Aziende

Rai, via libera del Cda al piano Gubitosi per il riordino dei Tg

Si arriverà a una redazione unica con un risparmio fra gli 80 e 100 milioni

Il direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi (Credits: ANSA/DANIELE MASCOLO)

Il Cda della Rai, riunito a Milano, ha approvato il piano del direttore generale Luigi Gubitosi sul riordino dei tg che dovrebbe consentire a regime risparmi compresi tra 80 e 100 milioni di euro. Secondo quanto di apprende hanno votato a favore cinque consiglieri su otto.

"Dopo 35 anni finalmente si riesce a cambiare, cade un muro invisibile ma storico" ha commentato Gubitosi. Il piano, dice, darà all'azienda ad una redazione unica. "A 3 anni dall'implementazione - aggiunge - la Rai stima di poter risparmiare con 70 milioni all'anno".

Secondo Gubitosi "cambia l'informazione: sarà migliore, più aggiornata" riportando l'azienda a uno "standard internazionale adottato da tutti gli altri broadcaster". "Arriveremo - ha aggiunto - a una redazione unica, ma faremo prima un passaggio dividendo in due le nostre attuali testate".

"Oggi - spiega - ne abbiamo almeno 6 televisive e diventeranno 2 che confluiranno in un'unica redazione". Un modello che Gubitosi paragona a "quello della Bbc storica" verso il quale però "stanno convergendo un po' tutti gli operatori".

Il piano è, secondo il manager Rai, "una gran semplificazione che ci permetterà di fare ancora più cose, di dare maggior qualità e servizio ai nostri utenti". Quanto alle ricadute occupazionali Gubitosi ha assicurato che "ci sarà una migliore utilizzazione dei giornalisti e di tutto il resto del personale".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti