ANSA
Sport

La seconda vita di Fabio Quagliarella profuma di storia

Il capitano blucerchiato non ha mai avuto una media realizzativa così alta: nel mirino ci sono i record in blucerchiato e l'Europa League

Lo scorso febbraio aveva pianto davanti alle telecamere dopo essersi liberato dello stalker che gli stava rovinando la vita da cinque anni, un ex agente della polizia postale (condannato a 4 anni e 8 mesi) che aveva reso impossibile la quotidianità a lui e alla sua famiglia. Oggi Fabio Quagliarella ha ricominciato a fare quello che ha sempre fatto: i gol.

Dopo una lunga carriera è tornato alla Samp a febbraio 2016, 9 anni dopo la stagione che lo consacrò in serie A. Era il 2006/2007 e dopo il primo anno da titolare con l'Ascoli il Quaglia era arrivato in blucerchiato insieme a Mirko Pieri nell'operazione per portare Salvatore Foti a Udine. Da riserva Quagliarella si conquistò la maglia da titolare e chiuse con 13 reti, suo record attuale di marcature in serie A. In questo campionato, il terzo dal ritorno a Genova, Fabio ha già segnato 9 gol in 15 partite, una media realizzativa mai avuta.

A 34 anni si è preso il ruolo di leader, di bomber e anche la fascia di capitano. Un pieno di responsabilità ripagate alla grande sul campo, al punto di essere proposto come soluzione per l'attacco di Ventura prima dell'eliminazione dal Mondiale. A Genova ha ritrovato la serenità, un ruolo da veterano di classe e tanti stimoli: le reti con la Samp in gare ufficiali sono già 38, abbastanza per piazzarsi al 19° posto degli attaccanti più prolifici di sempre in blucerchiato e continuare la scalata ai miti. Davanti ci sono nomi pesanti: Ernesto Cucchiaroni a 41, Antonio Cassano a 43 e Sergio Brighenti a 50, decimo nella top ten dei bomber sampdoriani.

Dove può arrivare Quagliarella? Il mister Giampaolo ha lodato la sua serenità e professionalità: "È lui il nostro top player. Sa gestirsi al meglio e quando fa un allenamento sottotono il giorno dopo è il primo a dare il massimo". Un'arma in più, potenziata dalla fascia di capitano, che servirà alla Samp per inseguire il sogno europeo, un ulteriore traguardo nella seconda ed emozionante vita sportiva del Quaglia.

Per saperne di più


ANSA
Fabio Quagliarella abbraccia Angelo Palombo e Simone Pavan nel 2006 - 12 dicembre 2017
Ti potrebbe piacere anche

I più letti