Sony
Sony Bravia 85Z9J
Sony
Tecnologia

Sony mette un processore cognitivo nei nuovi TV

Il processore di ultima generazione imita il cervello umano per generare livelli di coinvolgimento sempre più elevati e riproduce i contenuti con qualità cinematografica anche in streaming

L'intelligenza artificiale non è solo quella dei robot e degli algoritmi ma ora va a finire anche nei televisori per aumentare l'esperienza visiva. È a questo che serve il nuovo Cognitive Processor XR realizzato da Sony e inserito nella gamma dei nuovi televisori Bravia XR.

Questo sistema di elaborazione completamente nuovo va oltre l'IA convenzionale perché è stato progettato specificatamente per replicare le modalità di ascolto e visione del cervello umano. Quando osserviamo qualcosa, ci focalizziamo inconsciamente su alcuni punti. Il Cognitive Processor XR, dotato di intelligenza cognitiva, divide lo schermo in numerose zone e rileva la posizione del "punto focale" nell'immagine.

Mentre l'Intelligenza Artificiale (IA) convenzionale è in grado di rilevare e analizzare solo i singoli elementi parte dell'immagine, come colori, contrasto e dettagli, il nuovo Cognitive Processor XR esegue contemporaneamente un'analisi incrociata di molteplici elementi, proprio come fa il nostro cervello.

In questo modo, tutti gli elementi vengono regolati in modo congiunto tra loro, ottenendo un risultato finale migliore, in cui ogni fattore viene sincronizzato e la scena appare vivida e realistica, come se fosse vissuta dal vivo.

L'ottimizzazione riguarda anche l'audio. Il Cognitive Processor XR infatti è anche in grado di analizzare la posizione del suono nell'immagine, in modo da coordinare con precisione l'audio e rispetto a quello che appare sullo schermo. Il processore ottimizza ogni suono in qualità 3D surround rendendo la scena riprodotta ancora più coinvolgente.

La gamma di nuovi televisori Bravia XR include il modello 8K LED Z9J serie Master, i modelli OLED A90J serie Master e A80J, e i modelli 4K LED X95J e X90J. Su questi modelli sono per la prima volta accessibili anche i contenuti della piattaforma Bravia Core, sviluppata in collaborazione con Sony Pictures Entertainment. Si tratta del primo servizio del settore ad utilizzare la tecnologia Pure Stream, capace di riprodurre l'immagine con una qualità simile a quella dei Blu-Ray UHD, quindi fino a 80 Mbps.

Inoltre, con l'intento di rispettare pienamente la visione creativa dei registi, i nuovi modelli integrano le modalità Netflix Calibrated Mode, garanzia di una qualità da studio di registrazione per i contenuti della piattaforma americana, e IMAX Enhanced con immagini e suoni rimasterizzati per ottimizzare la riproduzione dei contenuti cinematografici.

Ti potrebbe piacere anche
Apertura sito

Quando il clero sclera

True

I più letti