in cucina

Cuciniamo insieme: cacciucco dell'orto

I francesi lo chiamano ratatouille, noi lo chiamiamo fricandò, nel Sud caponata. In realtà sono ricette un po’ diverse l’una dall’altra, ma la base è sempre quella di dare protagonismo ai frutti dell’orto. Noi abbiamo chiamato questa versione semplificata cacciucco. È facilissima da fare, ottima per chi segue regimi alimentari vegetariani, ed è versatile perché potete servirla con delle bruschette, tenerla da parte per condire la pasta, farla figurare come contorno caldo di una cena fredda.


Una ricetta fantasiosa che vi consente di riciclare le verdure che avete in frigo o comunque di “assaltare” l’orto. È un piatto toccasana. I francesi lo chiamano ratatouille, noi lo chiamiamo fricandò, nel Sud caponata. In realtà sono ricette un po’ diverse l’una dall’altra, ma la base è sempre quella di dare protagonismo ai frutti dell’orto. Noi abbiamo chiamato questa versione semplificata “cacciucco” (non ce ne vogliano i livornesi custodi di una delle ricette di mare più buone del mondo) perché come il cacciucco è un mix di pesci, questa è un mix di verdure che vanno cotte tutte insieme, ma con tempi diversi. È facilissima da fare, ottima per chi segue regimi alimentari vegetariani, ed è versatile perché potete servirla con delle bruschette, tenerla da parte per condire la pasta, farla figurare come contorno caldo di una cena fredda.

Ingredienti - 4 pomodori da sugo ben maturi, una melanzana bianca e una viola, tre zucchine generose, due o tre cipolle di Tropea, tre peperoni noi usiamo quelli verdi, ma potete usare quelli che volete, un mazzetto composto da timo, maggiorana, origano freschissimi e volendo anche menta, un peperoncino fresco, tre spicchi d’aglio, olio extravergine d’oliva 100 centilitri, sale.

Procedimento - Tagliate a dadini di circa mezzo centimetro le melanzane, mettetele con un po’ di sale a scolare l’acqua di vegetazione, fate a dadini le zucchine, i peperoni e affettate grossolanamente le cipolle e i pomodori conservando il sugo. Tritate finemente il peperoncino fresco. In una padella molto capiente fate dorare gli spicchi d’aglio con le erbe aromatiche (serbatene un po’ che triterete a fresco). Ritirate solo l’aglio quando è dorato lasciando le aromatiche e aggiungete le cipolle e il trito di peperoncino. Quando diventano trasparenti le cipolle mettete in padella le melanzane, fate andare sette otto minuti poi aggiungete i peperoni. Dopo ulteriori cinque minuti aggiungete le zucchine, fate insaporire un paio di minuti e aggiungete i pomodori con il loro sugo. Ora aggiustate di sale. Portate a cottura mescolando di quando in quando. Alla fine spolverizzate con il trito di aromatiche, se serve aggiustate ancora di sale e completate con un giro di extravergine a crudo.

Come far divertire i bambini - Saranno loro ad aggiungere in padella volta per volta le verdure. Si sentiranno come “ratatouille”!

Abbinamento - Abbiamo scelto un Grechetto dei Colli Martani dalle splendide vigne dell’Umbria, ma potete abbinare qualsiasi bianco profumato d’Italia: da un Cortese a un Soave, da una Ribona a un Furore.

I più letti