Sono stati annunciati oggi i nomi di tutti i fotografi giunti alla fase finale dei Sony World Photography Awards, edizione 2016. L'ormai celebre concorso fotografico organizzato dalla World Photography Organisation ha superato nuovamente il record di iscrizioni, con 230.103 foto sottoposte alla giuria da autori di 186 Paesi del mondo. 

Con un aumento del 129% dei fotografi italiani in concorso (con 16.829 foto) rispetto al 2015, sono 28 gli autori del Bel Paese in lizza per la proclamazione dei vincitori nella rispettiva sezione e categoria - nonché per il titolo di Fotografo dell'anno (L'Iris d’Or) - che avverrà il prossimo 21 aprile a Londra, nel corso di una cerimonia di gala, con premi fino a 30.000 dollari americani. Nessun altro Paese ha contato più finalisti nelle diverse categorie. 

"I fotografi italiani, che rappresentano la Penisola nella sua totalità, da Aosta a Palermo, sono stati selezionati per l’eccezionale varietà delle tecniche impiegate e per la potenza narrativa dei loro scatti", iscritti in 13 categorie tra Professionisti, Open e Giovani. 

Ecco l’elenco dei finalisti selezionati dalla giuria di esperti:

Professionisti
Laura Aggio Caldon, Temi contemporanei
Alberto Alicata, Fotografia di posa
Francesco Amorosino, Natura morta
Ilva Beretta, Natura morta
Valerio Bispuri, Fotografia Spontanea (Candid)
Marcello Bonfanti, Ritratto
Jean-Marc Caimi, Vita quotidiana
Giancarlo Ceraudo, Fotografia spontanea (Candid)
Alessandro D’Angelo, Persone
Francesco Fratto, Persone
Simona Ghizzoni, Temi contemporanei
Gabriele Micalizzi, Attualità
Andrea e Magda Micelli, Attualità
Alessandro Penso, Attualità
Daniele Robotti, Natura morta
Andrea Rossato, Fotografia spontanea (Candid)
Cristina Vatielli, Fotografia di posa
Filippo Venturi, Persone

Open
Salvo Bombara, Fotoritocco (Enhanced)
Valter Bernardeschi, Natura e animali
Maurizio Casula, Panorami
Stefano Guerrini, Panorami
Luca Laghetti, Fotoritocco (Enhanced)
Michele Liberti, Persone
Christian Massari, Natura e animali
Simona Tedesco, Natura e animali 

Giovani
Giorgio Granata, Ambiente
Anais Stupka, Ambiente

Nelle categorie dedicate al documentario, le tematiche sociali e geopolitiche sono risultate prevalenti, con lavori sull'emarginazione delle comunità Rom (Valerio Bispuri), sulla crisi dei rifugiati attualmente in corso nel Mediterraneo (Gabriele Micalizzi, Alessandro Penso e Francesco Fratto) e sulle problematiche ambientali che interessano l’Asia. Sono stati inoltre selezionati alcuni drammatici scatti che denunciano la violazione dei diritti delle donne in Kenya (Simona Ghizzoni), i matrimoni precoci imposti alle richiedenti asilo siriane in Libano (Laura Aggio Caldon) e un toccante ritratto dei sopravvissuti a Ebola in Africa (Marcello Bonfanti).

La fotografia artistica vede in campo la reinvenzione delle opere iconiche di Irving Penn e Mario Testino con protagoniste delle Barbie (Alberto Alicata), le muse di Picasso omaggiate da sette intensi ritratti femminili (Cristina Vatielli), e un approccio innovativo alla food photography, che vuole trasformare in forma d'arte la tradizione gastronomica italiana (Francesco Amorosino e Ilva Beretta).

Le fotografie panoramiche e aeree proposte dai fotografi italiani dei concorsi Open e Giovani hanno immortalato la bellezza della natura e delle specie selvatiche, dai cieli stellati dell’estremo nord ai pinguini della Patagonia (Christian Massari), rendendo onore alle fragili vette alpine italiane patrimonio Unesco (Stefano Guerrini) e ai fondali marini del Mediterraneo (Salvo Bombara).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Sony World Photography Awards

Anno dopo anno, il mondo come lo raccontano i fotografi insigniti - o in gara per esserlo - dell'importante premio fotografico ideato dalla World Photography Organisation

Commenti