Luca Zingaretti è Il giudice meschino su Rai1
Rai
Luca Zingaretti è Il giudice meschino su Rai1
Televisione

Luca Zingaretti è Il giudice meschino su Rai1

La miniserie racconta, in due puntate, il percorso di un magistrato indolente e disilluso che ritrova il senso del dovere quando un suo collega e amico viene trucidato in un agguato

La storia televisiva, Il giudice meschino - tratta dal libro di Mimmo Gangemi, (Einaudi) - è interpretato da Luca Zingaretti che ha al suo fianco come compagna di fiction, oltre che di vita, Luisa Ranieri.

Le due puntate vanno in onda lunedì 3 e martedì 4 marzo su Rai1 in prima serata.

Alberto Lenzi (Zingaretti) è il Pubblico Ministero alla Procura di Reggio Calabria: non gode di stima in quanto considera il suo lavoro quasi una perdita di tempo. E' disincantato e disilluso dalla certezza che i poteri cosiddetti "forti" dominano oramai in ogni settore dello Stato e impediscono il regolare svolgimento delle funzioni al punto da averlo fatto sentire, in passato, un eterno perdente.

Lenzi ha un figlio di otto anni, Enrico, per il quale non è un buon padre. Separato dalla moglie ha una relazione clandestina con con Marina (Luisa Ranieri) maresciallo dei carabinieri che lavora con lui ma non lo stima. La sua vita scorre tra cinismo, indolenza, superficialità. A scuoterlo dall'apatia contribuisce l'uccisione, in uno spietato agguato, del magistrato Giorgio Maremmi (Gioele Dix), suo amico carissimo. La consapevolezza di dover assicurare i killer alla giustizia è immediata e Lenzi riacquista il senso del dovere. Il caso, apparentemente facile, si rivelerà invece molto complicato per gli intrecci tra malavita organizzata, traffico di rifiuti tossici e altre realtà sconvolgenti.

"Il racconto della redenzione del giudice Lenzi che si sottrae alla meschinità di chi si è arreso e ritrova il coraggio di fare il proprio dovere, vuol essere un chiaro messaggio rivolto a quanti sono stanchi di subire passivamente ingiustizia, corruzione, malaffare, criminalità", afferma il regista della serie Carlo Carlei, E continua: "con la morte e l'impegno dimostrato nella professione, Maremmi fa capire al suo collega e amico "meschino" che non ci si può sottrarre al proprio dovere. Lenzi lo comprende e questa volta, per rintracciare gli assassini, non esita a rischiare in prima persona e a mettere in pericolo anche la sua famiglia."

"La storia si svolge in Calabria, terra nella quale il Bene e il Male si scrutano, si osservano, si sfidano, si combattono, senza venire mai a patti", sottolinea Luca Zingaretti. L'attore svela che, a suo parere, per uscire dalla crisi di valori nei quali oggi sembra versare la società, basterebbe che ognuno facesse il proprio dovere di cittadino onesto. Zingaretti sottolinea anche l'appeal della figura del giudice sui telespettatori. Ai magistrati che hanno avuto un gran numero di caduti, va il rispetto, fortunatamente celebrato anche in tv, mezzo di informazione che arriva alla vasta platea di telespettatori.

Flavio Lucisano, produttore de Il giudice meschino, svela: "Siamo riusciti a coinvolgere nell'operazione il Presidente della Regione Calabria, Dott Scopelliti e abbiamo avuto, durante le riprese, il valido aiuto dell'Arma dei Carabinieri e del Presidente del Tribunale di Reggio Calabria".Lucisano fa notare che la miniserie ha un respiro internazionale e si avvale di un accordo con la Germania. Infatti tra gli interpreti ci sono anche attori tedeschi, in particolare Felicita Woll.

Luca Zingaretti è tornato a lavorare con Luisa Ranieri a distanza di nove anni: i due si conobbero sul set della serie Cefalonia, andata in onda su Rai 1.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti