Edoardo Frittoli

-

L'Ape, il celeberrimo motofurgone a tre ruote della Piaggio, compie 70 anni. Era nato nel 1948, derivato dallo scooter "Vespa" inventato dall'ingegnere Corradino d'Ascanio due anni prima. È in produzione ancora oggi sia in Italia che in India, dopo oltre 2 milioni di unità prodotte.

IL TRE RUOTE CHE "RIFECE" L'ITALIA

Il "biròcc", come lo chiamano nelle valli del Piemonte. Oppure "La lapa" in Siciliano. O ancora "'O trerròte", come è affettuosamente chiamato dai campani. Un compagno di lavoro che ha unito il Paese dall'Alto Adige a Pantelleria. Senza confini geografici: città, campagna, mare, montagna. In ogni angolo d'Italia le tre piccole ruote del piccolo motocarro Piaggio hanno segnato le strade ed il cuore dei loro proprietari.

La storia dell'Ape coincide con l'inizio della rinascita dell'Italia nel secondo dopoguerra. Una nazione profondamente segnata dagli effetti del conflitto, sia in termini economici che infrastrutturali. Sulle strade d'Italia, martoriate dai danni di guerra, circolavano infatti solo pochi ed antiquati mezzi sopravvissuti alla guerra. Si trattava soprattutto di mezzi pesanti dalla manutenzione gravosa, oppure di ex motocarri militari logori ed antiquati, per non parlare dei carri a trazione animale o addirittura a mano.

Quello di cui i piccoli imprenditori, gli artigiani ed i commercianti italiani avevano bisogno per ripartire era un mezzo affidabile e soprattutto economico. La meccanica della Vespa si prestò perfettamente alle esigenze di Corradino d'Ascanio, che ne conserverà integralmente le caratteristiche tecniche ed il motore 2 tempi da 125cc. in posizione centrale, con tradizionale trasmissione a catena sulle ruote posteriori. Il piccolo cassone poteva caricare sino a 200 Kg. di merci. Questa primissima versione del'Ape era a cabina aperta, avendo come unica protezione lo scudo anteriore della Vespa.

L'EVOLUZIONE DI UN MEZZO RIVOLUZIONARIO

La rivoluzione del trasporto su tre ruote era cominciata. La storia dell'Ape passerà da diversi stadi evolutivi a partire dal 1952, quando la cilindrata passerà a 150cc. e la portata ai 3,5 quintali dell'Ape "C", il primo con cabina chiusa ma ancora privo di sportelli laterali.

Dieci anni dopo il lancio del piccolo motocarro, nel 1958, nasceva la terza versione: l'Ape "D", con cilindrata ancora maggiore e cabina completamente chiusa, con faro non più al parafango ma incastonato nella scocca.

Il 1961 vedrà la nascita del più particolare degli "Ape": il "Pentarò", un vero e proprio autoarticolato in miniatura a 5 ruote con rimorchio per la ragguardevole portata di 7 quintali.

Nel 1968 per la prima volta il motocarro offrirà la possibilità di montare una volante di tipo automobilistico al posto del tradizionale manubrio, mentre nel 1969 nascerà il più piccolo della famiglia, l'Ape "50", apprezzato per la possibilità di essere guidato senza patente e senza targa come i ciclomotori del vecchio Codice della strada.

DAGLI ANNI '70 AL TERZO MILLENNIO

Gli anni '70 si aprono con la nascita di quello che è noto come "Ape Car", un tre ruote dalla cabina molto più ampia e dalla potenza sempre più elevata, che portava il motofurgone vicino alla concorrenza con i furgoni tradizionali. Negli anni '80 arriva la matita di Giorgetto Giugiaro a definire le linee del nuovo Ape™, che due anni dopo è offerto anche con motore a gasolio (Ape Diesel) e in versione "Maxi", con portata estesa a 9 quintali.

Gli anni '90 si aprono con un "revival" in stile giovanilistico del "cinquantino", chiamato Ape Cross. Coloratissimo e dotato di roll bar ed altri accessori come l'impianto stereo, era destinato al pubblico di teen-ager come alternativa alle due ruote. Con il nuovo millennio l'evoluzione del motocarro Piaggio non vedrà sosta. Nel 2007 ritorna in edizione limitata il "Calessino", l'Ape destinato al trasporto passeggeri, che tre anni dopo viene presentato anche in versione elettrica ed in seguito con motore 200cc Euro 4.

Dal 1999 l'Ape è prodotto anche in India nello stabilimento Piaggio di Baramati, che ad oggi ha sfornato per il mercato asiatico oltre 150.000 tre ruote, mentre dallo stabilimento italiano di Pontedera (Pisa) escono ancora 10.000 unità all'anno. Niente male per un "ragazzo" di 70 anni.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il gelato dall’Ape Piaggio all’Università del Gusto

Compiere quarant’anni tra poco ti fa sentire non più giovane per poterti entusiasmare per chissàccheccosa ma neppure abbastanza attempato per partire con i ‘’ai miei tempi si stava meglio’’. La mia generazione, però, può fregiarsi di poter dire la …

Motocarri: l'Italia rinasce sulle tre ruote

Non solo Ape Piaggio: la produzione dei motofurgoni a tre ruote ebbe un ruolo importante durante la ricostruzione postbellica. Un libro ne racconta la storia

Commenti