Il narciso … e le scimmie volanti

Il narciso può non agire da solo, a volte i suoi seguaci sono infatti una vera e propria macchina da guerra di manipolazione - è possibile scampare a questa morsa?

Matteo Marini

-

Prendiamo oggi in considerazione una tecnica molto utilizzata dai narcisi. Tale strategia trae potere da una sorta di scorciatoia del pensiero chiamata “euristica”. Le euristiche sono una serie strategie persuasive trattate esaurientemente Robert Cialdini, professore di Psicologia e Marketing presso l’Arizona State University. Tali tecniche vengono utilizzate da politici, venditori e …. Narcisi, nella comunicazione interpersonale per cercare di modificare l’atteggiamento dell’interlocutore di turno.

  1. Cialdini, nel suo libro sulle euristiche (le scorciatoie del pensiero appunto) riporta chiaramente che ciascuno di noi, in un modo o nell’altro, viene influenzato dal pensiero o dalle azioni degli altri esseri umani. Inconsciamente (o meno) il nostro narciso di fiducia è a conoscenza di questo meccanismo … e sicuramente non si astiene dall’utilizzarlo!

Prima di illustrare questa tecnica devo fare tuttavia una breve premessa. Le personalità narcisistiche sono tante … ma sono tanti anche coloro che ne rimangono in qualche modo sedotti e ammaliati. Apparentemente il nostro narciso appare sicuro di sé, seducente e affascinante, non è quindi un mistero che in qualche modo catalizzi l’attenzione di molte persone.

L’inghippo sta proprio qui … il narciso non è una persona forte e strutturata, ma appare comunque così! Molte persone possono quindi rimanerne sedotte, alcuni lo potrebbero addirittura identificare come una vera e propria guida! In questo post vedremo quindi come in alcuni casi il messaggio manipolatorio trarrà potenza dai seguaci … più che dal narcisista stesso!

Come possono quindi i discepoli (chiamati anche scimmie volanti) potenziare un qualsiasi messaggio manipolatorio emesso dal narcisista di turno? I modi sono diversi! Riporterò quindi in seguito i più comuni.

  • Portare all’interno di una manipolazione (o di una semplice discussione) l’opinione o il parere di una terza persona che fisicamente non è presente. Non è rilevante se tale individuo abbia o meno espresso tale concetto, il narcisista gli metterà letteralmente in bocca tali parole! A questo punto, nel cervello dell’ascoltatore, si materializzerà un 2 Vs 1. Si sentirà quindi in minoranza e rischierà di mettere in discussione una sua opinione o un suo comportamento …
  • Nei luoghi di lavoro il narcisista utilizza molto spesso i suoi seguaci, li porta con sé … e li utilizza per dare autorevolezza a tutto ciò che comunica. Vengono un po’ utilizzati come amplificatori del suo ego: fanno cenno di “sì” col capino quando dice qualcosa, parlano bene di lui agli altri, rafforzano tempestivamente le sue opinioni … ed infine accorrono in suo soccorso quando c’è un conflitto in vista! Inutile dire che questa tecnica è molto potente. Non è facile sottrarsi da un fisiologico senso di soggezione quando siamo in netta minoranza.
  • Le “scimmie volanti” hanno il talento di mantenere intonsa l’immagine del narciso che spesso fa “sporcare le mani” a loro; specialmente quando la vittima di turno decide di scappare! I narcisi non amano che le persone che stanno loro intorno si prendano la libertà di rompere il legame … e quindi la ritorsione non tarda spesso ad arrivare. Le scimmiette servono proprio a questo: isolano o strapazzano l’ammutinato con l’obiettivo di farlo sentire proprio una brutta persona … l’obiettivo è quello di far tornare la pecorella all’ovile del narciso.

Come sfuggire quindi al meccanismo (detto euristica della riprova sociale) che il narcisista agisce sul nostro cervello? Mi viene da pensare come al solito che la conoscenza del meccanismo stesso possa ridurre il rischio di cascarci.

Un gruppo di persone può agire una manipolazione sul singolo individuo … proprio per questo dobbiamo mantenere salda la mente nel ricordo delle disavventure vissute col narcisista di turno. La disapprovazione delle persone può infatti indurci a ritrattare le nostre posizioni … ma è tutta un’illusione … una manipolazione per farci tornare indietro!

La memoria (satura dei soprusi subiti) sarà il nostro miglior alleato. Ascoltiamola! Visto che la pancia potrebbe farci mettere la retromarcia! 

  

© Riproduzione Riservata

Commenti