Ufficio Stampa
Televisione

Sanremo 2020: chi sono i 24 Big in gara al Festival

Amadeus ha ufficializzato la lista dei cantanti: le ultime due new entry sono Rita Pavone e Tosca. Intanto scoppia la polemica sulla presenza di Rula Jebreal

Dopo aver scardinato la liturgia delle ultime edizioni, rivelando la lista completa dei Big di Sanremo 2020, lunedì 6 gennaio Amadeus ha ufficializzato la lista dei cantanti in gara durante la puntata speciale de I Soliti Ignoti, vista da oltre 5,3 milioni di spettatori. Prende dunque forma il Festival numero 70, in onda dal 4 all'8 febbraio, con un cast variegato di cui faranno parte anche due new entry, Rita Pavone e Tosca.

Sanremo 2020, chi sono i 24 cantanti in gara

Su Repubblica Amadeus ha ufficializzato i nomi del 22 Big in gara. Cominciamo con la quota talent, ormai immancabile: nel cast del prossimo Sanremo entrano il tenore pop Alberto Urso - vincitore di Amici 18 - e, sempre dall'universo defilippiano, Giordana Angi (seconda classificata nel 2019), Elodie e Riccardo Riki Marcuzzo. Da X Factor con furore, invece, Enrico Nigiotti (per lui seconda partecipazione consecutiva al Festival) e Anastasio, vincitore dello show di Sky Uno nel 2018.

Tra i ritorni si segnalano, in ordine misto, Marco Masini, Achille Lauro, Michele Zarrillo, Francesco Gabbani, Irene Grandi, Le Vibrazioni e Raphael Gualazzi, cui si aggiungono Diodato e l'inedita coppia Bugo e Morgan. Prima volta in assoluto all'Ariston per Piero Pelù, i Pinguini Tattici Nucleari, il rapper Rancore, LevanteJunior CallyPaolo Jannacci e l'inarrestabile Elettra Lamborghini. "Ho scelto i cantanti badando soltanto alle canzoni, che fossero dei pezzi radiofonici, delle potenziali hit. Ho pensato a un Sanremo attuale, a brani da scaricare domani su Spotify, non il classico pezzo soft sanremese: sono canzoni dolci e romantiche ma hanno ritmi scatenati", ha spiegato Amadeus a La Repubblica. Il 6 gennaio è stato poi annunciato l'ingresso nel cast di Rita Pavone - che non partecipa al Festival dal 1972 - e Tosca.

Gli ospiti, le co-conduttrici e il Dopo Festival

Sul fronte ospiti, per ora, i punti fermi sono tre. A Sanremo ci saranno Fiorello - "avrà le chiavi di casa, potrà entrare e uscire dall'Ariston quando e come vorrà", ha annunciato Amadeus - che oltre alle incursioni sul palco principale, condurrà uno speciale in onda su Rai Play tutte le mattine. Già certo poi Tiziano Ferro - presente tutte e cinque le sere - e ancora Roberto Benigni, che torna al Festival dopo qualche anno di assenza. A Nicola Savino è stata invece affidata la conduzione del Dopo Festival, che quest'anno si chiamerà L'altro Festival e andrà in onda solo in streaming su Rai Play.

In arrivo poi il rapper Salmo, mentre sono ancora aperte le trattative per avere nello show evento di Rai 1 Lady Gaga (saltate quelle con Madonna). Al fianco di Amadeus non ci saranno le classiche vallette ma due o più donne speciali per ogni serata: tra i nomi più accreditati, Antonella Clerici, Simona Ventura, Diletta Leotta (ormai certa), Chiara Ferragni, Vanessa Incontrada, Silvia Toffanin, Georgina Rodriguez e Monica Bellucci. "Non ci saranno le due co-conduttrici fisse come in passato. Saranno donne con storie diverse di ieri e di oggi”, ha precisato Amadeus.

La polemica su Rula Jebreal

Proprio il toto-conduttrici ha fatto scoppiare la prima vera polemica del Festival 2020. Dagospia ha infatti svelato l'incontro tra Rula Jebreal e Amadeus, poi confermato dallo stesso conduttore, e nonostante si tratti solo di un'ipotesi, sui social in tanti hanno attaccato in maniera frontale la partecipazione della giornalista palestinese, compresi politici come Daniela Santanché e giornalisti come Daniele Capezzone

"In questo periodo ho incontrato tante donne del mondo dello spettacolo, ma non tutte quelle che ho visto saranno sul palco di Sanremo", ha però precisato Amadeus. "Il 3 gennaio vedrò il direttore di rete e solo allora si concretizzeranno le decisioni sulla scelta della presenza femminile al Festival, legata alla sola logica dello spettacolo, e nient'altro".

Per saperne di più: 


Ti potrebbe piacere anche