ennis-percio-caliban-00
Fumetti

‘Caliban’: terrore dall’iperspazio profondo!

Dall’autore di Preacher un claustrofobico horror fantascientifico

“Caliban” è un volume a fumetti scritto dall’irlandese Garth Ennis e disegnato dall’argentino Facundo Percio ed edito in Italia da Panini Comics.

Il titolo di sapore shakespeariano fa riferimento alla nave spaziale Caliban che, durante una delle sue missioni alla ricerca di materiali preziosi, si scontra con un altro velivolo, di origine aliena. La trama di Ennis mischia fantascienza ed orrore e prende le mosse da film come "La Cosa" e "Alien", inscenando una sfida disperata fino all’ultimo membro dell’equipaggio contro una minaccia apparentemente inarrestabile, in un’atmosfera claustrofobica.

1197264

L’azione, breve e cruenta, è ben controbilanciata dalla buona caratterizzazione della ciurma della Caliban. Nonostante le premesse non originali e l’inclusione di parecchi cliché del genere fantascientifico (viaggio nell’iperspazio, ibernazione dell’equipaggio, necessità di uscire all’esterno per riparazioni) ed horror (tentacoli lovecraftiani, geroglifici, archiettura pseudo organica), l’intreccio funziona e la lettura è avvincente, in un crescendo di tensione sino alla fine.

1197268


Il merito è perlopiù di Ennis, narratore smaliziato, celebre per serie come Preacher e Punisher. I colpi di scena arrivano tutti al punto giusto, i dialoghi sono plausibili e qui e lì troviamo spunti interessanti come il modus operandi dell’essere alieno, alla cui fredda pragmaticità ed assenza di moralità si contrappongono le reazioni degli umani.

Il disegnatore, Facundo Percio, è un po’ rigido nelle espressioni e forse indugia troppo sugli aspetti orrorifici, ma è efficace e comunica bene l’atmosfera inquietante dell’opera, anche grazie ai colori di Hernan Cabrera.

1197269

“Caliban” è un volume a fumetti a colori di 176 pagine. È pubblicato da Panini Comics, che lo propone a 17 Euro.

Nota: si ringrazia Serena Di Virgilio per la collaborazione nella realizzazione dell'articolo.

 
© Riproduzione Riservata

Commenti