Lavoro

Pensioni: cosa cambia dal 2013 con le regole della Fornero

A riposo sempre più tardi e con molti assegni che non tengono il passo dell'inflazione. Ecco le novità in arrivo dal prossimo anno

I contenuti di questo post sono stati prodotti in autonomia dall’autore che appare nella sezione autore prima dell'inizio del testo, i contenuti di questo post possono essere associati a un brand promozionale tramite la dicitura “sponsorizzato da” oppure “offerto da” con il logo dello sponsor ben visibile.

Pensionati in fila alle Poste (Credits:Ciro Fusco/Ansa)

Una data già scritta sul calendario da più di un anno: 1° gennaio 2013. E' il giorno in cui  inizierà la rivoluzione del sistema previdenziale italiano, messa in atto dal ministro del welfare, Elsa Fornero , e dalla sua contestatissima riforma delle pensioni. Ecco cosa cambierà fra poco più di 3 settimane.

LA RIFORMA DELLE PENSIONI DI ELSA FORN ERO

LE PENSIONI DEGLI ITALIANI E L'INFLAZIONE

Anche per il 2013, come è avvenuto quest'anno, ci sarà il blocco delle rivalutazioni delle pensioni superiori a 1.443 euro lordi. Gli assegni che oltrepassano questa soglia, non verranno adeguati all'inflazione. Le rendite al di sotto dei 1.443 euro, invece, saranno incrementati in base al costo della vita (3% circa). Si tratta però di una norma transitoria che, nel 2014, potrebbe scomparire.

LE NUOVE PENSIONI ANTICIPATE.

I cambiamenti più importanti all'orizzonte con la riforma previdenziale del ministro Fornero riguardano invece l'età di congedo dal lavoro. Già dallo scorso anno, sono sparite infatti le pensioni di anzianità (che permettevano di mettersi a riposo con determinati requisiti anagrafici e contributivi) e sono state sostituite da una pensione che viene detta  “anticipata”. Nel 2013, si potrà andare in pensione con 42 anni e 5 mesi di contributi (nel caso degli uomini) o con 41 anni e 5 mesi (per le donne), indipendentemente dall'età. Sono previste però penalizzazioni per gli under 62. Nello specifico, chi non ha ancora raggiunto questa soglia anagrafica ma decide comunque di andare in pensione, subirà un taglio dell'assegno maturato dell'1% per ogni anno che precede il compimento dei 62 anni e del 2% per ogni anno che precede il compimento dei 60 (per chi decide di mettersi a riposo ancora più presto).

LE NUOVE PENSIONI DI ANZIANITA'.

Il prossimo anno crescono di 3 mesi, rispetto al 2012, i requisiti per accedere alle pensioni di vecchiaia, che consentono di mettersi a riposo dopo aver raggiunto una determinata soglia di età, indipendentemente dagli anni di contributi.

Dal 2013, tutti gli uomini e le donne impiegate pubbliche potranno congedarsi dal lavoro a 66 anni e 3 mesi, le donne lavoratrici autonome a 63 anni e 9 mesi, e le donne dipendenti delle aziende private a 62 anni e 3 mesi. Dal 2013 in poi, inoltre, la soglie dell'assegno di vecchiaia cresceranno di pari passo con le aspettative di vita della popolazione (rilevate dall'Istat) e le donne raggiungeranno gli stessi requisiti anagrafici degli uomini entro il 2018. Le giovani generazioni di oggi, dunque, si metteranno a riposo sempre più tardi. Ecco 4 esempi concreti per altrettanti profili di lavoratore.

Chi oggi ha 26 anni, riceverà la pensione di vecchiaia nel 2056 dopo aver compiuto 70 anni e 6 mesi

Chi oggi ha 36 anni, maturerà il diritto all'assegno tra il 2045 e il 2046 con 69 anni e 8 mesi

Chi oggi a 46 anni, potrà congedarsi dal lavoro con i requisiti di vecchiaia tra il 2034 e il 2035 con 68 anni e 8 mesi

Chi oggi ha 56 anni potrà mettersi a riposo nel 2023 con 67 anni e 5 mesi.

IL REBUS DELLE RICONGIUNZIONI

IL PROBLEMA DEGLI ESODATI

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>