Sport

Quando Neymar era del Real Madrid...

... che lo scartò per non pagare 60.000 euro. 'As' pubblica il contratto firmato dal brasiliano nel 2006

Il documento è conservato negli archivi della federazione madrilena e risale alla primavera del 2006. ‘As’ lo ha scovato e pubblicato a tutta pagina come risposta alle punture di spillo provenienti da Barcellona sui costi dell’affare-Bale. E’ la guerra di Spagna che vede contrapposte Barca e Real. Neymar contro Bale: chi vale il prezzo che è stato pagato?

La vicenda viene ricostruita così, con tanto di materiale originale allegato in esclusiva. Nel marzo 2006 Neymar arrivò a Madrid e si allenò per due settimane a Valdebebas, firmando anche un documento che lo legava al Real Madrid. L’intenzione era fargli giocare qualche partita delle giovanili nel finale di stagione e i provini furono positivi, tanto che ci fu il via libera del settore tecnico.

Solo che all’ultimo il Real si rifiutò di pagare 60mila euro che rappresentavano la commissione per l’agente che aveva portato Neymar in Spagna, accompagnato anche dal padre. Niente soldi per Wagner Ribeiro e fine della storia. A decidere che non si potevano spendere quelle cifre fu tale Carlos Martinez de Albornoz, dirigente amministrativo del club che in quelle settimane si trovava in piena campagna elettorale e senza una vera guida. Pessimo affare visto che in sette anni il valore di Neymar è cresciuto di 950 volte: da 60.000 a 57.000.000 euro.

‘As’ racconta che il 30 marzo 2006 Neymar assistette alla vittoria larga del Real Madrid contro il Getafe al Bernabeu. Era una ragazzino di 14 anni che sognava di vestire la maglia ‘blanca’. Un giorno prima (29 marzo 2006) aveva firmato il suo contrattino su carta intestata della federazione.  Sette anni dopo sarebbe atterrato sul pianeta-Barcellona, quanto di più distante possa esistere dal sogno madrileno.

© Riproduzione Riservata

Commenti