Il gioco delle illusioni di Gucci
Gucci (Matteo Canestraro)
Il gioco delle illusioni di Gucci
Collezioni

Il gioco delle illusioni di Gucci

Alessandro Michele riesce ancora a stupire. A dieci anni dal suo ingresso in Gucci - e a sette dalla nomina a direttore creativo - l’eclettico stilista sembra abbia ancora molti assi nella sua manica.

Questa sfilata, più di altre, è apparsa però più personale. Non confondiamoci, l’animo di Michele resta intatto così come la sua capacità di sfidare i preconcetti e le regole della femminilità e della mascolinità, ma con «Twinsburg» il creativo lascia intravedere una parte più intima di sé, spesso nascosta dietro il suo distintivo approccio «camp».

«Sono figlio di due madri» esordisce Alessandro Michele nelle note della sua ultima collezione. «Mamma Eralda e mamma Giuliana. Due donne straordinarie che hanno fatto della gemellitudine il sigillo ultimo della loro esistenza. Abitavano uno stesso corpo. Si vestivano e pettinavano allo stesso modo. Erano magicamente specchiate. L’una moltiplicava l’altra. Quello era il mio mondo, perfettamente doppio».

È in onore delle due donne - entrambe scomparse - che l’ultima sfilata di Gucci esplora cosa significhi il termine «individualità» e come la natura gemellare presenti un «ossimoro perturbante che sollecita a pensare che non tutto è quel che sembra». La passerella si anima così di 68 coppie di gemelli che sfilano insieme, tenendosi per mano, con outfit perfettamente identici.

(Cosimo Sereni)

La location, divisa in due e resa lo specchio del lato nascosto - con un muro a dividerla ricco di volti, espressioni, fotografate da Mark Peckmezian - chiedono allo spettatore di prestare ancora più attenzione, di guardare ai dettagli, agli emozioni.

In questa estrema evoluzione dell’ultima apparizione di Michele al MET Gala - insieme a un identico Jared Leto - l’anima rivoluzionaria di Gucci si fa ispirare da mondi diversi che, solo sulla sua passerella, riescono a diventare complementari. Troviamo così look preppy accanto all’abbigliamento da discoteca anni Ottanta, outfit hippie bohémien e ispirazioni orientali sotto forma di qipaos e dudous abbinati a copricapi con perline multicolori e catenine futuristiche.

Il concetto di “gemellitudine” si realizza anche attraverso la presenza di Mogwai, il Gremlin dell’omonimo film cult che si moltiplica in orde al contatto con l’acqua - «la proiezione del tuo io malvagio» - indossato come un ciondolo per borsa o stampato in versione maxi su gonne e abitini.

«Uso la passerella come palcoscenico teatrale e la moda parla fortemente di idee di diversità. So di avere un altro lato di me: lo incontro quando vado dal mio terapista. Abbiamo tutti un altro lato di noi, e a volte incontriamo quella persona e ci teniamo per mano» ha dichiarato Michele, visibilmente commosso, al termine dello show.

«Questo è il modo più visibile per dire che ho bisogno di libertà» ha poi aggiunto lo stilista. «Ma alla fine della giornata, tutti hanno bisogno di libertà ora».

Gucci vince ai Sustainable Fashion Awards del CNMI

Gabriela Bordabehere

Una collaborazione che diventa simbolo del cambiamento in corso nel sistema moda e di una nuova visione della filiera produttiva che parte dalla terra: sono queste le ragioni alla base del premio The Climate Action Award attribuito a Gucci durante la cerimonia di consegna dei CNMI Sustainable Fashion Awards 2022, con cui si è chiusa la Milano Fashion Week SS2023.

Organizzati dalla Camera Nazionale della Moda Italiana in collaborazione con la Ethical Fashion Initiative (EFI) delle Nazioni Unite e con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dell’Agenzia ICE e del Comune di Milano, i CNMI Sustainable Fashion Awards 2022 hanno premiato personalità e realtà virtuose che, nel mondo della moda italiana e internazionale, si sono distinte per l’impegno dedicato alla sostenibilità nella sua accezione più alta: per visione, innovazione, impegno per l’artigianato, riconoscimento delle differenze, economia circolare, diritti umani e giustizia sociale e lotta al cambiamento climatico.

Accanto alle due menzioni ricevute dalla Maison per Demetra/Gucci Off The Grid finalista nella categoria The Groundbreaker Award e per CHIME FOR CHANGE finalista nella categoria The Philanthropy and Society Award, il premio The Climate Action Award riconosce il valore del percorso intrapreso da Gucci nell’ambito dell’agricoltura rigenerativa e premia il progetto NATIVA™ Regenerative Agriculture Program, avviato da Gucci in Uruguay in collaborazione con Chargeurs Luxury Fibers, uno dei maggiori trasformatori di lana nel mondo. Un progetto che vede coinvolti dieci aziende agricole, tra cui La Soledad, guidata da Gabriela Bordabehere.

Sfidando il pregiudizio che la pastorizia nella Pampa, patria dei leggendari Gaucho, sia un lavoro esclusivamente maschile, Gabriela ha preso le redini dell'azienda del marito all’età di quarant’anni, decisa a guidarla verso il futuro. Da allora, di anni ne sono passati quasi venti e La Soledad è diventata un'azienda modello, che esemplifica al meglio i benefici dell’agricoltura rigenerativa, non solo sul territorio ma anche sulla comunità. Un impegno, quello di Gabriela e de La Soledad, finora sconosciuto ai più, e che oggi sale sul palcoscenico internazionale grazie al prestigioso riconoscimento, ritirato da Gabriela stessa e dal Presidente e CEO di Gucci, Marco Bizzarri.

Il pop-up beauty di Gucci Flora

Gucci presenta la sua fragranza Gucci Flora Gorgeous Jasmine Eau de Parfum in un incredibile pop-up, aperto al pubblico fino al 27 settembre in Piazza Cordusio a Milano.

Il pop-up, dalle tonalità pastello che riflettono il mondo gioioso descritto nella campagna, offre agli ospiti l'opportunità di immergersi nella #FloraFantasy. Qui, i visitatori possono scoprire il nuovo profumo, i suoi ingredienti e l’ampia gamma del make-up Gucci Beauty, che per l’occasione si arricchisce di una dimensione inedita con un duo di prodotti in edizione limitata, rivestiti della caratteristica stampa Flora.

Questa collezione di make-up è la prima ad essere ispirata da una fragranza della Maison e comprende Gucci Palette Beauté Des Yeux Gorgeous Flora, una lussuosa palette di ombretti dalla texture morbida, e Gucci Rouge De Beauté Brillant Flora, un rossetto ibrido che offre 24 ore di idratazione e una lucentezza altamente pigmentata.

I più letti