ratata-4-festival-macerata-2017-00
Fumetti

Ratatà 2017, il disegno in Festival a Macerata

Cultura in barba al terremoto: illustrazione, fumetto, arte ed editoria indipendente in mostra

Dal 20 al 23 aprile il centro storico di Macerata torna ad animarsi con Ratatà, un bel festival di respiro internazionale dedicato al disegno in tutte le sue espressioni. Non era scontato, visti i problemi legati al terremoto che nell'ultimo anno hanno coinvolto tanto la città quanto il gruppo indipendente di artisti locali che organizza la manifestazione.
E proprio al tema della perdita della casa, della sicurezza e dell'identità che è dedicata la mostra "Maisons Perdues", una collettiva di artisti da tutta Europa che va a raccogliere riflessioni sull'affrontare i più destabilizzanti cambiamenti sociali e ambientali.

1127004

Il festival si articola con un'offerta varia e coinvolgente che alle esposizioni affianca concerti, laboratori per grandi e piccini, interventi di arte urbana, documentari e incontri con gli autori.
Centro pulsante sarà la mostra mercato, dedicata a stampe artigianali ed editoria autoprodotta e indipendente, italiana ed internazionale, a cui come sempre si consiglia una visita per scoprire l'affascinante produzione che non arriva nei comuni negozi delle nostre città.

Il festival presenta davvero tante mostre, che offrono finestre su immaginari diversi e stimolanti.
Tra i nomi più noti spicca il canadese Jesse Jacobs (autore dei romanzi a fumetti "Safari Honeymoon" e "E così conoscerai l'universo e gli dei"), che viene consacrato con una mostra di visionarie serigrafie tratte dalle sue opere e con l'uscita di ben due libri: "Bumper Crop" (edizione d'arte di Strane Dizioni) e il racconto horror "They Live in Me" (Hollow Press).

1127005Il ligure Prof. Bad Trip, illustratore e fumettista underground scomparso nel 2006, viene ricordato con una ricca retrospettiva che mette in risalto i suoi alti risultati formali. 

L'illustratrice e fumettista tedesca Anke Feuchtenberger, apprezzata per il suo stile lucido e spietato a cavallo tra Europa occidentale e orientale, presenta una selezione di opere recenti, compreso un trittico ideato appositamente per il festival.

1127006

Si raccomanda la consultazione del programma completo del festival.

Si ringrazia Nicola D'Agostino per la collaborazione nella realizzazione dell'articolo.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti