A Young Doctor’s Notebook
A Young Doctor’s Notebook

A Young Doctor’s Notebook

Una serie che si presenta da sola, solo grazie alle foto promozionali messe in giro da qualche settimana. Jon Hamm e Daniel Radcliffe insieme, nudi in una vecchia vasca da bagno. La serie si intitola A Young’s Doctor Notebook che …Leggi tutto

Una serie che si presenta da sola, solo grazie alle foto promozionali messe in giro da qualche settimana. Jon Hamm e Daniel Radcliffe insieme, nudi in una vecchia vasca da bagno. La serie si intitola A Young’s Doctor Notebook che suona più o meno come Il taccuino, l’agenda di un giovane dottore. La genesi di questa miniserie inglese prodotta per Sky Arts è delle più alte. Gli sceneggiatori Mark Chappell, Alan Connor, Shaun Pye hanno preso in mano addirittura dei racconti dello scrittore russo Mikhail A. Bulgakov, l’autore de Il Maestro e Margherita. I Racconti di un Giovane Medico sono diventati quindi una mini diretta da Alex Hardcastle e con due stelle di primissimo piano come protagonisti. La storia è quella del maturo dottor Vladimir Bongard (interpretato da Hamm) che, a Mosca nel 1943, ricorda i suoi maldestri inizi nel piccolo ospedale russo della cittadina di Muryovo rileggendoli per l’appunto nei suoi vecchi diari. Qui un giovane Vladimir (questa volta interpretato da Radcliffe), appena uscito dall’Università, tenta di mettere a frutto i suoi studi e comincia realmente ad operare.

hamm-radcliffe-doctor-notebook.jpg

A Young’s Doctor Notebook, a giudicare dal breve pilota di soli 23 minuti, è molto divertente. L’escamotage trovato dagli sceneggiatori è quello di far interagire il giovane dottore con il suo corrispettivo più vecchio, creando dei siparietti comici molto meno prevedibili del previsto, grazie al quale possiamo trovare conferma del talento comico di Hamm e scoprire un Radcliffe assolutamente in parte nelle vesti di un dottorino imbranato e senza alcuna esperienza. Ad arricchire il tutto, una vena di umorismo nero e surreale, ampliata dalla presenza ingombrante dell’ex primario dell’ospedale, il defunto Leopold Leopoldovic, delle due infermiere di rara bruttezza e del pesantissimo aiuto medico. L’esordio promette bene: regala qualche risata e una sequenza incredibilmente sanguinosa, quantomeno inaspettata in una serie del genere. Ma la vera sorpresa è proprio il simpatico Harry Potter che nella, sua dura lotta per uscire dai pani del mago di Hogwarts, sembra finalmente aver trovato un ruolo che gli si confà. Staremo a vedere come prosegue.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti