Dieta

Obesità: un costo sociale in continuo aumento

La spesa sanitaria delle persone in grave sovrappeso è del 25 per cento più alta di quella degli individui normopeso. I dati presentati dal Barilla Center for Food and Nutrition

obesita

Crescita esponenziale per il fenomeno obesità, che oggi colpisce 500 milioni di persone nel mondo (secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità) e nel 2015 potrebbe raggiungere quota 700 milioni. Quelle considerate in sovrappeso sono 1,5 miliardi e diventeranno 2,5 miliardi entro il 2015. Un'epidemia globale, con punte più elevate nei paesi ricchi come gli Stati Uniti, dove il 68 per cento della popolazione è sovrappeso, con 61 milioni di persone obese.

Ma quanto costa alla comunità l'aumento di peso dei cittadini? In Europa circa 236 miliardi di euro all'anno, e quasi l'8 per cento della spesa sanitaria a livello mondiale; spesa che rischia di esplodere anche in Italia, dove un bambino su tre è obeso . La spesa sanitaria sostenuta da un obeso è mediamente il 25% più alta rispetto a quella di un soggetto normopeso. Ipotizzando una vita media attesa della persona obesa di 75 anni, un diciottenne obeso comporta un costo sociale totale di circa 100.000 euro in più rispetto ad un coetaneo normopeso.

Sono i dati del Barilla Center for Food and Nutrition (Bcfn) che domani dedicherà al tema un seminario trasmesso in diretta streamingo sul sito.

Tra i suggerimenti principali del centro studi sul cibo e la nutrizione:

- Insegnare ai abitudini sane fin dall'infanzia, incentivando l'attività sportiva e l'educazione alimentare nelle scuole.

- Programmare un impegno congiunto di governi e settore privato.

- Diffondere la cultura della prevenzione, parlando con le persone del problema obesità per far diventare i comportamenti sani delle scelte consapevoli.  

Oltre ai costi sanitari, inoltre, vi sono poi quelli indiretti: minore produttività lavorativa, costi ambientali più alti legati a maggiori consumi di carburante e conseguenti emissioni di gas serra, minori rendimenti scolastici.

© Riproduzione Riservata

Commenti