Luce e ombra, pensiero e narrazione sono i temi che accomunano le opere in mostra a Venezia sino al 26 novembre 2017, nella suggestiva cornice di Palazzo Contarini Polignac (a pochi passi dalla Collezione Peggy Guggenheim e dalla Fondazione Pinault di Punta della Dogana) nella bipersonale “Paolo Amico e Daniele Basso. Luce e Pensieri”.

Oltre venti lavori, in parte inediti, si snodano in un percorso che lega, per similitudini e differenze, la ricerca dei due artisti, che, con tecniche diverse, rappresentano l'uomo e il suo mondo

Dove

Ad ospitare la mostra, le stanze di Palazzo Contarini Polignac – Magazzino Gallery, in Sestiere Dorsoduro, 874 - Venezia -

Quando

L'esposizione sarà visitabile sino al 26 novembre 2017

Tutti i giorni, dalle 11.00 alle 19.00 - Ingresso libero

Perchè è interessante

Elemento principe di questa interessante mostra è la luce, rappresentata con due tecniche completamente diverse: la scultura per Daniele Basso e le carte a biro per Paolo Amico

La luce quasi accecante dell'acciaio e del bronzo bianco lucidati a specchio da Basso e la luce notturna di Amico, la cui ricerca si dedica in particolare alla città, alla notte e al colore della notte, si alternano in un originale discorso narrativo: Paolo Amico, attraverso la penna, rappresenta immagini e non parole; Daniele Basso, attraverso lo specchio, stimola le coscienze per raggiungere una maggior consapevolezza della propria identità personale e collettiva

Gli artisti. Cenni biografici

Paolo Amico

Nato a San Cataldo, Sicilia, nel 1987, vive e lavora a Palermo.

Amico ha studiato all’Istituto d’Arte Statale di San Cataldo e poi restauro all’Accademia di Belle Arti San Martino delle Scale, Monreale, Palermo.

Nonostante i disegni di Amico siano eseguiti con penna a sfera su carta, questa tecnica apparentemente limitata gli consente di creare un completo spettro di colori con toni sottili e ombre. Tramite il forte utilizzo della prospettiva ed un frequente uso di colori accesi i suoi lavori attraggono lo spettatore nelle sue vedute di città. È un lavoro di grande pazienza e di enfasi sui dettagli; abilità che ha sviluppato studiando restauro.

Nel 2012 Amico ha vinto il Primo Premio al Premio Arte.

Daniele Basso

Nato professionalmente tra Biella e Milano, nel 2006 fonda lo studio di Design Strategico e Progettazione GlocalDesign (Pensa Globale, Agisci locale), attivo nei settori Fashion, Interior e Lighting.

Appassionato alle superfici specchianti in acciaio, ha prima avviato importanti collaborazioni e partnership con diversi marchi d'eccellenza del design italiano, per poi intraprendere - nel 2012 - la carriera artistica, che lo ha visto tre volte invitato alla Biennale di Venezia ed in mostra a NY, Parigi, Dubai, Lugano, Monte-Carlo, Forte Dei Marmi, Città del Vaticano, Milano, Bologna e Napoli, con opere in diverse collezioni permanenti, tra cui "We=Wall" (una porzione di Muro di Berlino in acciaio a specchio) al Museo del parco di Portofino.

Tra il 2015 e il 2017, fra i molti lavori realizzati, da segnalare la scultura "Coke Its Me" commissionata da The Coca-Cola Company per i 100 anni della Bottiglia Contour ed il monumento "Gigant," per il 30° Anniversario della Gara Ski World Cup Alta Badia - Dolomites.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Toulouse-Lautrec in mostra a Milano

A Palazzo Reale, dal 17 ottobre al 18 febbraio 2018, una grande monografica sul percorso artistico e la modernità del grande pittore francese

Commenti