La questione israelo palestinese vista dai fumetti
Mondadori
La questione israelo palestinese vista dai fumetti
Cultura

La questione israelo palestinese vista dai fumetti

Dal reportage di Joe Sacco al racconto intimo della giovane Sarah Glidden, passando per il minimalismo di Delisle e l'incursione nel fumetto di un regista di action movie. 4 graphic novel provano a spiegarci il caos mediorientale

Capire la questione israelo palestinese attraverso i fumetti? Forse l'obiettivo è ambizioso. Ma un contributo alla comprensione di un conflitto così intricato e feroce, i graphic novel possono darlo. In special modo se tra gli autori ci sono "l'immenso talento" di Joe Sacco (la definizione è del New York Times, ndr) e con lui Guy Delisle, Sarah Glidden e Boaz Yakim. Quattro sensibilità diverse che in nome della nona arte riescono a offrirci quattro inediti punti di vista sul medioriente.

Joe Sacco - Palestina (Mondadori, 11,90 euro)
Tra il 1991 e il 1992, Sacco, illustratore con una laurea in giornalismo, ha passato due mesi in un campo di profughi palestinesi, intervistando più di 100 tra palestinesi ed ebrei. Ne è venuto fuori un libro a fumetti di 300 pagine, dove l'autore sospende ogni giudizio sulla più lunga disputa della storia contemporanea, e lascia piuttosto che a parlare siano storie, ritratti e incredibili affreschi, come la (bellissima) ripresa dall’alto una scena di vita quotidiana nella striscia di Gaza. Nel 1995 Palestina ha vinto l'American Book Award.

Boaz Yakim  e Nick Bertozzi - Gerusalemme, un ritratto di famiglia (Panini, 21,16 euro)
Regista e sceneggiatore di film d'azione e dell'horror di culto The Hostel, Boaz Yakim in questo romanzo grafico scritto a 4 mani con l'illustratore Bertozzi, svela il suo amore per i fumetti. E lo fa narrando la nascita di Israele, nel periodo che va dal 1945 al 1948 quando la Palestina britannica viene divisa in due stati indipendenti, uno ebraico e l'altro arabo. Un bel libro che è anche affare di famiglia, visto che l'autore per scriverlo ha preso spunto dalla vicende di tre generazioni della sua famiglia di origini ebraiche.

Guy Delisle - Cronache di Gerusalemme (Rizzoli Lizard, 17 euro)
Dopo averci sorpreso con Pyongyang, Cronache birmane e Shenzen, Delisle riprende in mano i fili della sua autobiografia a fumetti, per raccontarci la quotidianità non sempre felice di una Gerusalemme lontana dai flussi del turismo. Un racconto minimalista (per immagini) che, com'è nello stile dell'autore, riesce a intrecciare la geopolitica con le piccole storie di tutti i giorni. Premiato come miglior opera al Festival dei fumetti di Angouleme nel 2012.

Sarah Glidden - Capire Israele in 60 giorni (e anche meno) (Rizzoli/Lizard, 15 euro)

Giovane fumettista americana di origini ebraiche, Sarah Glidden racconta la sua prima volta in Israele. Progressista e al principio critica verso la politica israeliana nei territori palestinesi, finirà per scoprire che la complessità della questione (e del conflitto) israelo palestinese, è tale che non possono esistere né un'unica verità né un'unica soluzione. Un racconto intimo da leggere tutto d'un fiato.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti