passaporto falso
(Swascan)
passaporto falso
Cyber Security

Il mercato dei documenti falsi nella Dark Web (compreso il Passaporto Vaccinale)

Una ricerca mostra come sia facile comprare qualsiasi tipo di documento ufficiale, anche il passaporto vaccinale quando ci sarà

Secondo quanto pubblicato dall'azienda di Cyber Security italiana Swascan, acquistare documenti contraffatti all'interno del Dark Web potrebbe essere semplice come non mai.

Una prospettiva decisamente preoccupante, soprattutto alla luce del recente dibattito sull'introduzione del così detto "passaporto vaccinale".

Facciamo quindi "un tuffo" all'interno del Dark Web alla scoperta di un mondo sorprendentemente vasto in cui esperti di contraffazione offrono in vendita Carte d'identità, passaporti e altri documenti italiani…

La verità oscura dei documenti contraffatti sulla Dark Web

Il mondo post-pandemia è cambiato profondamente in un periodo di tempo strettissimo. Fra i nuovi cambiamenti di recente introduzione c'è anche il "passaporto vaccinale", inteso come un documento che attesta l'avvenuta vaccinazione da Covid-19 (nelle 2 dosi standard) così da permettere viaggi all'estero e partecipazione ad eventi pubblici seguendo procedure semplificate e più rapide rispetto a chi non è coperto dalla protezione vaccinale.

La campagna di vaccinazione in Israele procede a spron battuto, in altri Paesi, fra cui l'Italia, questa procedura sta andando avanti a singhiozzo. A fronte di questo panorama, l'introduzione di documenti pubblici che attestino l'avvenuta vaccinazione è al vaglio da parte di diversi enti legislativi.


Il panorama del passaporto vaccinale

Proprio in Israele è già stato emanato il "Green Pass", un documento rilasciato a chi ha ricevuto le 2 dosi di vaccino (o sia stato dichiarato guarito da Covid-19) e che deve essere mostrato all'ingresso di strutture aperte al pubblico come hotel, cinema, ecc.

Se l'idea di fare "documenti falsi" potrebbe allettare gli amanti dei viaggi che non vedono l'ora di respirare un'aria nuova dopo mesi di lockdown, tale pensiero diventa realtà nella rete sommersa, la Dark Web.

I documenti contraffatti nel mondo della rete illegale

Non si parla di film di James Bond o storie di malavita organizzata. Ora, procurarsi un documento falso è diventato molto più semplice rispetto a pochi anni fa.

Secondo quanto rivelato dal Team di Cyber Security di Swascan, nel Dark Web è infatti possibile trovare forum e mercati "neri" in cui vengono offerti in vendita documenti falsi per ottenere la nazionalità in tanti Paesi diversi, pagando cifre relativamente abbordabili. Ovviamente la

In alcuni casi è possibile trovare servizi dedicati proprio a questo tipo di fornitura, nei quali è sufficiente compilare un modulo per ottenere un documento contraffatto che risponda in tutto e per tutto ai propri desiderata. Il costo? Si aggira intorno a 300 $, per ottenere una Carta d'identità italiana elettronica, identica a quella regolarmente emessa nei Comuni del nostro Paese.

E l'offerta è così ampia da allargarsi anche ad altri documenti come il passaporto, per chi desidera entrare in Italia dall'esterno della zona UE, o il visto, documento che deve esibire il cittadino europeo proveniente dall'area Schengen.

Visti e Passaporti italiani

Per chi intendesse entrare nel nostro Paese provenendo da nazioni al di fuori dell'Unione Europea o comunque dell'area Schengen si richiedono due tipi di documento: passaporto o visto.

In questo caso la tariffa si alza, arrivando a 600 $. Si tratta comunque di cifre sorprendentemente basse considerando la fattura del documento e le possibili ramificazioni che tale documento può comportare nella libertà di movimento all'interno del nostro territorio.

Un servizio completo

Ma nel caso di controlli manuali? A ogni documento emesso in Italia corrisponde una voce, un record in un database. infatti, la carta d'identità cartacea "di una volta" è stata sostituita dalla variante elettronica che al suo interno presenta un chip.

Tale chip biometrico farebbe parte del pacchetto di vendita, insieme all'aggiunta dei database del Ministero dell'Interno (perlomeno a giudicare da quanto dichiarato sul sito di vendita).

Altri documenti falsi disponibili sulla Dark Web

L'offerta è talmente completa da spingersi anche a documenti d'interesse per altri tipi di clienti. Parliamo cioè di Permessi di soggiorno e Patenti di guida.

La modalità d'acquisto coincide con quanto spiegato più in alto, con un'esperienza per l'acquirente simile a quella di un acquisto standard su un sito di e-commerce legale. Alcuni venditori offrono anche la possibilità di inviare il proprio feedback per raccontare la propria esperienza e aumentare la reputazione del venditore agli occhi di altri potenziali acquirenti.

Per chi vuole cimentarsi con la guida di mezzi di trasporto pesanti come autoarticolati o camion, sono disponibili anche patenti speciali. Il tutto alla modica cifra di 350 $. Se non è possibile verificare direttamente la qualità nella fattura di tali documenti, l'offerta di un simile servizio fa nascere il legittimo dubbio che esista davvero una "richiesta" per questo tipo di nicchia di mercato.

Secondo Pierguido Iezzi, CEO di Swascan: "Il commercio di documenti contraffatti non è una novità, ma grazie al Dark Web è sicuramente diventato più democratico e accessibile che mai".

"Alla luce delle recenti iniziative che propongono di istituire il così detto "passaporto vaccinale" onde ristabilire un minimo di sicurezza negli spostamenti oltre confine, è piuttosto preoccupante pensare a come il Dark web potrebbe piombare rapidamente su questa nuova fonte di denaro" ha continuato.

Le possibili ripercussioni sul mondo "legale" e sulla fiducia dei cittadini rispetto a regole e a indicatori affidabili come i documenti, potrebbero essere sorprendenti. Oltre alle Patenti si può poi citare l'emissione di Permessi di soggiorno, Tessera sanitaria, Codice Fiscale, e altri ancora.

Una realtà preoccupante

Se a livello aneddotico e teorico si poteva immaginare un contesto in cui la criminalità organizzata offriva e faceva uso di documenti finti, la facilità d'acquisto e la bassa barriera di prezzo iniziale per documenti contraffatti sulla Dark Web è preoccupante.

Le organizzazioni criminali "digitali" si sono mostrate molto flessibili e versatili quando gli si è presentata la possibilità di sfruttare le nuove tematiche del virus e del vaccino per aumentare i propri ricavi.

Ora che il passaporto vaccinale diventa sempre più tema comune, all'avvicinarsi di un'estate incerta dal lato turistico, non c'è alcun dubbio che anche in questo caso il mercato sommerso potrebbe trarre profitto dall'incertezza normativa e dall'inevitabile lentezza delle procedure amministrative. Al momento della pubblicazione di questo articolo, gli annunci di vendita sono ancora disponibili e visibili a utenti della Dark Web, anche se – sottolineano gli esperti di Swascan – non è sempre possibile verificare al 100% l'attendibilità dei vari venditori.

"Ad oggi (Aprile 2021) i marketplace consultati da Swascan sono ancora aperti. Anche se abbiamo scelto di non verificare fino in fondo alla catena transazionale se si trattasse di scammer o meno (possibilità comunque concreta). Questo è solo un esempio delle centinaia di e-commerce simili che ogni giorno appaiono e scompaiono sul Dark Web", ha aggiunto Iezzi.

Il messaggio è chiaro, secondo il CEO di Swascan: "Se il commercio di documenti contraffatti già a sé stante può rappresentare un rischio per la sicurezza nazionale, una volta che entra in gioco anche la questione immunità e salute la questione potrebbe assumere aspetti ancor più preoccupanti".

Ti potrebbe piacere anche

I più letti