Milano Moda Uomo: l’avventurosa e raffinata ribellione dell’avere il proprio stile
Emporio Armani
Milano Moda Uomo: l’avventurosa e raffinata ribellione dell’avere il proprio stile
Collezioni

Milano Moda Uomo: l’avventurosa e raffinata ribellione dell’avere il proprio stile

Improvvisazione e individualità, apre con questi due temi precisi il calendario di Milano Moda Uomo, secondo il marchio Gucci, che sfila per primo, accompagnato dalla musica e dalla performance della band Ceramic Dog di Marc Ribot.

Il suono dei brani «noise rock», di cui l’improvvisazione è la caratteristica identitaria, scadenza le uscite dei look maschili di lusso artigianale disegnati dal team stilistico della Maison che vogliono, come regola, essere animati dalle personalità di chi li indossa. Seduzione e mascolinità dalle varie sfaccettature, anche quando si vestono i pezzi in tessuto monogramma Crystal GG in canvas lucente, creato negli anni Settanta e reinterpretato in colori vivaci e tonalità pastello, utilizzato anche per le borse e le calzature di stagione.

E ancora l’accessorio gioca sullo styling e le silhouette fluide, dai gioielli signature con moschetti, il simbolo della croce oppure quello del pistone (che ricorda Tom Ford), al foulard vintage che decora pantaloni jogger e denim. Tutto si può trasformare e reinterpretare, la giacca toglie le maniche e i pantaloni da lunghi diventano corti; i pezzi sportivi si accostano all’allure della danza mentre i capi scultorei da motociclista si mescolano a quelli urbani.

Gucci

Paddock e motori conquistano il guardaroba di DSquared2 firmato da Dean e Dan Caten, una collezione co-ed fra l’uomo e la donna, che si scambiano ruoli e attitudini: l'atleta, il goth, l'emo, l’adolescente e altri stereotipi rimessi insieme con allure contemporaneo, anche qui conta la libertà di esprimersi ed essere chi si vuole essere.

Il denim iconico non manca, elaboratamente trapuntato con proporzioni contrastanti di ampiezza o riduzione, accanto ai pantaloni cargo e chinos e a camicie e giubbini con frange svolazzanti in stile «cowguys». Sotto ci stanno maglie grosse o canotte sexy brillanti.

Piumini, montoni e cappotti riscaldano la figura che galoppa segnando il passo con stivali western ricamati. I personaggi dell'iconico gioco arcade Pac-Man sono stampati sulle magliette, parte di una nuova collaborazione con il marchio, alternato a paesaggi con cervi e abeti fusi in un nuovo design.

DSquared2

Anche Roberto Cavalli anticipa con una capsule Pre-Fall 2023 il concetto di guardaroba versatile ed eclettico, pensato dal direttore creativo Fausto Puglisi come una reinterpretazione degli archetipi della moda maschile attraverso un filtro moderno, nello stile della Maison. Il risultato è una collezione di essenziali che mescolano tradizione e innovazione, con un avventuroso tocco western che si fa strada: nei preziosi intarsi in pelle, nelle decorazioni di turchesi sui pezzi sartoriali, nei giubbotti e nelle camicie di flanella, insieme ad immancabili poncho con frange e jeans dall’effetto vissuto.

DSquared2

Roberto Cavalli

Le note romantiche della campagna bilanciano il fascino del gusto metropolitano nella nuova proposta di Billionaire. Qui l’ispirazione è stata presa dalla spettacolare costa britannica del Dorset, dalle forme astratte di beige sulla parete rocciosa, agli infiniti prati verdi che si tuffano improvvisamente nel mare blu in tempesta; comunque una metafora per l’uomo moderno pronto ad affrontare qualsiasi avversità e ostacolo.

L’attitudine al lusso e al potere, fedele al dna del brand, è ammorbidita da questo ritorno ai toni della terra mixati ai tessuti opulenti, creando una nuova giustapposizione di proporzioni ed eleganza. L’armatura conta su giacche e camicie luxury, pantaloni attillati, felpe e cappotti di design, perfettamente realizzati per i freddi mesi invernali.

Billionaire

È sempre l’universo sartoriale in stile rétro Savile Row la fonte d’ispirazione delle collezioni Moschino Uomo Autunno/Inverno 2023. Jeremy Scott scompone e ricrea i codici dell’abbigliamento sartoriale maschile declinandoli per le diverse occasioni, sottolineando ritagli di stoffe e cartamodelli, combinati per dar vita a look dal forte impatto.

Cappotti e blazer in patchwork, giacche e abiti destrutturati, resi speciali da un tripudio di texture, tipico delle botteghe in cui si scelgono i migliori materiali.

«MSGM Dreamers University» è una nuova università immaginaria per una nuova generazione di ragazzi che celebrano la creatività e la libertà d’espressione, il potere delle idee e dell’arte, in qualsiasi sua forma. I capi sfilano insieme alla colonna sonora dei CCCP: c’è la ribellione dell’essere giovani ma c’è anche «poesia, bellezza, romanticismo e amore, le cose che ci tengono in vita» dice Massimo Giorgetti, direttore creativo.

Simboli araldici, stemmi ed effigi in stile college si ritrovano sui look da campus: maglioncini v-neck, joggers, felpe, maglioni, cappotti e coach jackets, cardigan, cravatte e camicie in flanella.

MSGM

Il volo, nel segno dell’aquila di Emporio Armani, sollecita lo spirito di avventura e di esplorazione della moda in una collezione che omaggia la figura e i look dell’aviatore degli anni Trenta. Eleganza rilassata ma sofisticata, gusto sportivo e volumi avvolgenti, per una silhouette fascinosa e di ampio respiro: cappotti, trench, caban e blouson sono indossati con pantaloni dalla lunghezza abbreviata e con stivali e stringate dalle suole massicce.

I disegni si espandono su tutto, anche sulle t-shirt, realizzate nelle stesse lane di cappotti e pantaloni. Immancabili i bomber avio dal sapore vintage, i lunghi cappotti, i cardigan abbinati ai gilet, nuovi twin-set di stagione.

MSGM

Brunello Cucinelli parte dai suoi amati classici per risvegliarne il carisma e aprirli a nuove interpretazioni e commistioni. In questo spirito, fondato sul profondo studio dei codici e sull’attenta sensibilità alle suggestioni contemporanee, nasce la nuova collezione incentrata sull’importanza del tempo, della coltivazione del sapere artigianale e degli abbinamenti, che fanno acquisire ogni giorno nuovi e più ricchi significati.

Ogni look ha un capo principale, un cappotto sartoriale in cashmere, una speciale maglia fatta ai ferri, un abito in un tessuto prezioso. I colori, ispirati ai blend dei vini, mostrano il loro affinamento che valorizza le sfumature più sofisticate e sottili.

L’abito contemporaneo e confortevole interpreta lo stile di alta qualità dei materiali e delle lavorazioni, così come la maglieria avvolgente conferisce un gusto outdoor «senza tempo», senza dimenticare gli accessori frutto di raffinate lavorazioni artigianali.

Brunello Cucinelli

Partner ufficiale della mostra fotografica di Vincent Peters a Palazzo Reale di Milano, Boglioli trae ispirazione dalle icone del cinema e crea nuove silhouette moda destrutturate e confortevoli, con una forte attrazione per i materiali esclusivi e pregiati.

Alcuni capi sono ibridi, rivelano fluidità e si prestano ad interpretazioni personali: lo stesso può diventare una camicia o una giacca, in base allo stile di ciascuno.

Texture dalle morbidezze tattili, velluti e lane d’agnello diventano i protagonisti dello stile urbano accanto ad altri classici reinventati con trattamenti innovativi.

Boglioli però non tradisce la sua identità e i tagli sartoriali sono perfettamente costruiti e foderati, talora creando un tutt’uno: i pantaloni e la maglieria sono realizzati con gli stessi materiali utilizzati per le giacche.

Boglioli

Per Kiton e Brioni il lusso esplora le proposte formali, quelle del tempo libero e la sera modana. Come nei film hollywoodiani, lo smoking di Kiton è il protagonista per gli eventi prestigiosi cui è chiamato a partecipare. La maglieria e i suoi motivi a quadri ricordano i segni geometrici dell’arte di Mondrian e i capi sportivi hanno una forte e decisa attitudine alla trasversalità e funzionalità. Impossibile non combinare eleganza con morbidezza, fra i filati che tessono gli abiti, dai volumi comodi e ampi, ci sono il double di cashmere e la Vicuña, i più pregiati al mondo.

Brioni punta sul guardaroba del tempo libero, senza rinunciare al cappotto militare, ripreso dall’archivio e attualizzato nei volumi, alla rivisitazione del car coat e al pantalone con cintura in tessuto.

Brioni

Stefano Seletti, direttore creativo dell’azienda omonima di design, è il fondatore del fashion brand «Ritos», progetto trasversale e sperimentale di abbigliamento gender free dall’identità libera e inclusiva.

Prodotto artigianalmente in Italia, porta una originale riflessione su mondi e culture diversi, contaminandosi nei tessuti e materiali, anche quelli appartenenti alla decorazione di interni e all’arredo, come passamanerie, bordure, rivestimenti, frange e nappe.

Ritos, acronimo del claim (R)evolution Is The Only Solution, prevede felpe, giacche, t-shirt, pantaloni, dotati di zip che permettono di aprire i capi trasformandone la configurazione.

«Posso dire di aver in un certo senso invertito il processo; – spiega Seletti - fino ad oggi mi sono spesso ispirato alla moda per arricchire il mio lavoro nel design, con Ritos invece attingo al mondo dell’arredo portandone alcuni elementi nella moda».

Stefano Seletti x Ritos

017 Alyx 9 SM e il suo direttore creativo Matthew M Williams hanno posto una particolare attenzione allo sviluppo di materiali e tessuti, con il desiderio di fondere l'avanguardia tecnica al tradizionale know-how artigianale, anche quando si tratta di capi di matrice sport-street. Alcuni pezzi vedono l'uso esteso di tecniche di usura, rivelando lentamente gli strati sottostanti, altri vengono decorati con borchie applicate a mano. Al termine dello show, l'artista americano Mark Flood, che ha regalato grafiche appositamente sviluppate per la collezione, espone le sue opere al pubblico di Milano.

1017-ALYX-9SM

Woolrich, conosciuto per i suoi capi funzionali e nel tempo sempre autentici, ha pensato a una «Guide to Winter», ideata per comporre il guardaroba versatile ad affrontare qualsiasi condizione atmosferica. Si parte dalle proposte The Western Outdoors, dal gusto americano (si pensi alle camicie di flanella e ad altri miti dall’allure vintage) come il Quilted Patchwork Parka, per approdare all’abbigliamento tecnico e funzionale da Urban Explorers. Capi che offrono performance ed estrema protezione, eppure riescono ad essere leggeri e confortevoli.

I piumini di Add puntano sulla sostenibilità, unita alla eleganza e alla leggerezza (performante). La piuma usata, originaria dalla filiera alimentare, è abile a mantenere l’isolamento termico e la resistenza all’umidità, oltre a recuperare tutto il proprio volume dopo la compressione. Una speciale tasca catarifrangente realizzata in uno fra i tessuti EMF schermanti più potenti può custodire gli smartphone proteggendo dal 99% delle radiazioni. Ogni modello ha poi al suo interno comode bretelle che permettono di togliere il capo in totale rapidità, senza mai abbandonarlo. E questo vale anche per i bomber (facilmente ripiegabili in poncho), i giubbotti motorcycle, i parka, i cappotti e i mini-coat, con una versione preziosa in tessuto Loro Piana.

Si posiziona nel segmento lusso il progetto Ten C, guidato dal gruppo FGF Industry Spa di Enzo Fusco, una collezione di capi spalla che utilizzano il brevettato tessuto jersey giapponese OJJ tinto in pezza. Piumini, giubbotti hanorak, parka per guerrieri metropolitani.

Il nome Ten C significa The Emperor’s New Clothes (I vestiti nuovi dell’imperatore), capi iconici pensati per durare nel tempo e vivere insieme al protagonista che li indossa. Adatti alle temperature estreme, con il tempo si modellano impercettibilmente sul proprietario quasi come un tatuaggio della storia che ha vissuto.

Ten C

Fra gli ultimi protagonisti delle prime giornate di MMU, K-Way presenta i suoi prodotti nel nuovo BasicVillage (in via dell’Aprica 12 a Milano) aperto come nuova sede di gruppo nella scorsa stagione. In primo piano la collezione R&D, l’antipioggia per eccellenza e giacca impacchettabile, rielaborato con la ricerca e la tecnicità più recenti. Le silhouette giocano con volumi, lunghezze e texture, rivisitando anche classici come il bomber, il piumino, l’hanorak e i blouson, tutti pensati per costruire look a strati, con pragmatismo ma anche con spirito ludico.

K-Way

I più letti