iStock
Smartphone e tablet

Windtre si classifica al primo posto per velocità di traffico dati

Un'analisi pubblicata dall'azienda britannica Opensignal ha analizzato le performance della reti italiane durante il periodo di lockdown.

Navigare con il proprio smartphone durante la quarantena è stato il passatempo preferito di molti italiani. Ma quale rete ha gestito meglio l'emergenza dati? Opensignal ci ha dato una risposta. L'azienda britannica specializzata nell'analisi e nella quantificazione dell'esperienza dei consumatori su rete mobile ha infatti stilato un report basato sull'analisi di 828.646 device nel periodo di tempo che va dal primo febbraio al 30 aprile.

È Windtre ad aggiudicarsi il primo posto per velocità del traffico dati in download (24.5 punti, contro i 23.6 del secondo classificato) e in upload (9.1 contro 8), risultando leader anche nella fruizione di contenuti video (69.9 punti contro 69.1) e nella copertura 4G (con una disponibilità del 91.4%). Secondo Jeffrey Hedberg, ceo di Windtre, «l'azienda sta realizzando importanti investimenti proprio in infrastrutture di rete - sei miliardi in cinque anni - che hanno portato al lancio della nostra nuova rete, inaugurata appena prima del lockdown e definita “top quality network" da diversi istituti specializzati».

«Un'infrastruttura con circa 20.000 siti di trasmissione “5G ready" che assicura con continuità i servizi di elevata qualità e ci ha permesso di fronteggiare al meglio l'inaspettata crescita del traffico voce e dati». Hedberg ha poi proseguito sottolineando come «l'emergenza legata al Covid-19 ha confermato l'importanza della digitalizzazione e delle reti di telecomunicazioni, per supportare i servizi evoluti essenziali nella vita quotidiana di famiglie e imprese. Uno scenario in cui il nostro settore ha un ruolo da protagonista, anche nell'ottica della prossima grande sfida legata al roll-out del 5G, il vero motore per lo sviluppo del Paese».

Intervenuto per commentare i dati raccolti da Opensignal è stato anche il cto di Windtre, Benoit Hassen, che ha spiegato come durante la quarantena la sua azienda abbia «eseguito sulla sua “top quality network" un serie di interventi mirati, un potenziamento che proseguirà durante l'estate soprattutto nelle località turistiche, per garantire la miglior customer experience anche in vacanza e continuare a sostenere l'attività di lavoro da «Ora, per rispondere alla richiesta crescente di connettività, l'azienda prosegue nell'attività di modernizzazione delle infrastrutture, oltre che nell'estensione della copertura 5G, un'evoluzione che è molto importante supportare e favorire, ad esempio, attraverso la semplificazione delle norme che oggi regolano le installazioni e con l'adeguamento dei limiti nazionali di emissione di radiofrequenze a quelli raccomandati a livello europeo».

Infine, Gianluca Corti, chief commercial officer per Windtre, ha specificato come «durante il lockdown siamo riusciti a garantire a milioni di clienti la possibilità di lavorare e studiare da casa e sostenere il grande traffico generato dai servizi in streaming per l'intrattenimento. Tale scenario ha confermato il ruolo centrale dei grandi operatori di tlc, in grado di assicurare sempre servizi affidabili e di qualità. Ora è cruciale investire nel nuovo standard 5G, una tecnologia che recentemente è stata al centro di fake news assolutamente antiscientifiche, ma che rappresenta un supporto imprescindibile non solo per applicazioni futuribili in ambiti come l'e-health, l'IoT o la Smart Mobility, ma anche per servizi ormai centrali nella nostra vita, come lo smart working e l'e-learning o semplicemente l'uso dei social network».

Ti potrebbe piacere anche

I più letti