Lifestyle

L'Ucraina vista da Jérôme Sessini: la mostra a Torino

Con gli scatti del fotografo francese, membro di Magnum Photos, inaugura il Leica Store del capoluogo piemontese

In contemporanea con l'apertura di Camera, ha inaugurato oggi a Torino, all'interno dello stesso centro culturale, il Leica Store Torino, un nuovo spazio della storica azienda tedesca, leader nella produzione e vendita di macchine fotografiche e strumenti ottici di precisione.

Ai Leica Store già attivi in Italia a Milano, Bologna, Firenze e Roma e alle Leica Boutique presenti in altre sette città italiane - parte di una rete mondiale composta da 58 Store e quasi 100 Boutique - si affianca ora il nuovo spazio del capoluogo piemontese, che si sviluppa su una superficie di 100 metri quadrati. Uno spazio commerciale, dove professionisti e appassionati potranno testare l'intera gamma delle fotocamere Leica, ma anche luogo sociale, che ospiterà mostre fotografiche e incontri con i più significativi autori contemporanei.

In concomitanza con l'apertura dell'esposizione di Boris Mikhailov presso Camera, il nuovo spazio Leica inaugura la mostra Ukraine: Inner Disorder by Jérôme Sessini.

Presente in Ucraina dal febbraio 2014, durante le proteste in piazza Maidan a Kiev, Sessini vi è tornato diverse volte per lunghi periodo di tempo, documentando la vita nella regione del Donbass: un lavoro in profondità sulle conseguenze sociali della violenza, che propone uno sguardo attento su un Paese ripiombato nel clima da guerra fredda e di antiche tensioni tra Est e Ovest del mondo.

Con un allestimento multimediale in cui le immagini fisse (38 scatti di diverso formato, suddivise in 3 sezioni distinte: Mariupol, East Ukraine e Maidan) dialogano con contributi video, suoni, interviste e testi, l'esposizione si propone di presentare i progressi del lavoro sull'Ucraina del fotoreporter francese, dal luglio 2012 membro della prestigiosa Agenzia Magnum, offrendo al pubblico un diverso punto di vista sulla vera e propria guerra civile in atto in quel Paese.

Nell'ottica di rendere accessibili a tutti i contenuti della mostra, la curatrice Alessia Glaviano ha progettato il sito jeromesessiniukraine.com, che riflette e completa l'anima multimediale del progetto con filmati, gallerie fotografiche, mappe interattive e video-interviste all'autore.

Ukraine: Inner Disorder by Jérôme Sessini
a cura di Alessia Glaviano
dal 30 settembre 2015
Leica Galerie Torino
Via delle Rosine 18 Torino

© Jérôme Sessini/Magnum Photos
Mariupol, Ucraina, 15 luglio 2014. Membri del battaglione Azov si rilassano sulla spiaggia [Dettaglio]. Con base a Ourzouf, all'interno dell'ex residenza estiva di Lioudmilla Yanukovych, sulla costa del Mare d'Azov, questo battaglione speciale, costituitosi il 5 maggio 2014, è formato da volontari ucraini che, sotto il comando del ministro degli interni dell'Ucraina, è in campo per combattere l'insurrezione armata filorussa in atto nel Paese. Composto da circa 500 membri, alcuni dei suoi leader appartenevano al disciolto gruppo di estrema destra "Patrioti dell'Ucraina", tra i gruppi più violenti che parteciparono alle proteste di Maidan. Il battaglione Azov battalion ha connessioni anche con il movimento di estrema destra "Pravy Sektor".
Ti potrebbe piacere anche

I più letti