Il futuro della mobilità? Una panchina con le ruote
Corentin Janel e Guillaume Innocenti
Il futuro della mobilità? Una panchina con le ruote
Tecnologia

Il futuro della mobilità? Una panchina con le ruote

Il bizzarro mezzo di trasporto si trasforma anche in un tavolino per il picnic o per giocare a carte con gli amici

Nell'epoca delle navicelle spaziali, dei treni penumatici e delle auto a guida autonoma si potrebbero inserire anche le panchine motorizzate. È la bizzarra idea che ha vinto il premio Ford Fund Smart Mobility Challenge.

La competizione rivolta agli studenti universitari, organizzata dalla fondazione filantropica dell'Ovale Blu in collaborazione con il Royal College of Art di Londra, è stata una vetrina per indagare soluzioni alternative di mobilità urbana sostenibile che potrebbero rappresentare un vantaggio anche per la comunità.

A vincere il primo premio di quasi 15.000 euro è stato il progetto di due giovani designer, Corentin Janel e Guillaume Innocenti che hanno sviluppato l'idea di una "panchina motorizzata" che al momento è ancora un concept.

L'oggetto si chiama TOD, acronimo di "talk or drive", ovvero "chiacchiera o viaggia". Si tratta di un sistema adattabile che prevede una modalità statica e una modalità mobile. Nella modalità statica è una panchina estensibile a tre posti. Pensata in modo modulare, è possibile aggiungere facilmente accessori come sedie e sedute angolari, utilizzando una serie di kit ad aggancio rapido, persino collegare due panchine con un piano quadrato per creare un tavolo da picnic.

Nella modalità mobile la panchina si trasforma in una specie di scooter in grado di accogliere due persone, permettendo di spostarsi a una velocità massima di 20 km/h. Un vano chiuso posto al centro della panchina può essere utilizzato per riporre eventuali bagagli, mentre le bande elastiche ai lati funzionano come portapacchi per trasportare oggetti di varie misure.

Come tutti i moderni sistemi di mobilità alternativa anche TOD si può prenotare utilizzando un'apposita app e poi parcheggiarla per consentire il noleggio ad altri utenti.

«Abbiamo voluto creare un servizio pubblico in grado di adattarsi alle esigenze degli utenti che vivono i contesti urbani. Dopo la vittoria al concorso, abbiamo ancora più fiducia nel nostro progetto e potremo costruire un prototipo per trasformare la nostra idea in realtà. Lavorando su un prototipo in scala 1:1 potremo comprendere appieno le caratteristiche del progetto e allo stesso tempo riflettere sui materiali, il processo di fabbricazione e l'esperienza degli utenti» hanno affermato i progettisti Janel e Innocenti.

In questa edizione della competizione nata nel 2018 e che recentemente è stata estesa ad altre università come quella di Scienze Applicate TH Köln di Colonia e l'Università di Valencia, sono stati premiati anche altri interessanti progetti.

Ford Fund ha assegnato un premio da 5.000 sterline a "Cardiac Patrol", una potenziale soluzione per dotare i veicoli privati di defibrillatore esterno di emergenza, e a "Communi-T", un veicolo interattivo che potrebbe aiutare i senzatetto e altre persone indigenti.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti