolagalli-moscardelli-giunti

Copertina di 'Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli', di Chiara Moscardelli – Credits: Giunti Editore


Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli, di Chiara Moscardelli

Teresa ha quarant’anni, è single e ha appena perso il l’ennesimo lavoro. Decide dunque di tornare a Strangolagalli, il suo paese natale, un piccolo centro in provincia di Frosinone, dove ritornare a vivere in tranquillità, aprendo un Bed & Breakfast. Qui ha un appuntamento con un tale Paolo, conosciuto su Tinder. Ma la sera dell’incontro, mentre Teresa è in bagno, l’uomo si butta dal terrazzo. Suicidio? La protagonista non ne è convinta: troppi elementi non sono chiari, nonostante attorno nessuno sembra darle retta. Fra l’altro, ad arricchire il mistero, ecco che scompare anche una ospite del B&B di Teresa. Un giallo di provincia, leggero, divertente e ben confezionato.

Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli
di Chiara Moscardelli
(Giunti Editore)
320 pagine

la-donna-della-luna-severgnini-meridianozero

Copertina del romanzo 'La donna della luna', di Matteo Severgnini – Credits: Meridianozero


La donna della luna, di Matteo Severgnini

Sulla piccola isola di San Giulio, in mezzo al Lago d’Orta, l’investigatore privato Marco Tobia accetta di indagare sul suicidio di Carlo Baroni, fratello della ricca signora Lucia Baroni. La donna, infatti, è convinta che Carlo sia stato assassinato. Per Marco Tobia, però, la faccenda non è semplice: oltre a dover scavare nel passato poco chiaro della famiglia Baroni, l’investigatore deve fare i conti anche con il suo passato e con i sintomi della sindrome di Tourette, che lo rendono un uomo particolarmente solitario e chiuso.

La donna della luna
di Matteo Severgnini
(Meridianozero)
235 pagine

morte-a-bellagio-cocco-magella-marsilio

Copertina di 'Morte a Bellagio', di Cocco e Magella – Credits: Marsilio


Morte a Bellagio, di Giovanni Cocco e Amneris Magella

Si tratta del nuovo giallo firmato dalla coppia di scrittori Cocco e Magella. Un nuovo capitolo nella serie che ha come protagonista il commissario Stefania Valenti, ambientata sulle rive del lago di Como. A pochi giorni dal Natale viene ritrovato il cadavere di Irina Bogdanov, incastrato fra le lamiere del suo SUV precipitato nel lago fra Lezzeno e Bellagio. Non si tratta di un incidente: i freni dell’auto sono stati manomessi. La vittima è una donna altolocata, di origini russe, che vive in una lussuosa villa proprio in quelle zone. Chi la voleva morta? Stefania Valenti prova a far luce, indagando nella vita privata e mondana della signora.

Morte a Bellagio
di Giovanni Cocco e Amneris Magella
(Marsilio)
304 pagine

primo-venne-caino-sabatini-salani

Copertina di 'Primo venne Caino', di Mariano Sabatini – Credits: Salani


Primo venne Caino, di Mariano Sabatini

Seconda avventura per Leo Malinverno, giornalista investigativo già conosciuto ne L’inganno dell’ippocastano (Salani, 2016 – noir d’esordio di Mariano Sabatini). Mentre è in vacanza con la sua ragazza Eimì, Malinverno viene richiamato a Roma dall’amico e vicequestore Jacopo Guerci. È una richiesta d’aiuto: la capitale è diventata il teatro di un pericoloso serial killer soprannominato ‘Il Tatuatore’, a causa del macabro rito di asportare lembi di pelle tatuata dalle sue vittime.

Primo venne Caino
di Mariano Sabatini
(Salani)
279 pagine

il-compimento-è-la-pioggia-lepore-eo

Copertina del romanzo 'Il compimento è la pioggia', di Giorgia Lepore – Credits: Edizioni e/o


Il compimento è la pioggia, di Giorgia Lepore

L’ispettore Gregorio “Gerri” Esposito è chiamato a indagare su un caso di omicidio. In una piccola casa del centro storico di Bari è stato trovato il cadavere di una giovane ragazza. Un delitto feroce e misterioso: il corpo è ricoperto da profonde ferite e attorno biberon e giocattoli suggeriscono che sul luogo dell’omicidio ci sia stata anche la presenza di bambini. E infatti due piccoli lì ci sono, nascosti: sono Jennifer (cinque anni) e Kevin (due), figli della vittima. La più grande, scioccata, dice che “papà ha ucciso la mamma”. Gerri Esposito, assieme agli altri inquirenti, tenta di trovare la quadra, non senza complicazioni personali e tuffi drammatici in un passato difficile.

Il compimento è la pioggia
di Giorgia Lepore
(Edizioni e/o)
239 pagine

La-dora-dei-miei-sogni-torre-perrone

Copertina di 'La Dora dei miei sogni', di Massimo Torre – Credits: Perrone

La Dora dei miei sogni, di Massimo Torre

Il protagonista di questo libro è Mauro Sardonico, agente assicurativo la cui vita viene sconvolta da una scia di delitti che hanno come vittime i suoi clienti. Qualcuno vuole incastrarlo e Sardonico tenta di scoprire la verità, scavando nel proprio passato e nel proprio inconscio, nel quale vi è presente l’onirica figura di Dora, l’unica sicurezza e l’unica fonte di amore, nonostante la sua natura eterea.

Massimo Torre ha confezionato un romanzo che mescola realtà e sogno, in cui il vero cardine non è tanto il meccanismo del giallo, quanto piuttosto la ricerca di se stessi al di là del reale, per ritrovarsi e riconoscersi e riuscire poi a superare le proprie paure.

La Dora dei miei sogni
di Massimo Torre
(Perrone)
283 pagine

l-angelo-del-mare-fangoso-tiraboschi-eo

Copertina del romanzo di Roberto Tiraboschi – Credits: Edizioni e/o

L’angelo del mare fangoso. Venetia 1119 d.C., di Roberto Tiraboschi

Roberto Tiraboschi chiude con questo libro la sua trilogia noir, iniziata con La pietra per gli occhi e La bottega dello speziale, ambientata in un’affascinante Venezia medievale. In questo capitolo siamo nell’anno 1119, la città lagunare è soffocata da una delle siccità più gravi della sua storia e tre donne sono coinvolte in una vicenda delittuosa.
Le protagoniste sono Kallis, schiava che si deve difendere da un’accusa di omicidio, Abella, la prima donna medico di Venezia dalle passioni malsane, e Magdalena, moglie di uno dei più ricchi mercanti cittadini, impegnata a farsi strada nella nobiltà veneziana nonostante un passato infelice.

L’angelo del mare fangoso. Venetia 1119 d.C.
di Roberto Tiraboschi
(Edizioni e/o)
310 pagine

fiori-sopra-l-inferno-tuti-longanesi

Copertina del libro 'Fiori sopra l'inferno', di Ilaria Tuti – Credits: Longanesi

Fiori sopra l’inferno, di Ilaria Tuti

C’è chi lo considera il primo caso editoriale italiano del 2018 (è uscito a gennaio) grazie a un notevole successo riscosso alla scorsa Fiera del Libro di Francoforte e a molti apprezzamenti già ottenuti in poche settimane da critica e pubblico. La scrittrice friulana Ilaria Tuti propone un nuovo personaggio nel panorama del giallo letterario: si chiama Teresa Battaglia, commissario dalla lunga esperienza, specializzata in profiling. In questo romanzo la poliziotta è impegnata a dare la caccia a un killer che sta colpendo Travenì, una piccola comunità immaginaria sulle Dolomiti friulane.

Fiori sopra l’inferno
di Ilaria Tuti
(Longanesi)
366 pagine

Nome-d-arte-Doris-Brilli-Andrea-Vitali-garzanti

Copertina del libro 'Nome d'arte Doris Brilli', di Andrea Vitali – Credits: Garzanti

Nome d'arte Doris Brilli. I casi del maresciallo Ernesto Maccadò, di Andrea Vitali

Andrea Vitali riprende in questo libro uno dei suoi più apprezzati personaggi, il maresciallo calabrese Ernesto Maccadò (La signorina Tecla Manzi, Olive comprese, La mamma del sole, Galeotto fu il collier, Quattro sberle benedette, Le belle Cece, A cantare fu il cane), ambientando la vicenda agli inizi della sua carriera come comandante a Bellano, sul lago di Como, nel 1930. Il suo primo incarico è quello di capire chi sia la cantante e ballerina Desolina Berilli, in arte Doris Brilli, rimandata dai carabinieri di Milano a Bellano, dopo una rissa nella notte di Porta Ticinese. Ovviamente l'indagine sulla Brilli si rivela meno semplice del previsto, con implicazioni anche pericolose.

Nome d'arte Doris Brilli. I casi del maresciallo Ernesto Maccadò
di Andrea Vitali
(Garzanti)
259 pagine

Il-caso-Kellan-vanni-baldini-castoldi

Copertina del libro 'Il caso Kellan', di Franco Vanni – Credits: Baldini & Castoldi

Il caso Kellan, di Franco Vanni

A Milano viene ucciso Kellan Armstrong, figlio diciannovenne del console americano. Oltre alla polizia, si interessa del caso anche Steno Molteni, giovane giornalista che si occupa di cronaca nera per La Notte e che sbarca il lunario lavorando come barista all'Albergo Villa Garibaldi (dove tra l'altro alloggia). La pista su cui corrono le indagini è quella dell'ambiente omosessuale, colpito dai cosiddetti 'Spazzini', ossia una banda di omofobi violenti e aggressivi. Intorno alla morte di Kellan, però, i misteri e i silenzi sembrano molto più profondi e difficili da risolvere.

Il caso Kellan
di Franco Vanni
(Baldini & Castoldi)
323 pagine

nostalgia-del-sangue-dario-correnti-giunti

Copertina di 'Nostalgia del sangue', di Dario Correnti – Credits: Giunti

Nostalgia del sangue, di Dario Correnti

Un noir ambientato nell'apparente tranquilla provincia bergamasca. Un omicida sta seminando vittime imitando il modus operandi di Vincenzo Verzeni, chiamato anche “il vampiro di Bottanuco”, il primo serial killer italiano che uccise due donne e ne aggredì altre sei fra il 1867 e il 1872. Non solo gli inquirenti si occupano del caso, ma anche una bizzarra coppia investigativa: Marco Besana, giornalista di nera a un passo dalla pensione, e la giovane stagista di redazione Ilaria Piatti. Due personaggi agli antipodi per età e carattere. Dario Correnti è lo pseudonimo usato da due anonimi autori.

Nostalgia del sangue
di Dario Correnti
(Giunti)
544 pagine

l-uomo-del-labirinto-carrisi-longanesi

Copertina del libro di Donato Carrisi, 'L'uomo del labirinto' – Credits: Longanesi

L'uomo del labirinto, di Donato Carrisi

L'autore bestseller pugliese propone un nuovo thriller psicologico che promette di replicare i successi de Il suggeritore o La ragazza della nebbia. In questo libro il protagonista è Bruno Genko, talentuoso investigatore privato a cui rimane poco da vivere. Il suo cuore cederà presto, ma dal passato ecco ricomparire Samantha, una ragazza rapita all'età di 13 anni e rimasta prigioniera per 15: un caso che Genko non era riuscito a risolvere e che ora, a un passo dalla fine, tenterà di chiudere, cercando di catturare il colpevole.

L'uomo del labirinto
di Donato Carrisi
(Longanesi)
400 pagine

souvenir-de-giovanni-einaudi

Copertina di 'Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone', di Maurizio De Giovanni – Credits: Einaudi

Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone, di Maurizio De Giovanni

L'ormai arcinota squadra di poliziotti creata da Maurizio De Giovanni si trova per la prima volta in azione fuori Napoli. Gli agenti devono far luce sull'aggressione ai danni di un uomo americano, in villeggiatura a Sorrento, entrato in coma prima che potesse dire qualcosa agli investigatori. Chi è e perché è stato picchiato quasi a morte? I bastardi di Pizzofalcone trovano una pista che li conduce a interrogarsi su alcuni fatti accaduti molti anni prima a Sorrento.

Souvenir per i bastardi di Pizzofalcone
di Maurizio De Giovanni
(Einaudi)
328 pagine

follia-maggiore-robecchi-sellerio

Copertina di 'Follia maggiore', di Alessandro Robecchi – Credits: Sellerio

Follia maggiore, di Alessandro Robecchi

La trama ruota attorno alle vicende di Umberto Serrani, ricco ed elegante anziano che, ormai in pensione, rimugina su rimpianti e rimorsi. Uno di questi riemerge con forza: Giulia, un vecchio amore di venticinque anni prima e mai consumato, è stata uccisa. Serrani decide di far luce sull'omicidio, per rendere giustizia a Giulia e per riscattare almeno in parte le proprie mancanze del passato. Le indagini sono affidate a Carlo Monterossi e Oscar Falcone, investigatori privati (improvvisati) e ai sovrintendenti di polizia Ghezzi e Carella: una squadra di personaggi molto amati dagli appassionati dello scrittore milanese.

Follia maggiore
di Alessandro Robecchi
(Sellerio)
390 pagine

l-estate-degli-inganni-perrone-rizzoli

Copertina del libro 'L'estate degli inganni', di Roberto Perrone – Credits: Rizzoli

L'estate degli inganni, di Roberto Perrone

L'ex colonnello dei carabinieri Annibale Canessa, è stato uno dei protagonisti nella lotta al terrorismo degli anni di piombo. La sua carriera è ormai conclusa e può dedicarsi finalmente alla sua bella Carla. Ma una rivelazione proveniente dal Mossad riapre il caso di un attentato a una stazione italiana avvenuto all'inizio degli anni Ottanta. Canessa decide di tornare in campo e indagare, ritrovandosi circondato da misteri irrisolti, trame occulte, inganni e depistaggi che coinvolgono Stati, servizi segreti e pericolosi giochi di potere.

L'estate degli inganni
di Roberto Perrone
(Rizzoli)
359 pagine

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Libri novità: i gialli internazionali da leggere

Jeffery Deaver, Joe R. Lansdale e Hazel James: ecco alcune delle più interessanti proposte dall’estero

Libri novità: i titoli più belli dedicati alla musica

Un viaggio nella musica pop italiana, la storia del pianista Van Cliburn, Caparezza e la sua musica: ecco i nostri consigli di lettura

5 gialli per ricordare Leonardo Sciascia

Il 20 novembre 1989 scompariva il grande scrittore e intellettuale siciliano. Lo ricordiamo con una lista dei suoi polizieschi più belli

Commenti